31 December 2005

4° g - 31 DIC: Palmyra - Sergiopolis - Aleppo, 420km, 7 ore

Partenza presto per Sergiopolis. Ci fermiamo lungo la strada in un anonimo villaggio a comprare un po’ di frutta, e veniamo coinvolti un po’ nella vita locale dalla gente molto accogliente. Visitiamo una macelleria, dove hanno appena finito la macellazione di un agnello, la cui carcassa se ne sta appesa ancora sgocciolante, sopra ad un catino pieno di sangue. Un ragazzo di una quindicina d’anni gioca innocentemente con un altro agnellino, chissà se fra poco toccherà anche a questa bestiola passare sotto i coltelli del macellaio halal?

Ci invitano anche in qualche casa a prendere il tè. Una giovane mamma ci mostra il suo figlioletto con orgoglio ed è fiera di farlo fotografare. Lui sembra un po’ sorpreso ma molto curioso. Purtroppo non abbiamo tempo per approfondire un po' queste fugaci conoscenze di percorso.

Continuando verso Sergiopolis ci fermiamo in uno dei vari mercati itineranti che incontriamo, bancarelle di vestiti, scarpe, incontri casuali ma cordiali. Ne vale la pena.
Sergiopolis

Anche qui H. non voleva farci scendere, diceva che era pericoloso, ma voleva solo tirar dritto, non aveva voglia. O forse non voleva avere a che fare con i nomadi. Boh! Atteggiamento viscido e stupido il suo.

Arriviamo la sera ad Aleppo, una passeggiata per il centro e poi alcuni vanno ad un cenone di capodanno al ristorante Sissi, elgiato sulle guide, con spettacolino, che però poi mi diranno si rivelerà una “sòla”.

Io e Celina ce ne andiamo più tranquillamente in una trattoriola locale, dove con £150 mangiamo ottimo pollo e melanzane in mezzo alla clientela locale, ambiente accogliente anche se un po’ fatiscente, quasi solo uomini in giro la sera. Poi a letto presto, niente festeggiamenti di capodanno.

30 December 2005

3° g - 30 DIC: Damasco – Palmyra, 240 km, 4 ore

Partenza per Palmyra alle 8. Sosta sulla strada che conduce in Irak ad un “Baghdad Cafe". Nel bel mezzo del deserto ua struttura molto conveniente per il viaggiatore assetato. Proseguiamo quindi per Palmyra, e visitiamo con calma il sito, che da solo vale il viaggio.

teatro romano a Palmira

Scopro qui come il natale sia diventato festa a Roma prima del cristianesimo: era la festa del Sol Invictus, il sole invitto degli abitanti di Homs (Emesa), che fornirono ai Romani un aiuto decisivo nella vittoria contro la regina Zenobia Palmyra.

Secondo alcune fonti l’imperatore Aureliano, in segno di riconoscimento, adottò la festività degli alleati per tutto l’impero, innestandola in qualche modo nel precedente culto romano del sole a cui Eliogabalo aveva già dedicato un tempio cinquanta anni prima. Una delle tante varianti per cui in tante civiltà del mondo si festeggia il sole che rinasce, invincibile, a fine dicembre, quando le giornate cominciano ad allungarsi!



Torniamo a Palmyra la sera tardi, al buio, lo consiglio fortemente, per vedere il colonnato illuminato, cambia completamente l’impressione che se ne ha rispetto al giorno. Aria fredda pungente, fortissima escursione termica rispetto alle ore diurne.

C’è qualche negozietto vicino all’alergo, compro saponette di Aleppo. Un rigattiere mi vende una baionetta turca, ricordo un po’ lugubre del lungo periodo di occupazione ottomana. Starà bene insieme allo schioppo ottomano che ho comprato in Yemen.

Discussione più lunga del necessario in serata con la guida che non vuole andare a Sergiopolis il giorno dopo, ma tirare dritto per Aleppo; chissà perché, forse per fregare sul carburante d’accordo con l’autista, o solo per pigrizia. Gli dico che è nel programma, ma è necessario chiamare il corrispondente per chiarire tutto. Irritante.

29 December 2005

2° g - 29 DIC: Damasco

Benvenuti in Siria!
Visita di Damasco. In centro campeggiano enormi poster di Bashar Assad, l’attuale dittatore e qualche gigantografia del padre Hafez, morto del 2000.

Nel mercato coperto un’atmosfera tranquilla, negozzi ricchi e decoratissimi, mi colpiscono alcune vetrine di biancheria intima osé... accanto a veli copricapo. Evidentemente nelle mura domestiche si scatenano!
mercato di Damasco

28 December 2005

1° g - 28 Dicembre 2005, inizio del viaggio

Porto un gruppo di turisti italiani da Milano e da Roma via Istanbul con Turkish Airlines, ottimo servizio e scalo nella metropoli del Bosforo. Le hostess della Turkish sono spigliate, vezzose, europee 100%. Nessuna ha il velo in testa, e servono sorridenti bevande alcoliche gratuite. Ma il menu non prevede carne di maiale.

A Istanbul ci sono varie ore di attesa, alcuni vanno in centro, altri restiamo in aeroporto. Approfitto per leggere qualcosa sul paese. Ho preparato una piccola, anzi minuscola lista di letture per questo viaggio.

Per vedere una proiezione delle foto di questo viaggio clicca qui.

27 December 2005

Itinerario di un viaggio in Siria, 28 DIC 2005 / 5 GEN 2006





View Syria trip 2005 in a larger map

VIAGGIO IN SIRIA, 28 DIC 2005 / 5 GEN 2006

clicca su un itinerario o una data per andare al relativo post

Data
ITINERARIO
ARRIVO
KM
ore
1
DAMASCO
0
0
2
DAMASCO
0
0
3
PALMYRA
240
4
4
ALEPPO
420
7
5
ALEPPO
120
2
6
HAMA
190
5
7
DAMASCO
220
4
8
DAMASCO
280
4
9
Italia
0
0

Totale


1.470
26

17 December 2005

Book Review: Neutral Buoyancy: Adventures in a Liquid World, by Tim Ecott, *****

Synopsis
A brilliant mix of vivid reportage, history and science. Historical diving bells, greek sponge divers, world war two frogmen and record-setting breath hold divers compete for space with misunderstood sharks, weeping turtles, smiling dolphins and erotically shaped sea slugs. From Ireland to Florida, Papua New Guinea to Vienna and the Bahamas to Seychelles, Neutral Buoyancy is travel writing of the most fascinating, readable kind; providing a window - or a view from a glass bottomed boat - on a rich, unfamiliar and unique destination. Travel writing of this quality makes Neutral Buoyancy a must for all armchair travellers, not just divers.

03 December 2005

Book Review: Investment Biker, by Jim Rogers, *****

Synopsis

Wealth does strange things to people. It can either control them or set them free. Jim Rogers falls into the latter camp. Like an angst-free Marlon Brando, this Wild One quit his Quantum fund job alongside George Soros at the age of 37, saddled up a powerful BMW and revved his way into a personal dream.

02 December 2005

Book Review: Adventure Capitalist, by Jim Rogers, *****

Jim and wife Paige at the end of their tour in 2002.
Synopsis

The bestselling author of Investment Biker is back from the ultimate road trip: a three–year drive around the world that would ultimately set the Guinness record for the longest continuous car journey. In Adventure Capitalist, legendary investor Jim Rogers, dubbed "the Indiana Jones of finance" by Time magazine, proves that the best way to profit from the global situation is to see the world mile by mile. "While I have never patronized a prostitute," he writes, "I know that one can learn more about a country from speaking to the madam of a brothel or a black marketeer than from meeting a foreign minister."

10 September 2005

23° g - 10 Sett: ritorno in Italia, fine del viaggio

Arriviamo in aeroporto con molto anticipo, ma non ci fanno entrare e bivacchiamo su alcune panchine davanti all’ingresso per qualche ora fino a che non aprono, verso le 6 di mattina.

09 September 2005

22° g - 9 Sett: Buwejuu – Dar es Salaam

Partenza in bus per Stone Town. Recuperiamo i bagagli che avevamo lasciato in albergo e facciamo ancora qualche giro per la città per acquisti. L’artigianato è mediamente piuttosto pacchiano e dozzinale, poche cose di qualità, e quando ci sono in genere sono molto costose.

08 September 2005

21° g - 8 Sett: Buwejuu

Giornata di riposo in spiaggia, francamente un po' noiosa. Non si può nuotare senza fare prima centinaia di metri a piedi sulle alghe ed arrivare dove l'acqua sia più profonda di 50cm.

Qualcuno va a fare l’escursione con la barca per vedere i delfini al sud dell’isola. Ne tornano contenti. Si può prenotare tramite l’albergo o basta chiedere in paese a Jambiani, lo fanno tante barche, basta chiedere.

07 September 2005

20° g - 7 Sett: Buwejuu

Giornata di riposo, letture, mare, passeggiate.

La sera grande strafogata di aragoste al ristorante Pingo di Jambiani, per 12.000 scellini (circa 8 euro)!

06 September 2005

19° g - 6 Sett: Nungwi – Buwejuu (Jambiani)

Trasferimento a Buwejuu (nord di jambiani) e spiaggia nel pm. Qui c’è la peculiarità che con ma marea l’acqua si ritira di centinaia di metri dalla battigia e quindi è praticamente impossibile nuotare. Molte donne vengono a raccogliere alghe che coltivano nell’acqua bassa, e che vengono esposte dalla bassa marea. Interessante...

05 September 2005

18° g - 5 Sett: Nungwi

Come giorno precedente, in quattro decidiamo di affittare una barca (11 USD/pax) e farci portare su un’isola di fronte, dove in realtà poi neanche sbarchiamo ma il mare al largo è notevole...

04 September 2005

17° g - 4 Sett: Nungwi

Giornata sulle spiaggie di Nungwi, passeggiate, riposo e nuotate, quelle più a sud sono meno trafficate.

03 September 2005

16° g - 3 Sett: Stone Town – tour spezie – Nungwi

Lasciamo ST con un bus fornito da Viviana e ci dirigiamo a nord verso Nungwi. Sulla strada sosta per una visita ad una piantagione di spezie, dove un ragazzo del posto ci fa da guida in discreto italiano.

02 September 2005

15° g - 2 Sett: Zanzibar, escursione alle isole vicino a Stone Town

Si parte verso le 10 con la barca di Viviana, una sarda che vive qui da anni con la figlioletta, per una interessante escursione. Prima approdiamo alla “lingua di sabbia”, un’isoletta che emerge la mattina con la bassa marea e poi viene sommersa nuovamente dall’alta marea verso le 4 di pomeriggio. In questo intervallo di tempo è una piacevolissima spiaggia dove sostare. Viviana è bravissima a preparare, con i suoi assistenti, un ottimo barbeque di pesce freschissimo, pensa alle bevande, prepara frutta e dolci, insomma offre un ottimo servizio per una idilliaca giornata di mare.

01 September 2005

14° g - 1 Sett: Arusha – Dar es Salaam – Zanzibar

Partenza prima dell’alba, alle 6. Il bus ci viene a prendere in Hotel, che è sulla strada. Il mezzo è ottimo, nuovo e pulito. L’autista, come tutti qui, corre come un forsennato, facciamo il pelo a passanti e ciclisti, per non parlare degli animali. Con primo chiarore dell’alba passiamo accanto al Kilimangiaro, che ci appare per un attimo in tutta la sua maestosità. Sul mezzo ci sono, oltre ovviamente a molti turisti, anche parecchi tanzaniani di classe media, che si possono permettere quello che qui è considerato un mezzo di lusso: costo 8000 scellini.

31 August 2005

13° g - 31 Ago: Natron – Arusha

Mattino prestissimo visita al lago Natron. Si arriva con le auto fino ad un certo punto, poi bisogna proseguire a piedi. Il paesaggio è indubbiamente unico nel suo genere, anche se a mio avviso non così spettacolare come ho letto in qualche relazione. Alcuni Masai vendono le loro cose dove si fermano le auto.

Ripartiamo e arriviamo ad Arusha nel pomeriggio. Qualche sosta ai negozi statali di artigianato, carissimi e di qualità generalmente mediocre. C'è bella roba al "Cultural heritage", gestito dallo stato mi dicono, ma a prezzi proibitivi. Sono tentato da una pelle di zebra intera, ma lascio perdere...

Arrivati ad Arusha ci sistemiamo in albergo, moderno e pulito ma non c'è acqua calda, che ci avrebbe fatto molto piacere dopo tanti giorni di campeggio. Scopro che l'acqua viene scandata su richiesta... c'è un enorme boiler in giardino alimentato da un fuoco a legna! E quando affittano...

Chiudo i conti con Don e vado a prenotare (e comprare) i biglietti del bus per il giorno dopo. I posti disponibili non sono poi tantissimi, se si è sicuri di volerne usufruire consiglierei di farli comprare da Don in anticipo.

Cena buffet in hotel. Atmosfera africana moderna, il bar del nostro albergo è un punto di ritrovo per molti giovani locali con qualche scellino in più da spendere, manco a dirlo soprattutto uomini. Ma è un’occasione per mischiarsi un po’ alla gente della città e far due chiacchiere.

30 August 2005

12° g - 30 Ago: Serengeti – lago Natron

Partenza all’alba anche se in albergo ci fan perdere tempo perché la colazione non è pronta. Qualche bel ghepardo nel parco prima di uscire, fantastica luce radente per le fotografie. Fastidiosissimo ed estenuante trasferimento su una pessima strada piena di polvere. Si fa veramente fatica a non respirarla, entra dovunque. I bei paesaggi del pendio di discesa verso il cratere del Natron ripagano la pena, ma siate preparati!

29 August 2005

11° g - 29 Ago: Lago Vittoria – Serengeti (Lobo)

Rientriamo nel parco, scarichiamo i bagagli al lodge e ripartiamo per un bel game drive (il “Lobo Circuit”), il paesaggio collinare lo rende diverso dagli altri. Devo faticare un po’ con Israel che non ha tanta voglia di lavorare oggi e voleva fare una pausa pranzo di 3 ore!

28 August 2005

10° g - 28 Ago: Mwanza, presso il Lago Vittoria

In mattinata andiamo in visita al villaggio tradizionale di Lamadi. Sulla strada ci fermiamo al paese moderno di Lamadi per qualche acquisto. Compriamo dei palloni con cui poi giocheremo con i locali. Io mi cimento in una partita a biliardo all’americana con dei ragazzi di un localino... riesco a vincere solo all’ultima pallina, pffiiùùù, atmosfera cordialissima e distesa. Si respira una vera atmosfera africana, frenetica, caotica, ritmata.

Arrivati al villaggio ci aggreghiamo ad una battuta di pesca del giorno. Si esce in grandi barche a remi, i marinai ci fanno sfoggio di canti di esortazione alla voga e poderose remate, poi si buttano le reti in mare, che vengono ritirate con una discreta pescata, soprattutto piccoli pesci che loro usano come mangime per i polli. Rientriamo lentamente al villaggio. La spiaggia è piena di enormi cicogne, bambini che giocano, adolescenti perdigiorno con le loro biciclette, tanti polli.

Quando rientriamo attraversiamo a piedi tutto il villaggio, incrociando una mandria di bovini dall’aspetto appetitoso, fino ad arrivare ad un gruppo di case dove ci stanno preparando il pranzo. Assistiamo alla cucina dello stesso in una casa, le mura sono di paglia e fango ma la padrona sfoggia un bel cellulare... a dispetto di qualcuno che si lagna di come la tecnologia stia “rovinando” il paese, a me fa piacere vedere come la comunicazione sia alla portata anche dei ceti meno abbienti e contribuisca a modernizzare la Tanzania. Pranzo luculliano, carne, pesce, riso, fagioli, l’”ugali” tipico. Ci vanno a prendere delle birre in un negozio (pagate ovviamente a parte).

Dopo pranzo, per aiutare la digestione, ci mettiamo a giocare a pallone con i bambini, e verso le 4 andiamo a visitare un guaritore tradizionale, tale Manembe, che ci accoglie con le sue due mogli. Questo è un ruolo ereditario, i segreti delle pozioni vengono tramandati di padre in figlio e gelosamente protetti perché danno status sociale e soldi al guaritore. Infatti i malati pagano con mucche o con lavoro (anche anni) se vengono guariti. La religione su cui si basano i loro riti è una specie di sincretismo, credono in Dio ma non passano per la Chiesa ed inoltre coltivano il rapporto con gli antenati, cui chiedono aiuto in caso di problemi seri o malattie gravi. Ci dicono che così ottengono circa il 50-60% di guarigioni... mah! Vai a sapere...

Tornando in albergo ci fermiamo ad una festa popolare religiosa nel villaggio di Lamadi moderno. Ci accolgono benissimo, siamo gli unici stranieri in mezzo a centinaia di persone, grandi cori “spiritual”. Ci invitano a ballare e cantare con loro, l’atmosfera è veramente coinvolgente.

Cena in hotel, lenti ma la cucina è buona.

27 August 2005

9° g - 27 Ago: Serengeti – Lago Vittoria

Arriviamo per l’ora di pranzo, sosta e poi visita al villaggio tradizionale dei Sukuma, dove il Sig. Jefta Kishosha (direttore del campo UTAMADUNI, email: kishoshajefta@yahoo.com, indirizzo postale Utamaduni Camp, PO Box 10356, Mwanza – Tanzania) sta cercando di mantener vive alcune tradizioni culturali di quella che è la più grande tribù del paese.

Concordiamo un programma di visite, gastronomia locale e rappresentazioni per la sera ed il giorno dopo: lezione sui Sukuma, battuta di pesca in barca, visita presso un guaritore tradizionale, visita al villaggio dei pescatori, visita ad un mercato locale, tutto per 15 dollari a testa, i soldi meglio spesi del viaggio!

La sera un gruppo di suonatori e di attori viene a recitare una leggenda della mitologia locale al nostro albergo. Molto interessante, la storia di due fratelli in competizione per la loro abilità come danzatori. Compro un piccolo tamburo da Kishosha, dice che è stato fatto da un certo Barnaba, che ora è morto, era un famoso artigiano, ed in effetti il tamburo suona molto bene.

Dormiamo allo Stopover Lodge di Mwanza, non male le camere e la cena anche se lentissimo il servizio.

26 August 2005

8° g - 26 Ago: Serengeti

Stamattina partiamo prestissimo, prima dell’alba, appena fa chiaro siamo già in strada, e ne vale veramente la pena, per i tanti animali e per la luce adattissima alle fotografie. Bisognerebbe fare sempre così, ma mi riesce difficile convincere il resto del gruppo...

25 August 2005

7° g - 25 Ago: Ngorongoro – Serengeti

Lasciamo il lodge sulla cima del cratere e ci fermiamo dopo neanche un’ora all’Olduvai Gorge, dove si visita un piccolo ma interessane museo geologico ed antropologico. Qui vicino sono stati ritrovati alcuni tra i più vecchi reperti di proto-ominidi. Poi proseguiamo verso il Serengeti.

24 August 2005

6° g - 24 Ago: Ngorongoro

Giornata intera nel cratere. Ho preferito passare due giorni qui, anche a costo di dover eliminare il parco di Terengire dal programma, e tutto sommato ne siamo stati soddisfatti per l’unicità del posto anche se a Terengire dicono che in questa stagione si possano trovare più specie di animali che non sono migrati verso nord – soprattutto gli gnu. Ma anche con la migrazione ce ne sono comunque tantissimi. Molti ghepardi ci arrivano fin sotto la macchina!

23 August 2005

5° g - 23 Ago: Keratu – Ngorongoro

Colazione africana (su mia esplicita richiesta, ne vale la pena, con porridge di mais, ottimo). Partenza presto, piccole spese al mercato di Keratu, frutta fresca, pane, qualche cassetta di musica africana, rifornimento diesel e alle 11 inizia il primo game drive nel cratere nel Ngorongoro, il cui fondo si trova a 2200 mslm).

22 August 2005

4° g - 22 Ago: Eyasi, caccia con i Boscimani – Keratu

Partenza prima delle 6 per essere dai Boscimani, popolazione di raccoglitori e cacciatori presente un po' in tutta l'Africa meridionale ed orientale. Su questo sito si possono vedere alcuni interessanti video sui Boscimani. All’alba ed andare con loro a caccia, con arco e frecce! Li troviamo dopo un po’ (essendo nomadi non sono sempre facilmente reperibili) in un wadi (fiume in secca). Presentazioni di rito, sono socievoli anche se non abituati a vedere troppi turisti. Visita molto interessante anche se non si riesce a comunicare con i Boscimani, che non parlano neanche lo swahili per cui neanche le nostre guide possono fare da interpreti!

21 August 2005

3° g - 21 Ago: Arusha – parco Manyara

Ci vengono a prendere le jeep con i nostri autisti, capeggiati da Israel, un simpatico omone con molta esperienza anche se forse non altrettanto entusiasmo. Partiamo; ci fermiamo al supermarket Shopright, sul Sokoine Drive, per fare cambusa per il safari (spendiamo 170.000 Tzs, di cui 88.000 per acqua, calcolando una bottiglia da 1.5 litri al giorno a persona circa). Affittiamo anche il fornello a gas con relativa bombola dal nostro autista.


20 August 2005

2° g - 20 AGO: Arusha e villaggio dintorni

Arrivo ad Arusha molto presto, siamo a 1800mslm, ci vengono a prendere in aeroporto. Andiamo in albergo dove mi incontro con Don, il corrispondente, per fare i conti e confermare le prenotazioni per tutto il viaggio. Poi decidiamo, tra le varie possibilità offerteci per la prima giornata, di andare a visitare un villaggio nelle vicinanze, quello di Ng’iresi, a 7km dalla città. Il villaggio è diventato un emblema del turismo “culturale”.

19 August 2005

1° g - 19 Ago: Italia – Arusha

Partenza regolare con Ethiopian Airlines da Roma, sosta ad Addis Abeba e coincidenza per Arusha, la principale città del nord della Tanzania. Accompagno un gruppo di una dozzina di italiani, un misto di coppie e singles inveterati (come me) alla ricerca di Africa. L’aeroporto di Addis è moderno, pulito ed efficiente.

18 August 2005

Itinerario viaggio in Tanzania, 19 AGO - 10 SET 2005



Viaggio in Tanzania, 2005 - Itinerario

clicca su una data o un itinerario giornaliero per leggere il relativo post

DATA
Itinerario
Notte
1
in aereo
2
Arusha (Golden Rose)
3
Eyasi (camp)
4
Keratu (Kudu camp)
5
Ngorongoro (Lodge)
6
Ngorongoro (Lodge)
7
Serengeti (Ikoma camp)
8
Serengeti (Ikoma camp)
9
Lake Victoria (Stop Over)
10
Lake Victoria (Stop Over)
11
Serengeti
(Lobo, lodge)
12
Natron (campeggio)
13
Arusha (Golden Rose)
14
Stone
15
Stone
16
Nungwi (Jambo)
17
Nungwi (Jambo)
18
Nungwi (Jambo)
19
Buwejuu (Sun Sea)
20
Buwejuu (Sun Sea)
21
8 set, gio
Buwejuu (Sun Sea)
22
9 set, ven
In aeroporto
23
Italia

16 August 2005

Book Review: Longitude (2005), by Dava Sobel, *****

 (Testo italiano di seguito)

 Synopsis

Sobel has done the impossible and made horology sexy – no mean feat

New Scientist

Anyone alive in the 18th century would have known that ‘the longitude problem’ was the thorniest scientific dilemma of the day – and had been for centuries.

Lacking the ability to measure their longitude, sailors throughout the great ages of exploration had been literally lost at sea as soon as they lost sight of land. Thousands of lives, and the increasing fortunes of nations, hung on a resolution.


12 July 2005

Book Review: A Journey in Ladakh, by Andrew Harvey, ***

Synopsis
High up in the remote mountain passes on the Indian border with Tibet, China and Pakistan, Ladakh has been a centre for Buddhist meditation since three centuries before Christ and is one of the last places on earth where a Tibetan Buddhist community still survives. Arriving by rickety bus, Andrew Harvey was unprepared for the breathtaking splendour, colour and silence of the landscape, and was entranced by the simple way of life of its people, for whom the sacred and everyday merge into one. Frustrated by the spiritual poverty of his sophisticated, western, intellectual lifestyle, Andrew Harvey finds peace, hope and freedom in the Buddhist teachings of Thuksey Rinpoche at Shey monastery, and discovers spiritual strength.

11 July 2005

Book Review/Recensione: Ancient Futures, Learning from Ladakh, by Helena Norberg-Hodge, ***

Recensione in italiano alla fine di questo post

Synopsis

The swiftly evolving socioeconomic life of Ladakh, whose people struggle to balance growth and technology with cultural values, offers crucial lessons in sustainable development. This gripping portrait of the western Himalayan land known as “Little Tibet” moves from the author’s first visit to idyllic, nonindustrial Ladakh in 1974 to the present, tracking profound changes as the region was opened to foreign tourists, Western goods and technologies, and pressures for economic growth.

10 July 2005

Book Review: Ladakh - Crossroads of High Asia, by Janet Rizvi, *****

Synopsis
This highly readable volume offers the first authoritative account of the history, religions, culture, and social conditions of Ladakh, the land often celebrated as the last outpost of Tibetan civilization. Relatively isolated from the rest of India as well as from Tibet by the world's highest mountains, Ladakh stands at the crossroads where Islam and Buddhism met and blended to produce an entirely unique culture.

Writing with feeling and personal knowledge born out of years of study and years spent in the region, Janet Rizvi presents much more than a mere coffee-table pictorial guide.

01 July 2005

20° g - 1 Luglio: Amritsar – Delhi 470 KM ORE 5 (TRENO) – imbarco per l’Italia e fine del viaggio

Mattinata e primo pomeriggio in ordine sparso, chi torna in città, chi si riposa in albergo. Il monsone si fa sentire, piove, caldo umido, ma a suo modo l’atmosfera è suggestiva di un’India di cui finora non avevo fatto esperienza, essendo venuto sempre d’inverno. Eppure il monsone è la vita dell’India, senza di esso il paese non potrebbe sopravvivere, anzi non esisterebbe proprio come lo conosciamo. Ogni anno qui gli economisti aspettano il monsone per calcolare il prodotto interno lordo!

30 June 2005

18° g - 30 Giugno: Dharamshala – Waghan – Amritsar 200 KM ORE 6

Trasferimento per Amritsar, strada ottima, scorrevole, ma caldo umido, siamo ormai scesi dalle montagne ed è la stagione dei monsoni. Prese le camere al Royal Castle Hotel (castello reale di nome e di fatto, almeno paragonato alle altre sistemazioni di questo viaggio!!) e andiamo a Wagah per la famosa cerimonia quotidiana dell’ammainabandiera.

29 June 2005

17° g - 29 Giugno: Dharamshala

Giornata a zonzo per la città. Prima di tutto udienza dal Dalai Lama, che però consiste nell’assistere ad una sua lettura di brani sacri. A parte il fatto che legge i mantra in tibetano e rapidissimamente (ma sono disponibili radioline con le quali ascoltare la traduzione simultanea in inglese trasmessa da una stazione FM!) è difficile capire molto dalla sua giaculatoria, che assomiglia molto alle puja...

28 June 2005

16° g - 28 Giugno: Manali – Dharamsala 230 KM ORE 8

Più ci allontaniamo dalle montagne e più migliora la strada, si alza la media di percorrenza. Incontriamo un matrimonio, ci invitano alla festa ma purtroppo non abbiamo tempo per fermarci, peccato. Breve sosta ad un mercato di frutta per strada, compriamo ottime albicocche. Pranzetto volante in un ristorantino da camionisti, ci preparano la “aloo parantha” il pane con patate e “pickles” (sott’aceti piccanti), divertenti e saporitissimi!

27 June 2005

15° g - 27 GIU: Sarchu – Manali 220 KM ORE 8

Attraversamento di varie vallate, incontri con tribù nomadi che ci invitano nelle loro tende. Li vediamo cucinare ed anche lavorare la lana. Alcuni pastori tosano le capre Pashm, per ricavarne la famosa lana pashmina. Ci offrono il thè salato con burro ed orzo. Continuiamo il tortuosissimo cammino giù per le valli fino ad arrivare a Manali in prima serata.

Manali è una destinazione di turismo indiano ma non offre grandi spunti di interesse culturale. Col bel tempo ci sono montagne stupende per camminate, giri in bicicletta, ma in questa stagione piove! C’è uno spettacolo musicale in albergo, frequentato da molti turisti indiani, noi siamo gli unici occidentali. Ottima cena buffet sempre in albergo, lo Snow Crest Manor.

26 June 2005

14° g - 26 GIU: Tso Moriri – Debring (cambio automezzi) – Sarchu 180 KM ORE 7

Lungo trasferimento attraverso le montagne verso il Himachal Pradesh. A Debring incontriamo il minibus mandatoci da Delhi e lasciamo i nostri due autisti con le Toyota. Spazi enormi, infiniti, terra brulla, quasi desertica. Silenzio interrotto solo dai diesel delle jeep.

Proseguiamo fino al campeggio attrezzato di Sarchu, dove passiamo la notte. Un posto piacevole in una verde vallata, apprezzo particolarmente i colori crepuscolari dell’ora blu. Dormiamo al campeggio “Sarchu Height Adventure India Camp” ;600 Rps cena un po’ scarsa.

25 June 2005

13° g - 25 GIU: trasferimento x lago Tsomoriri 220 KM ORE 7

Partenza presto. Alle 6.30 siamo già per strada. Lungo trasferimento su per le montagne. An un certo punto troviamo un interessante cimitero con tombe di soldati cristiani e musulmani morti nei frequenti conflitti con il Pakistan, questa è stata zona di bombardamenti, l’ultima volta nel 1999. Incontriamo vari gruppi di nomadi, che ci accolgono nelle loro tende. Tessono tappeti, producono lana pashmina, ci fanno vedere come cucinano – il combustibile più comune è lo sterco di capra.

24 June 2005

12° g - 24 Giugno: Valle NUBRA, ritorno a Leh 180 KM ORE 6

Rientro verso Leh, risaliamo verso il passo di Khardung-la, ma ci fermano per aspettare l’orario di percorrimento nel nostro senso previsto per le 13 (poi ci faranno lo sconto e a mezzogiorno siamo in strada). Il posto di blocco comunque si trova presso un ameno praticello, con torrente glaciale adiacente, vari baretti, sedie, tavoli... tutto sommato un bel posto dove fermarsi a godere del panorama himalayano.

23 June 2005

11° g - 23 Giugno: Leh – Valle di NUBRA , Diskit, Hunder 150 KM ORE 5

Partenza da Leh per il passo di Khardung-la, forse il più alto passo carrozzabile del mondo a oltre 5600mlsm. Attenzione alla programmazione di questo trasferimento, perché la strada non è aperta tutti i giorni, o lo è ma a sensi alternati (giorni pari o dispari, mattina/pomeriggio) e non sempre prevedibili, in quanto decidono anche da un giorno all’altro in base alla situazione neve.

22 June 2005

10° g - 22 Giugno: Valle INDO NORD, da Alchi a Likir, Phyiang, Spitok, e ritorno a Leh, 80 KM ORE 3

Altra giornata in giro per manasteri. Cominciamo da Likir, con un grandissimo Budda seduto dorato. Gruppo in ordine sparso in giro per il monastero. Passo una buona ora da solo in compagnia di un monaco e mi immedesimo alquanto nella sua meditazione. Ripresa la strada, ci fermiamo per un pranzetto sul presto in un tipico ristorantino indiano, mangiamo il “puri”, simile ad una crescentina bolognese (a detta dei bolognesi del gruppo!), però non lievitata, solo farina integrale e acqua impastata e fritta in olio vegetale, va mangiata calda appena fatta, ottima! Poi somoza, frittelle varie... e santa Coca Cola che ci salva sempre dalla sete nelle situazioni più inverosimili. Io non capisco come possano tanti ideologizzati anti-globalizzazionisti ad avercela tanto con la Coca Cola (poi però se la bevono). Mi ricordano tanto gli animalisti che poi non sono vegetariani e si vestono con indumenti di pelle.

21 June 2005

9° g - 21 Giugno: Valle INDO NORD da Dha Hanu fino ad Alchi 150 KM ORE 4

Lungo trasferimento per Alchi, tante soste per foto sulla strada e arrivo nel primo pm. Visita al monastero, diverso dagli altri, oggi è solo un museo e non è più utilizzato per la pratica religiosa. Interessantissimi i dipinti murali, e qualche statua, meno le architetture. Alchi è speciale rispetto agli altri gompa, e non solo perché non è più in uso. Rappresenta infatti una tipologia architettonica unica ed è ricco di affreschi eccezionalmente conservati.

Ottima cena al ristorante adiacente l’albergo, Lo Zimskhang, costa 300 rupie.

Oggi qui ad Alchi, sotto suggerimento di PG, cinquantenne calvo come una palla di biliardo, per la prima volta mi sono rasato a zero! Via barba e capelli, mi sento tutto nuovo!!

20 June 2005

8° g - 20 Giugno: Valle INDO NORD, da Lamayuru a Dah, via Khalsi 120 KM ORE 4

Partenza da Lamayuru sul presto. Arriviamo in tarda mattinata al campeggio di Dha Hanu, ci sistemiamo e proseguiamo per il villaggio di Dha, abitato dai Brokpa, a volte scritto "Drok Pa", una etnia indoeuropea dalle origini non certe ma probabilmente ex nomadi del Caucaso. Non ci sono gli uomini, che sono andati a lavorare nei campi, e neanche tante donne, ma in compenso in cima al villaggio c’è la scuola, ben sistemata proprio accanto ad una enorme antenna parabilica.

Spontanea fraternizzazione, insegnamo a cantare canzoncine italiane dello zecchino d’oro (tra i partecipanti c’era una ragazza che effettivamente vi aveva cantato!) e naturalmente tante foto, tè, ecc Vale la pena!

La sera un gruppo di Brokpa ci fanno uno spettacolo di danze, sempliciotto assai, secondo me erano un gruppo di passanti più o meno raccogliticci che si sono messi i costumi da festa per noi (2500 Rs per tutto il gruppo dopo quache trattativa). D’altra parte qui arriva ancora poca gente, e per loro è un’occasione di sfoggiare... e guadagnare.

19 June 2005

7° g - 19 Giugno: Valle INDO NORD, Rizong, Julichen, Lamayuru 120 KM ORE 4

Si parte alle 7, percorriamo la valle dell’Indo fino alla spettacolare confluenza dello stesso con lo Zanskar. Paesaggio brullo. Arriviamo al monastero di Rizong, abbarbicato sul costone di una montagna, ci vogliono circa 15 min per salir su.

Riscesi andiamo all’adiacente Julichen, l’unico monastero femminile della regione. Ci accolgono calorosamente, ci fanno vedere le aule della scuola e ci preparano un thè salato, la tsampa, fatto con tè, farina di orzo, burro e sale. All’inizio siamo tutti un po’ esitanti, io poi finisce che me ne faccio una bella scorpacciata, e vi assicuro che è ottimo e nutriente, praticamente ci ha quasi fatto da pranzo. Volendo contattarli si può scrivere a rizongnunnery@yhaoo.com.

Arriviamo quindi a Lamayuru, dove dormiamo all’Hotel “Niranjana”, adiacente al monastero, camere senza bagno ma ottima posizione panoramica. Discreta vegetariana cena in hotel, integrata dai nostri insaccati e formaggi.

18 June 2005

6° g - 18 Giugno: Festival di Hemis 90 KM ORE 3

La seconda giornata del festival di Hemis è stata un po’ in tono minore. Se doveste decidere di assistere solo ad una delle due, certamente andate alla prima.

Oggi incontro Albertina D’Urso, una simpatica fotografa milanese che gira l’India per i suoi reportage, un bell’esempio di intraprendenza e capacità realizzativa abbinata ad una passione per il mondo che ci trasmette con le sue fotografie.

Per chi ne avesse abbastanza di danze sacre e volesse effettuare una variante di camminata, si può percorrere un sentiero/scalinata che da dietro il monastero porta su per circa 2 km fino ad una fonte di acqua con vicino villaggio.

17 June 2005

5° g - 17 Giugno: Festival di Hemis 90 KM ORE 3

E’ il punto culminante del viaggio, il più importante festival buddista della valle. Mehraj ci ha riservato dei posti. Ce li dà gratis, avevano rinunciato altri clienti che avevano pagato, mi ha detto, gentile da parte sua, sul tetto del monastero. Sono utili per fare una base, ma poi è meglio (ed è indispensabile per le foto) spostarsi, a secondo della luce, delle coreografie e dell’affollamento. Può essere utile bloccare presto la mattina i posti intorno al recinto per essere più vicini. Interessantissimo anche assistere alla recitazione dei mantra prima delle danze e negli intervalli, nella sala da preghiera. Si può anche fotografare, anche con il flash (che però consiglio di limitare al minimo, sia per non disturbare, sia perché con la luce radente che entra dalle finestre le foto vengono meglio).

Il festival è il più famoso della regione, si svolge con regolarità da tempo immemorabile anche se in passato ci dicono fosse in inverno, ed è poi stato spostato dai monaci all’estate per facilitare l’accesso ai turisti. Forse un peccato di avidità economica, ma non mi sento di criticarli per questo. Il turismo porta il Ladakh nel XXI secolo ed io non sono tra quelli che ritengono di dover impedire la comunicazione mondiale per preservare tradizioni isolate. Certo il turismo può anche essere deleterio, e qui come altrove dipenderà da come sarà gestito. Le coreografie rappresentano la perenne lotta tra il bene ed il male, con la luce che alla fine, naturalmente, prevale sulle tenebre.

Comunque accanto ai turisti che si accalcano fugacemente ai bordi del cortile dove si svolgono le cerimonie (la maggior parte si ferma solo qualche ora, il tempo di fare qualche foto) è molto coinvolgente la partecipazione dei locali, che affluiscono da tutti i villaggi circostanti per l’evento.