Showing posts with label technology. Show all posts
Showing posts with label technology. Show all posts

03 April 2020

Film review: L'Esprit du vin (2011) by Olympe and Yvon Minvielle **

Synopsys

A film sponsored by Château Lagarette, a biodynamic producer in Bordeaux.

A dozen or so biodynamic wine-growers express their vision of the present and make proposals for the future.

They ask eminently social and even political questions: What food? How Could humanity restore the ideal of living together?

Through their stories, practices, and the accumulation of knowledge from their experiences, the producers of the film and a group of farmers, biodynamic wine-growers, try to open a path. They want to show how the spirit of bio-dynamics could provide answers to these questions.



Review

This film is an all-out passionate defense of biodynamic viticulture. I say defense because most of the interviewees talk as if they are under siege, as if the evil forces of modernity are out to extinguish the feeble flame of tradition. No alternative point of view is presented in the film. If you want to hear alternative voices, skeptical or critical of biodynamic wine, you have to look elsewhere.

Clearly, the growers interviewed are very passionate about their wine, but often they get carried away. Just a few pearls from their statements. A basic theme of the film is a high level of hostility toward "technology": there is "technological" wine, which is artificial and then there is biodynamic wine, which is natural. Oddly, little attention is paid to organic wines, although biodynamic certification requires a wine to be organic to begin with.

A couple of speakers identify "technological" wines as the result of American influence and specifically the work of Robert Parker, while, on the contrary, "Europe" is the custodian of genuine winemaking. Well, Parker has nothing against biodynamic wines and actually promotes it. And, of course, there are lots of American biodynamic producers and in fact the USA is the biggest biodynamic farming producer in the world.

One speaker argues that biodynamic vineyards are better equipped to resist the negative radioactive impact of Chernobyl, thus lumping together as if it was a dogmatic truth a whole host of questionable assumptions.

A major problem for me is when, as several speakers repeat in this film, the argument is put forward that what is important in biodynamic wine is NOT the result, but the relationship between man and nature, a new philosophy of daily life. Assuming the latter is somehow better served in biodynamic farming, for me the end result, ie good and healthy wine, IS WHAT MATTERS.

Technology, a word that is often repeated with a grimace by many interviewees, destroys the relationship man and nature, farmer and vineyard. Biodynamic preparations restore the correct energy flows! A corollary of this argument is the open hostility of one speaker to established wine associations such as the Masters of Wine. In his view, these associations have been created to serve technology against the natural traditions of wine.

One speaker is very honest when he says biodynamic farming is like a religion: you can not demonstrate it, you can only believe it. Another one compares it to acupuncture: not scientifically proven, but many believe it anyway. Not surprising that biodynamic farmers also accept homeopathic principles, as they use extremely diluted solutions in some of their preparations.

A quirky claim toward the end of the film is that biodynamic wine is especially appreciated by women! Maybe so, as a woman grower claims to have produced a "concert wine" in her biodynamic vineyard because both wine and music share a spirituality for people to appreciate.

If you already believe in biodynamic farming this film will make you feel really good. If you are trying to understand more, it will give you only half the picture.

For a wise and cool view of the subject, read Jancis Robinson, one of the world's most respected authorities.

You can watch the film reviewed here on Youtube.

You can buy the DVD (in French as well as English) here on Amazon. Hard to come by and very expensive, however!





10 March 2013

Film review: Outsourced (2010) by John Jeffcoat, ****

Time magazine cover, 2006
Synopsis

Todd Anderson (Josh Hamilton) spends his days managing a call centre in Seattle until he gets the bad news from his boss his job has been outsourced to India. Adding insult to injury, Todd must travel to India to train his new replacement. He expects the worst experience of his life, and it certainly begins that way! As he navigates through the chaos of Bombay and an office paralyzed by constant cultural misunderstandings, Todd yearns to return to the comforts of home. But it is through his team of quirky yet likable Indian call centre workers, including his friendly and motivated replacement, Puro (Asif Basra), and the charming, opinionated Asha (Ayesha Dharker), that Todd realizes that he too has a lot to learn - not only about India and America, but about himself. He soon discovers that being outsourced may be the best thing that ever happened to him.


20 April 2012

Film Review: Space Tourists (2009), by Christian Frei, ***

Synopsis
Frei's film takes a humorous and laconic view of the way billionaires depart our planet earth to travel into outer space for fun. Space Tourists succeeds in surprising its audience with images and situations that have very little to do with the futuristic fantasy of space-tourism. The Swiss filmmaker sets up encounters with the least likely people imaginable: places even stranger and more unknown than outer space itself. The film investigates the emotional oscillations of an expensive enterprise and questions the meaning and boundaries of the human spirit and our hunger for adventure and discovery.

Anousheh Ansari is a billionaire who allegedly spent some twenty million dollars (expensive but, as she puts it, how do you put a price on a dream?) for a 10 day flight to the International Space Station. She explains in her own words why she did this and what her Spiritual experience was. An interesting personality, an Iranian who left her country after the revolution and became American but never forgot her cultural roots. She specifically greeted the Iranian people from space, though she was not allowed to do so in Farsi. She also wore the Iranian flag, but significantly without the Islamic writings in the white part.

Review
This film is another Frei foray into the lives and vicissitudes of the most unusual of people. Ansari is a genuine enthusiast of space, her youthful and genuine passion transpires at all times in the film. She has a child-like naivete for looking at the earth from above, but at the same time a high degree of maturity when she speaks of her travel as a symbol for women's rights, especially in the region of the world where she comes from, where women often do not receive the same opportunities that men do. A spoiled girl's whim? Perhaps, but a great adventure nonetheless. And I can say I would have done what she has done if I had had the money! Go for it Anousheh and thanks Christian Frei for bringing her to us.

Buy your DVD here:



If you live in the US you can get your instant video here






02 October 2010

Recensione: Tecnosciamani, di Carlo Pizzati, ***

Sinossi

La spiritualità può coesistere con le macchine? Gli androidi sono il nostro futura o sono già tra noi? I robot possono provare il piacere del sesso o possono solo essere programmati per simularlo? Perché un uomo applica sui denti dei propri pazienti dei granuli bianchi per curare il mal di schiena? "Tecnosciamani" è un iranico ed esaustivo libro che cerca di dare delle risposte a questi e a molti altri quesiti, perlustrando il mondo alla ricerca di luoghi dove la tecnologia e la spiritualità s'intersecano. La forza motrice è la ricerca di una cura per il mal di schiena cronico dell'autore, che lo tortura da vent'anni. Armato di un taccuino e della sua lunga esperienza di reporter, Carlo Pizzati, con la mente e il cuore aperti a qualsiasi cura, incomincia il suo viaggio nell'ambulatorio di un posturologo di Vicenza; la curiosità lo spinge a girare il mondo, in una specie di ricerca medica picaresca post-moderna che lo porterà dalle Cinque Terre all'India.



Recensione

Originalissimo l'approccio dell'autore, a metà strada tra il curioso, lo scanzonato ed il dissacratore trasgressivo, che però non perde la sua lucidità quando si imbarca in avventure al limite del credibile.

L'essenza del libro è in due citazioni che appaiono a pagina 71:

"L'Esistenza è infinita, quindi non può essere definita", di Lao Tzu.

"Il misticismo è una scappatoia. Se trovi che le teorie della fisica e della matematica sono troppo difficili, ti rivolgi al misticismo", di Stephen Hawking.

A queste io ne aggiungerei una terza: "La scienza non è un illusione, ma un'illusione sarebbe cercare altrove ciò che essa non ci può dare", di Sigmund Freud.

Se la scienza non può curare il mal di schiena, è futile cercare rimedi altrove, ed il libro snocciola racconti di una serie di incontri, divertenti quanto inconcludenti, dell'autore con guaritori, sciamani, medici alternativi e millantatori vari. Alla fine è la tecnologia a risolvere il problema del mal di schiena, in modo razionale, semplice ed economico...







21 February 2010

Taipei: National Palace Museum, 101, Longshan temple

National Palace Museum
My morning is entirely devoted to the National Palace Museum. I was here eight years ago but I am just as excited today. The best museum for Chinese art in the world. The story is well known. Chiang kai-shek took about 20,000 trunks wirth of art from the imperial collection of the forbidden city when he had to leave Beijing during the civil war. All that stuff traveled around China, but when Chiang saw that he was losing to mao, he had his staff pack "only" about 7,000 trunks of the best items and shipped it over to Taiwan. This treasure is still a major bone of contention with Beijing, though in recent years there have been cooperation programs with museums in the mainland.

This is la crème de la crème of Chinese art, collected by emperors as far back as the Tang dynasty. Chiang had a nuclear bomb proof vault buil in a mountain next to Taipei and then, next to the mountain, this museum. The world is lucky that the stuff is here, or it would probably have been dstroyed during the cultural revolution in China. Today, only about one percent of the items are on display, and the Museum's staff rotates it ever so many months. Incredibly refined, pottery, ceramics, calligraphy, jewellery, jade, bronze...

I can see myself coming back here many, many times...

Leaving the Museum I head to the XXI symbol of pride of Taiwan, Taipei 101. When it was completed in 2004 it was the tallest building in the world, and it remained that until last month, when Burj Khalifa opened in Dubai. Taipei 101 is a controversial project. My friend S., who openly sympathizes for the independentist school of thought in Taiwan, says it was not really necessary and it was motly a trick by the Nationalists to impress an increasingly disillusioned electorate.

Taipei 101


Moving fast in 101 elevator
Be that as it may, it is still impressive. Inside, there is a slurpy food center in the basement. Then several floors of shopping mall, and what a shopping mall! Luxur brands from all over the world and a pleasant yet awe inspiring carousel of escalators, lifts, lights, and immense empty spaces that provide a welcoming and warm atmosphere.

At the top, it is cold and windy today. Not the best day to enjoy the landscape. I don't spend much time there, but again I must admit to being impressed: this time by the elevator, the fastest (at this time) in the world, going up and down at 17 meters per second without the slightest discomfort for the user. Well, may I should say the traveler, since it's over half a kilometer up from ground level!
Inside 101


An impressive 730 tons tuned mass damper is installed near the top to absorb shocks caused by wind or earthquakes.

tuned mass damper in 101
In the evening I went to the Longshan temple, where I spent some time looking at the faithful perform Buddhist ceremonies and giving offerings. It is a mystic atmosphere, welcoming and somewhat magic. Free CDs with Buddhist music ara available.
Longshan temple


10 January 2003

24° g - 10 GEN: Pune, Osho

Oggi lascio Goa e con un volo interno vado a trovare Jaideep, un compagno di università indiano che lavora a Pune, città di oltre 2 milioni di abitanti a 3 ore di bus da Mumbai, ed assieme a Bangalore uno dei principali centri dell’India super-tecnologica che sta emergendo.

Visito l'azienda, si chiama Persistent, un nome ed un progetto, un palazzo di cristallo e acciaio che pulsa di tecnologia. Uffici immacolati, sale riunione, palestra per gli impiegati, collegamento al web superveloce. C'è anche una mensa, dove sono invitato, rigorosamente vegetariana. Circa 400 impiegati, atmosfera molto casual, tipo Silicon Valley.

Sono orientati soprattutto al mercato USA ma cercano di entrare anche in Europa, anzi mi chiedono se mi piacerebbe collaborare per cercare clienti e guadagnare provvigioni. Non male l'idea. Non so nulla di informatica ma mi dice Jaideep che mi possono addestrare per quello che serve e poi sarà la mia rete di contatti a Bruxelles ed in Europa a fare la differenza. Vedremo... Il problema, sono sicuro, è che l'Europa in questo è molto più provinciale degli USA: sarà difficile convincere clienti europei ad usare esperti indiani, mentre gli americani ci sono abituati, se non altro perché ci sono già decine di migliaia di esperti informatici indiani che lavorano in USA e molti ancora che ci hanno studiato e sviluppato la loro rete di contatti e amicizie. Gli americani stimano gli esperti indiani, gli europei diffidano. Non si può generalizzare ma per grandi linee sono sicuro di non sbagliarmi.

Mentre aspetto i bagagli la TV annuncia che da oggi la rupia indiana è stata dichiarata valuta convertibile! Il governo annuncia anche di voler liberalizzare l'esportazione di capitale ed allo stesso tempo permettere agli stranieri di investire in India più liberamente di prima. Ottima notizia.

A Pune, inoltre, c’è il centro di Osho. Ci vado con Jaideep, compriamo i biglietti per una visita e aspettando l'ora stabilita ci godiamo un bel cappuccino nel vicino bar "Barista". Un gruppo di giovani in tuta arancione, la divisa del centro di Osho, ci passa davanti, poi un vecchietto, poi altri tutti con la tuta arancione, tutti molto seri, alcuni corrucciati. Solo un paio di ragazzi molto giovani, sulla ventina, accenna un abbozzo di sorriso prima di tirare avanti deciso. Al bar c'è un gruppo di ragazze indiane che sorseggiano caffè e cappuccino, tutte in tuta arancione. Direi che la grande maggioranza dei membri che abbiamo visto finora sono maschi occidentali, una minoranza di indiani e di donne.

Prima di iniziare il giro il capo del centro (non ricordo quale fosse il suo titolo) mi dice che è vietato fotografare, che gli dispiace dirmelo ma è la regola. Gli rispondo che ci sono abituato!

Mi dice anche che, una volta entrati nella zona ristretta riservata ai membri attivi, non sarà più permesso né fare domande né parlare con i membri, per non distrarli e neanche fra di noi, per non disturbare il raggiungimento della "presa di coscienza rilassata in un'atmosfera unificante" che è lo scopo del centro.

E poi, aggiunge, “non ci sono parole per descrivere quello che noi facciamo qui dentro, non ci sono parole, non ci sono parole...” Be’ in effetti, se non ci sono parole, allora sarebbe inutile fare domande.

Appena dentro la zona ristretta vedo una coppia che si tiene per mano camminando lentamente. Ad un certo punto abbracciano delicatamente due donne che incontrano nel grande cortile.

Procedendo oltre arriviamo davanti ad una grande struttura piramidale, altra una decina di metri, che la guida ci dice essere il principale centro di meditazione. Non possiamo però visitarlo perché dentro stanno meditando. Il giro dura solo una decina di minuti, dopo di che la guida sembra spazientirsi, non ho capito perché, e ci dice che il tempo a nostra disposizione è finito e bisogna tornare al centro di accoglienza all'ingresso.

Sulla strada passiamo davanti a quella che la guida ci dice essere la biblioteca, dove però è vietato entrare. Oltre, vediamo una saletta con sedie e tavolini, sembra come una sala riunioni, ma non possiamo entrare neanche qui.

La strada per tornare all'ingresso è tortuosa. In un grande giardino vediamo alcuni membri che piroettano su se stessi tenendo in mano lunghe corde all'estremo delle quali sono attaccate molte piume colorate, o qualcosa del genere. La guida ci dice di accelerare il passo, il tempo a nostra disposizione sta per scadere. Il tipo è piuttosto irritante e acidognolo, non so se sia questo il risultato di passare tempo qui o se è proprio antipatico dalla nascita.

Altri membri del centro giacciono supini per terra, disposti come i raggi di una ruota di bicicletta. Altri ancora sono intenti ad ascoltare un maestro che impartisce quella che sembra una lezione di pittura. Ciascuno ha davanti un grande telo steso per terra, che sembra una tela pronta ad essere dipinta. Tutto intorno pennelli e grandi barattoli di vernice di tutti i colori.

Tornati all'ingresso ci presentano un bancone con libri e cassette video in vendita, discorsi di Osho, documentari su Osho ecc. A giudicare dal fatto che libri e cassette sono molto impolverati direi che non ne vendono poi tanti.

Ci hanno anche fatto vedere un video di Osho di 45 minuti nel quale il fu santone effettua una serie di voli pindarici tra corsa agli armamenti, disboscamento delle foresti pluviali, fame e malattie nel mondo, ecc.

Ci racconta che Osho è stato un pioniere della trasformazione interiore tramite la meditazione, il non-fare. A lui è dovuto lo sviluppo del suono che guarisce.

Il centro è tutto sommato molto ben tenuto e fa sfoggio di mobilio e architetture di pregio, per quel poco che ho potuto vedere. Infatti Rajneesh è morto, ma Osho vive, eccome!, dei contributi della comunità. Tutt’intorno negozietti e bancarelle di articoli in tema.

Per chi abbia curiosità di provare di persona l'esperienza, è previsto (previo test dell’AIDS, presentazione di due foto e pagamento di 250 Rp, ma solo 80 Rp se riuscite a fargli credere di essere cittadini indiani) un “soggiorno meditativo completo di una giornata intera” – non è specificato se comprende anche la notte.

Dato che il giro è finito e siamo fuori dalla zona riservata faccio qualche domandina al capo. Chiedo cosa mangiano, e mi dice vegetariano. Chiedo se sia permesso fumare (sì nelle zone adibite, con moderazione) o bere alcohol (no). Infine prendo coraggio e chiedo perché il test sull'AIDS e mi dice che "il sesso libero è la libertà dal sesso". Ci dovrò pensare sopra un po’. Chiedo che mi dice delle voci che parlano di orgie, e mi risponde che "le voci sono voci".

Uscendo mi fermo in un negozio di musica lì vicino, voglio comprare qualche CD di musica indiana. Il negoziante mi fa vedere molte varietà di musica delle varie regioni dell'India e anche prodotti per frequentatori del centro, musica da meditazione, rilassamento ecc. Mi dice che grazie ad Osho fa buoni affari, soprattutto nell'alta stagione da ottobra a maggio, poi in estate Osho si spopola ma lui non chiuda mai.

19 May 1989

26° g - 19 MAG: su questioni militari e progetti di cooperazione tecnologica

Incontro con il Generale (3 stelle) Nikolai Chervov, Capo del Dipartimento Affari Esteri del Ministero della Difesa dell'URSS. Mi riceve arrivando 15 minuti in ritardo e scusandosi perché era stato intrattenuto da Jazov, il ministro della difesa.

Molto cortese e disponibile, ascolta attentamente le mie domande e risponde puntualmente a tutte. L'incontro dura un'ora e mezzo. Dice che parlerà a titolo personale, non come ufficiale sovietico.

25 January 1986