Showing posts with label Islam. Show all posts
Showing posts with label Islam. Show all posts

27 July 2020

Film review: Queen of the Desert (2015) by Werner Herzog, *****

Synopsys

Gertrude Bell, a daughter of wealthy British parents, has no interest in the social life of the London elite. Balls, receptions and the British aristocracy bring her only boredom. She wants to study, learn and above all see the world.

Aspiring to have at least some kind of activity in her life, Gertrude decides to find freedom and move to be with her uncle, who occupies a high diplomatic position in Tehran. From Iran she moves on to Amman and Damascus, some of the main political centers in the crumbling Ottoman Empire.

So begins her lifelong adventure across the Arab world, a journey marked by danger, a passionate affair with a British officer, Henry Cadogan, and an encounter with the legendary T.E. Lawrence.

With an all-star cast, including Nicole Kidman, Robert Pattinson, Damien Lewis and James Franco, Queen of the Desert is the uplifting, inspiring and extraordinary true story of one woman who, against all odds, changed the course of history.


Review

A gripping historical film on the life of an extraordinary woman who carved the life she wanted out of a hard world made for men.

We learn a lot about life in the latter part of the Turkish occupation of what is now Jordan and Iraq, areas where nomads roamed free without borders and ancient religions perpetuated irreconcilable conflicts.

Never seeking power she ended up making political decisions that are still relevant in the Middle East a century later. It would have been interesting if the movie had shown why she helped certain tribes rise to power through British help and not others. In the end, a successful but unhappy woman who spent most of her life alone.



25 December 2017

My book on the Maldives is available in English! "Journeys through the Maldives" by Marco Carnovale

Typical Maldivan boat
Tales from the many trips to the Maldives of the author. Avoiding the tourist resorts, he visited remote villages, where tradition is combined with innovation and technology, meeting local people and trying to understand their culture. Always island hopping by boat, he went from postcard perfect uninhabited islands and through the streets of the bustling capital Malé, in its hidden corners often overlooked by tourism. In dozens of dives, he witnessed the richness of wildlife and the sparkling colors of these seas.

But the islands are facing rapid changes and serious problems, and they are not always the paradise they seem. The Maldives are at a turning point, with political, economic and environmental changes that pose difficult challenges to the government and to the nation.

The book is completed by an analytical index, a chronology of the Maldivian history, a bibliography and some black and white photographs.

Available on all Amazon websites.


In the UK buy it here



In Italy buy it here



In France, Belgium and Switzerland buy it here



In the US buy it here



In Canada buy it here







18 December 2017

Book review: The Maldives: Islamic Republic, Tropical Autocracy (2015) by J. J. Robinson, ****

Islamic Center in Malé
Synopsis

The Maldives is a small and beautiful archipelago south of India, more renowned for luxury resorts than experiments in democracy. It is a country of contradictions, where tourists sip cocktails on the beach while on nearby islands local women are flogged for extramarital sex and blackmarket vodka costs $140 a bottle. Until 2008 the Maldives also hosted Asia's longest-serving dictator, Maumoon Abdul Gayoom. A former political prisoner, Mohamed Nasheed, an environmental activist, journalist, and politician, brought Gayoom's thirty-year autocracy to a sudden end, in the Maldives' first democratic elections.

Young, progressive and charismatic, President Nasheed thrust the Maldives into the spotlight as a symbol of the fight against climate change and the struggle for democracy and human rights in one of the world's strictest Islamic societies. But dictatorships are hard to defeat, enduring in a country's institutions and the minds of people conditioned to autocracy over three decades. Democracy brought turmoil, protests, violence and intense political polarisation.The ousted dictatorship overthrew Nasheed's government in February 2012, supported by Islamic radicals and mutinying security forces. Amid Byzantine intrigue, the fight for democracy was just beginning. (Amazon)


Review

It is unusual for a book entirely dedicated to the Maldives to come out, and here it is from an English journalist who lived and worked there for four years. The book is a compendium of his time there. It touches upon many aspects of Maldivian life, with special attention to the political dimension. Loads of facts and footnotes but also some opinions and evaluations. The book is written loosely in chronological manner, and it ends with the author's departure in 2013.

The general approach is typically English, ie detached. John J gets to know a lot about the Maldives but one does not get the impression he ever fell in love with the country, or was emotionally involved with it at all. But that is not a criticism, in fact perhaps it is a good thing in a journalist!

What the book lacks is a more critical organization of the issues, but perhaps as a journalistic chronicle it was never intended to delve in political analysis. Still, you will find more raw material for political analysis her than in any other book I know of that has been written on this country in the last decades.

I recommend reading this book to understand more about a country known mostly for its resorts.





01 March 2014

An Italian actress in London

Celeste is a 29-yo Italian artist who has been here a couple of years. She is from Puglia and tried a career in Rome but as so often the case there were too many insurmountable obstacles for her to have a chance. So she moved to London and now works at a major theater in Soho. She has adjusted to life in London effortlessly, her English is excellent and she is quite flexible in adapting to the environment.

Their budget being limited, she and her boyfriend usually share a house or an apartment with other students or young couples. She tells me that she met many good and interesting people, but had several problems with muslim families. She has been repeatedly insulted by their men for wearing a skirt above the knee (inside her own house!). Her boyfriend has been accused of assault for having the temerity to enter the shared kitchen space while the Bangladeshi wife was already there cooking something or other.

The Bengali couple called the police who came and immediately realized the young Italian man had done nothing wrong but advised them to find another accommodation without muslim roommates as these episodes were all too common.

05 May 2013

The National Museum of Maldives (second visit)

Today it's my second visit to the Maldives National Museum. I came here for the first time in 2009, and I wrote about this visit in my book (in Italian) on the Maldives and in this blog. Actually I did not quite come here, as in 2009 the museum was still housed in its old premises.

The National Museum of the Maldives was inaugurated on 19 November 1952, by the Prime Mnister Mohamed Ameen Didi, in the Usgekolhu, the last remaining building of the old Sultan's palace. It was an old building, inadequate for a modern museum.

Construction of the new (current) museum began in 2007 and it was inaugurated by then president Nasheed on 25 July 2010. The new building is a donation from China.

The museum houses artifacts as well as shells and corals, symbols of the Maldivian cultural as well as natural heritage.

There is a hard to find book on sale, probably the only one about the Museum of Malé, Maldives. Printed in 2010, just after the new museum gifted from China was completed, and before the tragic events of 8 February 2012, when almost all of the pre-islamic items in the museum were destryoyed by islamic fundamentalists.

The then president Nasheed had just been deposed and a wave of fanaticism shook the capital. A group of fundamentalists broke into the Museum and destroyed everything that was associated with the rich pre-islamic culture of the islands.

The book contains short descriptions of most items on display and color pictures of many of them, including some of those destroyed, some irreparably. As such it is bound to become a rare document, even tough not all objects are represented here.

President Nasheed at the Museum inspecting
 now destroyed pre-islamic scultpure (photo by Wearetraveller.com blog)

You can contact the Museum or the Ministry of Tourism and see if they will mail the Museum's book ((2010), edited by Nasheema Mohamed and Ahmed Tholal) to you as it does not seem to be available online and at bookstores.

Ministry of Tourism, Arts and Culture
Heritage Department
Malé
Maldives

You can buy my book on the Maldives here (in Italian)


30 November 2012

Libro: Viaggio alle Maldive (2a edizione, 2015) di Marco Carnovale


Sinossi

Racconto dei molti viaggi alle Maldive dell'autore, che ha navigato in lungo e i in largo per gli atolli, incontrando la gente e cercando di capirne storia e cultura. Gironzolando sempre in barca, Marco ci porta a spasso per villaggi tranquilli, dove la tradizione cerca un difficile equilibrio con l'innovazione e la tecnologia. Ci guida per le strade della brulicante capitale Male', nei suoi angoli nascosti spesso trascurati dal turismo frettoloso. Durante decine di immersioni subacquee, egli è testimone della ricchezza faunistica e dei colori sfavillantii di questi mari. Ma le isole stanno affrontando gravi problemi e rapidi cambiamenti, e non sono sempre il paradiso che sembrano. Le Maldive sono ad una svolta, con cambiamenti politici, economici ed ambientali che pongono difficili sfide al governo ed alla nazione.

Ho anche fatto molte fotografie alle Maldive, sopra e sotto la superficie dell'acqua. Ne ho pubblicato una selezione nella mia pagina Flickr.

Puoi ascoltare un'intervista sul libro che è andata in onda il 17 Gennaio 2013 a Radio Alma, una radio italiofona di Bruxelles.

Puoi comprare il libro su Amazon.it cliccando qui. Disponibile in formato ebook kindle oppure copia cartacea:





Per chi vive fuori dall'Italia il libro è disponibile sui vari siti di Amazon:

Amazon.com, Amazon.fr, Amazon.co.uk, Amazon.de, Amazon.es




°°°°°°°°°°°°°

PREFAZIONE DEL LIBRO "Viaggio alle Maldive" di Marco Carnovale

ALCUNI ANNI FA, in preparazione del mio primo viaggio alle Maldive, feci il giro delle mie solite librerie, e passai al setaccio anche i principali siti di vendita di libri sul web, per approfondire la conoscenza di questa destinazione. Trovai guide turistiche, in gran parte focalizzate sulla descrizione dei servizi offerti nei villaggi vacanza multistellati, e qualche carta geografica. Con non poca sorpresa dovetti però constatare che non esisteva alcun volume, in italiano, dedicato a storia, politica, economia, arte, ambiente, usi, costumi, società delle Maldive, e neanche un racconto di viaggio. Allargando la ricerca a librerie e siti web internazionali venne fuori che qualcosa di più era stato scritto in altre lingue, frutto del lavoro di politologi indiani, di un esploratore arabo del milletrecento, di uno francese del seicento, di un viaggiatore inglese degli anni trenta e di un archeologo norvegese degli anni ottanta del secolo scorso, e poco altro. Anche se si tratta di una piccola nazione, e non mi aspettavo certo scaffali pieni, la scena letteraria era veramente desolante.

28 January 2012

Book review/Recensione: Persepolis, by Marjane Satrapi, *****

Recensione in italiano di seguito!

Synopsis

Wise, funny, and heartbreaking, Persepolis is Marjane Satrapi’s memoir of growing up in Iran during the Islamic Revolution. In powerful black-and-white comic strip images, Satrapi tells the story of her life in Tehran from ages six to fourteen, years that saw the overthrow of the Shah’s regime, the triumph of the Islamic Revolution, and the devastating effects of war with Iraq. The intelligent and outspoken only child of committed Marxists and the great-granddaughter of one of Iran’s last emperors, Marjane bears witness to a childhood uniquely entwined with the history of her country.


03 October 2009

Film review: Afghanistan, Messengers from a Dark Past (2007), by Hossein Sadre and Florence Gavage, *****

Synopsis
Having been ravaged by over twenty-five years of civil war and strife, Afghanistan has today lost nearly all that made up its rich cultural past, as well as the pride of its inhabitants, in the days when caravans trod across the Silk Route. Long before these dark years, the various Afghan clans had already seen internal conflicts caused by their geographic isolation and the resulting political and social weakness. The principle of “divide and rule” became very easy to apply to these peoples who had no thirst for conquest.

This documentary goes back to the very early periods in the history of Afghanistan and its most ancient inhabitants, some 2.000 years ago: The Hazaras.

Over the centuries, they were colonized and their identities gradually eroded. From Arab conquests to the rule of the British-backed Amir Abdul Rahman Khan in the 1870s, right up to the Taliban, who destroyed the Bamyian Buddhas with the help of Pakistan and Saudi Arabia, a century of persecution, torture and humiliation finally subdued the Hazara people who were left without even a strand of hope.

You can view this film on Youtube by kind concession of the authors:

You can view Part 1/2 here:


You can view Part 2/2 here:

01 August 2009

Book Review: Monsieur Ibrahim and the Flowers of the Qu'ran, by Eric-Emmanuel Schmitt, ****

Synopsis
Internationally acclaimed play of cross-cultural friendship Paris in the 1960s. Thirteen-year-old Moses lives in the shadow of his less-than loving father. When he's caught stealing from wise old shopkeeper Monsieur Ibrahim, he discovers an unlikely friend and a whole new world. Together they embark on a journey that takes them from the streets of Paris to the whirling dervishes of the Golden Crescent. This delightful, moving play has already been a huge hit in Paris and New York. Performed in thirteen countries and published in twelve languages, it is also an award-winning film starring Omar Sharif.Monsieur Ibrahim and the Flowers of the Qur'an received its UK premiere at the Bush Theatre on 17 January 2006.

Recensione: Monsieur Ibrahim e i Fiori del Corano, du Eric-Emmanuel Schmitt, ****

Sinossi
Il breve intreccio di strade di un popolare quartiere parigino annovera vie che hanno il sapore delle favole: Rue Bleue, Rue de Paradis. Il quartiere dove abita l'adolescente Mose detto Momo, è pieno di vita e di luce, percorso da un'animazione popolare colorita e gaia, proprio l'opposto dell'appartamento in cui Momo vive con un padre, perennemente immerso nella penombra, eccettuato per il cono di luce serale che avvolge l'avvocato, senza affari e senza moglie, intento a leggere uno dei ponderosi volumi. Nonostante l'atmosfera pesante di una casa dalla quale l'amore sembra fuggito, Momo è un ragazzo dallo spirito aperto e curioso, ferito dalle accuse del padre e dalla sua indifferenza ma capace di reagire con una serie di spensierate trasgressioni.

19 March 2009

Al Museo Nazionale delle Maldive, Malé

Pur avendo un aspetto esteriore piuttosto miserello (NDA: nel 2009 il museo è ancora ospitato un un vecchio edificio, ma dall'anno prossimo sarà trasferito in uno nuovo, donato dalla Cina), il museo di Malé ospita reperti di importanza fondamentale per capire la storia dell'arcipelago. Qui sono custoditi gli unici reperti risalenti al periodo pre-islamico delle Maldive, un'eccezione che conferma la regola che fa divieto di custodire nel territorio della repubblica islamica oggetti di culto di altre religioni. Gli artefatti più significativi sono infatti i reperti buddhisti, trovati soprattutto durante la spedizione di Thor Heyerdahl nel 1982, di cui racconto in un altro post di questo blog.

Heyerdahl era un esploratore norvegese, famoso non tanto per il lavoro svolto qui quanto per aver portato a termine la traversata dell'oceano Pacifico orientale con il Kontiki, una zatterona di balsa con la quale voleva dimostrare che i primi abitanti della Polinesia vi erano arrivati dall'America meridionale. Costruì una barca con antiche tecnologie e materiali locali in Perù e la chiamò Kontiki, dal nome di un dio Sole degli Inca. Con altre cinque persone a bordo, partì dal Perù nell'aprile del 1947, per arrivare quattro mesi dopo nella Polinesia francese. Dimostrò così che gli abitanti dell'America pre-colombiana avrebbero potuto navigare il Pacifico, ma non che lo avessero effettivamente fatto. Successivi studi antropologici infatti convergono nell'ipotizzare che i Polinesiani discendano piuttosto dal sud-est asiatico. Ma Heyerdahl non si perse d'animo, fece buon viso a cattivo gioco e ripartì, stavolta con un aereo di linea, per un altro oceano.

Stanco del Pacifico, approdò alle Maldive nel 1982 e riuscì ad ottenere dal presidente Gayoom uno speciale permesso per continuare nel sud dell'arcipelago le ricerche che l’inglese Bell aveva cominciato decenni prima. Il rilascio di questa apparentemente innocua autorizzazione non era affatto scontato, in quanto ogni immagine sacra che non sia islamica è vietata nel paese, e non si fanno sconti a nessuno. Rinvenire e magari mostrare in pubblico opere risalenti al periodo induista o al buddhismo poteva essere considerato sconveniente, anche se questi reperti fanno incontestabilmente parte del bagaglio storico delle isole. Comunque Gayoom acconsentì agli scavi.

Nel corso di vari mesi Heyerdahl trovò un vero e proprio tesoro di reperti archeologici. Gli scavi erano in parte facilitati dai precedenti studi di Bell, che tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX aveva dimostrato senza ombra di dubbio che le Maldive erano buddhiste ed induiste prima di essere convertite all'Islam nel XII secolo. Il buddhismo arrivò con ogni probabilità durante il regno di Ashoka il Grande in India, durante il III secolo a.C., dunque più di mille anni prima della conversione all’Islam.

Ashoka era un re della dinastia indiana dei Maurya, ambizioso quanto illuminato, che regnò nel III secolo a.C. Si racconta che dopo aver vinto in una delle più cruente battaglie della storia indiana contro il regno di Kalinga, l'ultimo che non avesse ancora accettato la sua autorità, fu traumatizzato dal massacro di cui era stato artefice. Quindi, pur vittorioso, si convertì al buddhismo ed alla non violenza e fu molto attivo nel propagarne il credo, non solo nel suo regno ma anche al di là, fino addirittura all'Egitto e a Roma. Ma se la sua ambizione mondiale era forse eccessiva, egli convertì comunque al buddhismo quasi tutto il subcontinente indiano. Al di là della dimensione leggendaria di Ashoka, è certo però che questo fu l’unico periodo di affermazione continentale della religione buddhista, che qui era nata (Buddha era nato nell’odierno Nepal ma visse e morì in India) ma che poi sparì nel corso dei secoli per il risorgere dell’induismo più tradizionale, che lo fagocitò: Buddha è infatti considerato la nona reincanazione di Vishnu.
Dopo l'islamizzazione forzata dell’India poi, sotto la spinta dell’invasione di Tamerlano nel XIV secolo e culminata con l’impero Moghul duecento anni dopo, il retaggio buddhista fu quasi completamente dimenticato in tutto il subcontinente indiano. A tutt’oggi i pochi buddhisti rimasti trovano rifugio soprattutto nelle valli himalayane al confine con il Tibet. Della presenza buddhista alle Maldive, fino alle scoperte di Bell ed Heyerdahl non si seppe più nulla. Molte delle lastre di corallo utilizzate per i templi furono asportate e riciclate per abitazioni e moschee. Tuttavia gli scavi di Heyerdahl furono molto proficui, ed egli riuscì a raccogliere dalle sabbie una discreta collezione di sculture che erano scampate a razzìe e devastazioni dei secoli precedenti.

Nel museo di Malé ho potuto ammirare delle vere perle di quel periodo. Tra queste mi hanno colpito particolarmente alcune teste umane e teste di mucca in pietra di corallo, busti di Buddha e poi alcuni scrigni con simboli buddhisti, tutti risalenti al X secolo. Mi compiaccio della lungimiranza di Gayoom che ha permesso le ricerche e la conservazione di questi reperti nonostante non siano islamici. Mentre visito il museo, mi auguro che questa sua scelta sia di buon auspicio per gli studi futuri della regione. Ho letto che la Cina farà una donazione per ristrutturare il museo e valorizzarne le opere. Ma, come racconterò in seguito, sarò destinato ad una cocente delusione.

Nelle stanze successive sono esposti vestiti appartenuti ai sultani, con tanto di medaglie, pantofole finemente decorate e persino strumenti musicali, tra cui qualche vecchio bodu beru, il tipico tamburo che avrò la fortuna di ascoltare a Felidhoo, come racconterò in seguito. C'è persino un vecchio pianoforte di fabbricazione inglese. In un angolo, un ritratto di Ibn Battuta mi scruta intensamente. Bene! Sarà contento che stia utilizzando i suoi meticolosi appunti per il mio libro.

Nel museo ci sono anche preziosi esemplari dell'artigianato maldiviano così come si è sviluppato nei secoli. In particolare attirano la mia attenzione pregiati tappetini, oggetti laccati (con materia prima importata tradizionalmente dalla Birmania dato che qui non se ne produce) e gioielli finemente cesellati in oro. Una volta, leggo nel diario di Pyrard de Laval, i gioielli in oro erano prerogativa esclusiva del sultano e della moglie: chiunque altro volesse indossarne doveva comprare un permesso, portando così al Sultano un ricco e facile flusso di tributi. Non era però permesso a nessuna, neanche alla più nobile delle donne, indossare bracciali o alcun tipo di ornamento sulle caviglie. C’era poi una complicata regola gerarchica per cui gli anelli potevano essere indossati solo su certe dita e non altre, in modo che tutti fossero immediatamente riconoscibili per il proprio rango. Gli uomini potevano portare anelli solo sul pollice.

Purtroppo nel tempo queste arti (lacche, tappeti, gioielli) sono andate via via scomprarendo, e la produzione che oggi si trova in commercio risponde più a esigenze di turismo da paccottiglia, magari importata dall'India o dall'Indonesia, che a espressioni artistiche tradizionali del luogo. Si può solo sperare che un turismo più selezionato possa ricreare una domanda di qualità prima che questo artigianato sparisca per sempre. O forse che con lo sviluppo economico di fasce più ampie della popolazione si crei anche una domanda interna per questo tipo di merce pregiata, a volte di lusso, che permetta agli artigiani di continuare a produrla? Forse non è ancora troppo tardi.

Here are some of my own pictures of the Museum, taken in 2009 when it was still housed in the old premises and, of course, before the destruction of February 2012.





































Questo post è un estratto del mio libro sulle Maldive


17 March 2009

L'islam alle Maldive

Il muezzin richiama alla preghiera con la consueta regolarità, si sente da tutto il centro di Malé. Di regola, quando parte la registrazione di «Allah-u-akhbar», anche i negozi dovrebbero chiudere per consentire a tutti di pregare senza distrazioni, ma di fatto questo spesso non succede, anzi nel centro di Malé non l'ho mai visto fare. Magari si vede il cartello di prammatica «CLOSED» sulla porta, ma dentro le contrattazioni continuano.

La grande cupola dorata del centro islamico è una delle prime architetture che si vedono arrivando a Malé, il sole la fa brillare e si staglia prepotentemente e fotogenicamente, per dimensioni e colore, sulla monotonia urbanistica dell'isola e sul cielo blu. Il grande edificio di candido marmo bianco è stato inagurato nel 1984 e contiene un'enorme sala di preghiera che può contenere fino a cinquemila persone ed una sala per conferenze sull’Islam. I non mussulmani sono liberamente ammessi, tranne che durante la preghiera, ovviamente come tutti senza scarpe, e senza fotografare l'interno. Entrando noto che l'atmosfera è serena, anche molto fresca se paragonata al caldo esterno, accogliente. Quando arrivo non c'è nessuno, solo qualche bidello che fa le pulizie ed un impiegato che gentilmente mi scorta dentro per una visita.

Non mi fanno entrare, invece, nella vicina moschea antica, detta «del venerdì», per la quale mi dicono serva un permesso speciale, ma ho l'impressione che più semplicemente il guardiano di turno non fosse di buon umore. Forse ci potrò riprovare un’altra volta perché è la moschea più antica delle Maldive e pare che contenga mobili e suppellettili pregiati, con pannelli di legno su cui sono scolpiti i versi del Corano.

La moschea è un luogo preminente nella città. La fede islamica occupa infatti un ruolo preponderante in tutti gli aspetti della vita maldiviana dal tempo della conversione nel 1153. Come in molti altri paesi mussulmani, il ruolo dell'Islam acquisisce qui una dimensione che va al di là della religione per toccare la politica, la vita sociale ed anche quella personale. Ma la commistione tra potere religioso e temporale ha visto comunque, con poche eccezioni nella storia del paese, prevalere quest’ultimo, anche se spesso incarichi religiosi venivano usati per poi acquisire potere temporale. Ma come si è arrivati alla conversione all’Islam delle genti delle Maldive? Non lo sappiamo con precisione, anche se sappiamo che mercanti arabi frequentavano con assiduità i porti della regione a partire dal VII secolo. Ma, come spesso accade in tutto il mondo, dove la storia ci abbandona viene in soccorso la mitologia.

C’era una volta un demonio, chiamato Rannamari, che ogni mese veniva dal mare a minacciare e ricattare le genti delle isole...

Questo post è un estratto del mio libro sulle Maldive. Per comprare il libro cartaceo o in in formato kindle su Amazon clicca qui.

10 July 2005

Book Review: Ladakh - Crossroads of High Asia, by Janet Rizvi, *****

Synopsis
This highly readable volume offers the first authoritative account of the history, religions, culture, and social conditions of Ladakh, the land often celebrated as the last outpost of Tibetan civilization. Relatively isolated from the rest of India as well as from Tibet by the world's highest mountains, Ladakh stands at the crossroads where Islam and Buddhism met and blended to produce an entirely unique culture.

Writing with feeling and personal knowledge born out of years of study and years spent in the region, Janet Rizvi presents much more than a mere coffee-table pictorial guide.

10 July 2004

Book Review: The Force of Reason, by Oriana Fallaci, *****

Synopsis

Oriana Fallaci is back with her much-anticipated follow up to The Rage and the Pride, her powerful post-September 11 manifesto. The genesis for The Force of Reason was a postscript entitled Due Anni Dopo (Two Years Later), which was intended as a brief appendix to the thirtieth edition of The Rage and the Pride (2002). Once Ms. Fallaci completed the postscript, she chose to expand it into a book, a continuation of her ideas set in motion in The Rage and the Pride.In The Force of Reason Fallaci takes aim at the many attacks and death threats she received after the publication of The Rage and the Pride.

Recensione: La Forza della Ragione, di Oriana Fallaci, *****

Sinossi

"La forza della ragione" voleva essere solo un post-scriptum intitolato "Due anni dopo", cioè una breve appendice a "La rabbia e l'orgoglio". Ma quando ebbe concluso il lavoro, Oriana Fallaci si rese conto di aver scritto un altro libro. L'autrice parte stavolta dalle minacce di morte ricevute per "La rabbia e l'orgoglio" e, identificandosi in tal Mastro Cecco che a causa di un libro venne bruciato vivo dall'Inquisizione, si presenta come una Mastra Cecca che, eretica irriducibile e recidiva, sette secoli dopo fa la stessa fine. Tra il primo e il secondo rogo, l'analisi di ciò che chiama l'Incendio di Troia, ossia di un'Europa che a suo giudizio non è più Europa, ma Eurabia, colonia dell'Islam.


13 September 2003

Book Review: Not Without My Daughter, by Betty Mahmoody, *****

Synopsis
'You are here for the rest of your life. Do you understand? You are not leaving Iran. You are here until you die.'

Betty Mahmoody and her husband, Dr Sayyed Bozorg Mahmoody ('Moody'), came to Iran from the USA to meet Moody's family. With them was their four-year-old daughter, Mahtob. Appalled by the squalor of their living conditions, horrified by what she saw of a country where women are merely chattels and Westerners are despised, Betty soon became desperate to return to the States. But Moody, and his often vicious family, had other plans. Mother and daughter became prisoners of an alien culture, hostages of an increasingly tyrannical and violent man.

11 January 2003

25° g - 11 GEN: Pune e rientro a Mumbai

A Pune convivono, letteralmente fianco a fianco, negli stessi quartieri, bidonville puzzolenti e condomini sfavillanti, ricoveri per bovini randagi e grattacieli di acciaio e cristallo dentro ai quali lavorano migliaia tra i più sofisticati esperti di informatica del mondo!

Qui è stato tenuto prigioniero Gandhi. Ho visitato con una certa emozione l'importante memoriale. Credo che se vedesse l'India di oggi sarebbe molto preoccupato, ma forse ancora speranzoso.

Casa di Jaideep è tipica espressione della emergente classe media indiana, appartamento moderno, dotato di tutto, senza lusso ma comodo e funzionale. Il comprensorio è dotato di parcheggi che sono pieni di auto di categorie media e alta, nuove di zecca, piscina, campi da tennis.

Lui se la passa bene, dopo aver fatto l'università in America è tornato, si è sposato con una brillante architetta presentatagli dal padre, come ancora si usa. Però ci tiene a sottolineare che sono stati solo presentati dalle rispettive famiglie, e non obbligati a sposarsi.

Ovviamente sono entrambi Bramini, stessa casta e sottocasta. L'appartenenza alla stessa casta è ancora un fattore importante nello scegliere un partner di vita, anche se meno di prima.

Jaideep e Sharmila pensano che ai loro figli non importerà molto e loro non faranno pressione. Panta rei? Chissà? Son migliaia di anni che si accoppiano per casta, ma forse è ora di cambiare. Hanno un figlio ed una figlia e son contenti così. In India c’è ancora il problema degli aborti selettivi perché le coppie preferiscono figli maschi, ed il governo ha vietato di fare l'ecografia per capire il sesso del nascituro!

A proposito di usanze tradizionali, mi dicono che il sati, immolazione rituale della moglie quando muore il marito, è ovviamente scomparso come pratica corrente ma ogni tanto, forse una o due volte l'anno, se ne sentono ancora, soprattutto nel Rajasthan.

Nonostante siano Bramini non sono vegetariani. Anzi mangiano anche carne bovina, ma non in India perché siccome se ne consuma poca hanno paura che non sia fresca.

Loro sono entrambi bengalesi, e tra di loro parlano prevalentemente bengalese, ma con i figli che vanno a scuola a Pune prevale il Marathi. Tutti parlano Hindi che però è usato soprattutto in occasioni ufficiali, e alla fine in casa si sente anche molto inglese.

La convivenza di coppie non sposate è ancora molto rara in India, ma comincia ad essere accettata nelle città e nelle famiglie più moderne.

Sharmila e Jaideep vestono all'occidentale. Lei mi dice che ama i sari tradizionali ma li indossa solo in occasioni importanti, è troppo scomodo.

Moltissimi indiani e indiane, anche giovani moderni che hanno studiato all'estero, arrivano vergini al matrimonio. È considerato normale, anche per gli uomini, e svariate persone che ho incontrato in questo viaggio non hanno avuto nessuna difficoltà a dirmi che quella era stata la loro esperienza.

Adesso Jaideep sta facendo una rapida carriera in una azienda di sviluppo di software, anzi mi propone di collaborare per cercare nuovi clienti in Europa.

Hanno due donne di servizio che vengono tutti i giorni a pulire e cucinare (costo: circa 200 euro al mese ciascuna), ed un autista per portare Jaideep in ufficio e sbrigare commissioni varie. Però oggi chissà perché non cucinano.

Per cena Jaideep organizza un takeout. Portiamo la cena calda a casa e mangiamo subito sul grande tavolo. Con le mani naturalmente. In sala da pranzo c’è anche un lavandino con sapone per lavarsi le mani immediatamente dopo mangiato senza andare in giro con salse varie che grondano dalle dita. Molto pratico.

Tutto intorno a questo bel quadretto dell'India emergente però baraccopoli, bufali affamati che mangiano immondizia, fango, migranti senzatetto in cerca di un lavoro. Facciamo una passeggiata e Jaideep mi fa notare come gli spazi pubblici siano trasandati, sgarrupati, mentre quelli privati sono curati, puliti.

Questo sarà un ritornello nelle nostre conversazioni, lui è molto convinto della necessità di liberare le energie del settore privato per lanciare il paese. Io sono d'accordo anche se ci sono enormi problemi di diseguaglianze che solo il governo può mitigare. Ma questo è un altro ritornello, qui come un po’ in tutto il mondo.

Nel tardo pomeriggio rientro a Mumbai, sono meno di 200 km, il collegamento aereo dura solo 30 minuti (55 dollari solo andata) ma non avendo fretta ho preso il taxi collettivo che ci mette tre ore (bottiglia di acqua purificata in omaggio!) e costa 450 Rp.

Appuntamento in aeroporto a notte fonda ed imbarco senza problemi con la fedelissima Royal Jordanian per Amman; stavolta il bagagliaio è ben chiuso!

Sull'aereo della Jordanian i monitor delle TV indicano sempre la direzione della Mecca, anche se non ho mai visto nessuno pregare.

Ad Amman noto con curiosità che le molte ufficialesse al controllo di sicurezza sono tutte a testa coperta da veli solitamente neri. Al contrario, le commesse e le cassiere dei negozi non hanno mai il velo, anzi sono acconciate in modo decisamente accattivante.

Mi viene da pensare come l'Islam sia stato, nei secoli, la cerniera tra Europa ed India. Tra poco siamo a casa.

Anche questo mio terzo viaggio in India è finito, ma più ci vengo e più so che ci tornerò!

02 April 2002

Recensione: La rabbia e l'orgoglio (2001) di Oriana Fallaci, *****

You can read an English version of the article on which this book is based here.

Sinossi


Con "La rabbia e l'orgoglio" (2001), Oriana Fallaci rompe un silenzio durato dieci anni, dalla pubblicazione di "Insciallah", epico romanzo sulla missione occidentale di pace nella Beirut dilaniata dallo scontro tra cristiani e musulmani e dalle faide con Israele. Dieci anni in cui la Fallaci sceglie di vivere ritirata nella sua casa newyorchese, come in esilio, a combattere il cancro. Ma non smette mai di lavorare al testo narrativo dedicato alla sua famiglia, quello che lei chiama "il-mio-bambino", pubblicato postumo nel 2008, "Un cappello pieno di ciliege". L'undici settembre le impone di tornare con furia alla macchina da scrivere per dar voce a quelle idee che ha sempre coltivato nelle interviste, nei reportage, nei romanzi, ma che ha poi "imprigionato dentro il cuore e dentro il cervello" dicendosi "tanto-la-gente-non-vuole-ascoltare".

Il risultato è un articolo sul "Corriere della Sera" del 29 settembre 2001, un sermone lo definisce lei stessa, accolto con enorme clamore in Italia e all'estero. Esce in forma di libro nella versione originaria e integrale, preceduto da una prefazione in cui la Fallaci affronta alle radici la questione del terrorismo islamico e parla di sé, del suo isolamento, delle sue scelte rigorose e spietate. La risposta è esplosiva, le polemiche feroci. Mentre i critici si dividono, l'adesione dei lettori, in tutto il mondo, è unanime di fronte alla passione che anima queste pagine. (Prefazione di Ferruccio De Bortoli)


Recensione

Un libro controverso, dai toni feroci, anche troppo, solo in parte giustificabili dalla situazione: Fallaci era a New York al momento degli attacchi dell'11 settembre. A mio avviso Fallaci ha ragione a parlare del pericolo che l'Europa abbassi la guardia sulla propria identità, ma indebolisce le sue argomentazioni quando si lascia trasportare dalle emozioni del momento. Maggiore sangue freddo avrebbe reso i suoi argomenti più lucidi. In ogni caso il libro pone delle domande, scomodissime, su cui il lettore farebbe bene a ragionare. Un libro importante, un grido di dolore di un'italiana che se la prende prima di tutto con gli italiani, e gli europei, non all'altezza del retaggio culturale che gli appartiene.

Il testo dell'articolo si può leggere nell'archivio del Corriere della Sera.


01 November 1991

3° g - 1 NOV: Museo nazionale, moschea, istituto di geografia

Visitiamo la moschea, ci dicono che era stata quasi off-limits durante gli anni dell’ateismo di stato ma ora funziona di nuovo, l’Arabia Saudita dona tappeti, arredamenti... Comunque non ci sono in Albania molti integralisti islamici, anche prima del comunismo. Un funzionario del ministero degli esteri mi dice che oggi c’è una cauta rivalutazione dell'islam. Quest'anno 180 albanesi sono andati a La Mecca per la prima volta in 50 anni. Altri andranno l’anno prossimo. Relazioni eccellenti con la Turchia, per affinità religiosa e culturale dopo 500 anni di occupazione, per i circa 2 milioni di albanesi in Turchia, e nell'ambito della cooperazione balcanica multilaterale.