Showing posts with label diving. Show all posts
Showing posts with label diving. Show all posts

04 February 2019

Peleliu island, Republic of Palau

My third time on this small island whose sand is soaked with history. Today for the first time with my wife. In between dives we took a walk around the pier, where we quickly ate some snacks and took a shower.

No time to do a full tour of the island so we were just taking a short walk ashore when a stocky man driving a pick-up truck approached us and asked how long we were staying on the island. 

I told him no more than a half-hour and he offered to show us the wreck of a Japanese Zero that had been downed nearby and the airstrip for which so many people had died.

500 people live on the island now, but boats of tourists come from Koror every day to restock a couple of minimarkets. Other than that, locals have to boat to the capital for shopping.

We can see a small house, nothing special but the building is proudly announced by signs and photos as the house where the Japanese Emperor and Empress rested during their visit to Palau and Peleliu on 9 April 2015.

The photos of the imperial visit show the couple, meeting local elders and children, and of course paying tribute to the fallen soldiers of both sides, Japanese and American.

There are two mausoleums on the island a Shinto for the Japanese and one for the Americans, though both sides, I am told, retrieved their dead to be buried in their respective homeland.

Peleliu offers better dive sites than Palau, I wish we had spent more time here. But I fear the liveaboard skipper wanted to save fuel...





















In the final dive of the day an incredible encounter with a leopard shark.



29 January 2019

Iro wreck dives, Palau


The "Iro" was not a "maru", like most wrecks in the Chuuk lagoon, ie it was not a merchant transport converted to military uses. It was an oil tanker built in 1921-22 expressly for the imperial Japanese navy. Funny she was powered by coal, was a steamer, even though she carried oil for the engines of other ships. One of only 9 oilers in the Japanese navy in WWII, a major weakness.

It participated in most major WWII operations, except Pearl Harbor. During the course of the war, it was hit many times but survived.

It was finally hit by a torpedo in her bow near the Philippines which chopped off a whole bite of the hull at the very front edge. In March 1944 it was limping on her way to Chuuk to be repaired when she learned of operation Desecrate, the American attack on Palau, and she was ordered to Palau, the next maritime line of defense for the imperial navy.


There she was again attacked and finally sunk.

It was salvaged in the 1950s, the Japanese recuperated the bodies and valuable metals but... the boat bringing the remains of the Iro's sailors and any valuables back to Japan sink en route!

The Iro now rests upright, stern sank first and is deep under the sand with prop and rudder clearly visible. A most interesting set of dives.



25 December 2017

My book on the Maldives is available in English! "Journeys through the Maldives" by Marco Carnovale

Typical Maldivan boat
Tales from the many trips to the Maldives of the author. Avoiding the tourist resorts, he visited remote villages, where tradition is combined with innovation and technology, meeting local people and trying to understand their culture. Always island hopping by boat, he went from postcard perfect uninhabited islands and through the streets of the bustling capital Malé, in its hidden corners often overlooked by tourism. In dozens of dives, he witnessed the richness of wildlife and the sparkling colors of these seas.

But the islands are facing rapid changes and serious problems, and they are not always the paradise they seem. The Maldives are at a turning point, with political, economic and environmental changes that pose difficult challenges to the government and to the nation.

The book is completed by an analytical index, a chronology of the Maldivian history, a bibliography and some black and white photographs.

Available on all Amazon websites.


In the UK buy it here



In Italy buy it here



In France, Belgium and Switzerland buy it here



In the US buy it here



In Canada buy it here







31 July 2017

25 July 2017

Komodo National Park, Indonesia, dive cruise July 2017

Courtesy of Andre on Dewi Nusantara, this is me chasing fish with my camera!




Mission report from a great trip on the best liveaboard!




The video below is by my dive buddy Luca, published with his kind permission.

16 February 2016

Il giorno del fidanzamento

Fidanzamento subacqueo a Bunaken, Indonesia. Si sa che le donne amano le sorprese, e questa volta mi sono sorpreso anche io!


20 September 2013

Book review: Diving Indonesia's Bird's Head Seascape (2011), by Burt Jones and Maurine Shimlock, *****

Synopsis

Home to more than 1600 fish species and three-fourths of the world's known corals, the Bird's Head Seascape, the global epicenter of marine biodiversity, is one of the world's premier dive destinations. This book is a comprehensive guide to 200+ sites where divers can observe this wondrous gathering of whale sharks, manta rays, secretive octopus and never before-seen fish. Detailed information on endemic marine life, the regions cultures, suggestions for land adventures and travel tips make this an indispensable guide for anyone traveling to this enchanted destination.

Review

This is essentially a comprehensive review of the region's dive sites, with lots of detailed data for each, such as depth, coordinates and suggested lenses for photographers. There is also a variety of info sheets on what to do and not to to, conservation, responsible tourism and life on land. Several of the many photograph are outstanding.

This is more a book to prepare a trip (there are many dive areas dovered and one has to choose) or to bring back memories afterwards. I would not necessarily recommend taking it along as it is rather heavy and, once a choice of boat is made, it is rather difficult to have any say in where the cruise leader will go anyway. Unless you have your own boat, GPS coordinates will be of little use.




30 November 2012

Libro: Viaggio alle Maldive (2a edizione, 2015) di Marco Carnovale


Sinossi

Racconto dei molti viaggi alle Maldive dell'autore, che ha navigato in lungo e i in largo per gli atolli, incontrando la gente e cercando di capirne storia e cultura. Gironzolando sempre in barca, Marco ci porta a spasso per villaggi tranquilli, dove la tradizione cerca un difficile equilibrio con l'innovazione e la tecnologia. Ci guida per le strade della brulicante capitale Male', nei suoi angoli nascosti spesso trascurati dal turismo frettoloso. Durante decine di immersioni subacquee, egli è testimone della ricchezza faunistica e dei colori sfavillantii di questi mari. Ma le isole stanno affrontando gravi problemi e rapidi cambiamenti, e non sono sempre il paradiso che sembrano. Le Maldive sono ad una svolta, con cambiamenti politici, economici ed ambientali che pongono difficili sfide al governo ed alla nazione.

Ho anche fatto molte fotografie alle Maldive, sopra e sotto la superficie dell'acqua. Ne ho pubblicato una selezione nella mia pagina Flickr.

Puoi ascoltare un'intervista sul libro che è andata in onda il 17 Gennaio 2013 a Radio Alma, una radio italiofona di Bruxelles.

Puoi comprare il libro su Amazon.it cliccando qui. Disponibile in formato ebook kindle oppure copia cartacea:





Per chi vive fuori dall'Italia il libro è disponibile sui vari siti di Amazon:

Amazon.com, Amazon.fr, Amazon.co.uk, Amazon.de, Amazon.es




°°°°°°°°°°°°°

PREFAZIONE DEL LIBRO "Viaggio alle Maldive" di Marco Carnovale

ALCUNI ANNI FA, in preparazione del mio primo viaggio alle Maldive, feci il giro delle mie solite librerie, e passai al setaccio anche i principali siti di vendita di libri sul web, per approfondire la conoscenza di questa destinazione. Trovai guide turistiche, in gran parte focalizzate sulla descrizione dei servizi offerti nei villaggi vacanza multistellati, e qualche carta geografica. Con non poca sorpresa dovetti però constatare che non esisteva alcun volume, in italiano, dedicato a storia, politica, economia, arte, ambiente, usi, costumi, società delle Maldive, e neanche un racconto di viaggio. Allargando la ricerca a librerie e siti web internazionali venne fuori che qualcosa di più era stato scritto in altre lingue, frutto del lavoro di politologi indiani, di un esploratore arabo del milletrecento, di uno francese del seicento, di un viaggiatore inglese degli anni trenta e di un archeologo norvegese degli anni ottanta del secolo scorso, e poco altro. Anche se si tratta di una piccola nazione, e non mi aspettavo certo scaffali pieni, la scena letteraria era veramente desolante.

15 October 2011

Book review: Coral Gardens, by Leni Riefenstahl, *****

Review
Leni Riefenstahl was a great, if politically controversial, movie director, but only later in her life she picked up photography in a serious way. Her books on African tribes are justly famous.

23 June 2011

Itinerary of North Sulawesi cruise on Dewi Nusantara

Itinerary of my diving trip in Indonesia, June 2011
You can see some pictures I took during this cruise here on Flickr.

My boat was the Dewi Nusantara.

15 May 2011

Film review: The Big Blue (1988), by Luc Besson, ***

Synopsis
Enzo and Jacques have known each other for a long time. Their friendship started in their childhood days in the Mediterranean. They were not real friends in these days, but there was something they both loved and used to do the whole day long: diving. One day Jacques' father, who was a diver too, died in the Mediterranean sea. After that incident Enzo and Jacques lost contact. After several years, Enzo and Jacques had grown up, Johanna, a young clerk in a security office, has to go to Peru. There she meets Jacques who works for a group of scientists. He dives for some minutes into ice-cold water and the scientists monitor his physical state that is more like a dolphin's than a human's. Johanna can not believe what she sees and gets very interested in Jacques but she's unable to get acquainted with him. Some weeks later, back in her office, she notices a championship for divers that is supposed to take place in Taormina, Italy. In order to see Jacques again she makes up a story so the firm sends her to Italy for business purposes. In Taormina there is also Enzo, the reigning diving world champion. He knows that only Jacques can challenge and probably beat him. This time Johanna and Jacques get closer, but Jacques, being more a dolphin than a man, can not really commit and his rivalry with Enzo pushes both men into dangerous territory...

Review
A controversial movie about two great champions of free-diving, their relationship with one another and that which bound both of them to the sea. The movie does not (and does not purport to) reflect the reality of these relationships however, it is only a fictional rendering of what the two men did and were. I found this disappointing, I would have preferred a real account of their real lives.

Apparently Besson had tried to involve the two protagonists in the making of the film but for various reasons was only partially successful with Jacques Mayol and Enzo Maiorca refused all cooperation, which is why the movie protagonist is called Enzo Molinari. In a tragic ending that reminds one of the film's ending, Mayol committed suicide in 2001.

Nonetheless, an interesting introspection into the personalities of the two characters. The film shows how an inner passion can motivate a person to do incredible feats and perform immense sacrifices, as well as to take extreme risks. All for no real, or at least no rational, reason.


26 September 2010

Book Review: Land of a Thousand Atolls, by I. Eibl-Eibesfeldt, ***

When this book was published in 1965 it must have been a ground breaking achievement. Very little was known then of the Maldives and underwater life in the atolls. Many photographs (of good quality given the technology of the time) complete an exhaustive description of the animal and plant life in the reef.

26 March 2009

Lo squalo martello dell'atollo di Rashdoo alle Maldive

Lo squalo martello che ho fotografato a Rashdoo
Scendiamo nel silenzio assoluto e nel blu sempre più scuro, quasi non si vede più la superficie e se non fosse per le bolle d'aria che rilasciamo, e che inevitabilmente partono verso l'alto, si farebbe fatica a riconoscere l'alto dal basso, la superficie dell'acqua dall'abisso che qui sprofonda per centinaia di metri. Uniche presenze piccoli organismi fosforescenti che danzano disordinatamente a mezz'acqua. Arrivati sui trenta metri ci disponiamo per l'attesa, non troppo ravvicinati per non darci fastidio l'un l'altro ma neanche troppo dispersi per non spaventare gli squali con una presenza che potrebbero interpretare come aggressiva, una formazione d'attacco, e farli scappare.

Passano i minuti e restiamo così, appesi al nulla, perfettamente idrostatici, muti, ad aspettare, fermi. Poi, all'improvviso, arriva. Si comincia a distinguere una flebile ombra nel blu, una silhouette grigia che si muove sinuosamente, lentamente, verso di noi. A poco a poco comincia a definirsi la sua forma allungata, poi le pinne, infine l’inconfondibile muso, schiacciato con i due piccoli occhi attaccati all'estremità. Il signore di questo mare, lo squalo martello, ci viene incontro. Solitario, sui trentacinque metri di profondità, sarà lungo tre metri, gira intorno ai sub, ci scruta. Scendo un po' per portarmi alla sua stessa quota e fotografarlo davanti, ma devo stare attento, siamo al limite della profondità programmata. Due, tre scatti sui tre quarti, poi si gira e se ne va. Dopo pochi istanti torna da noi, un'altra perlustrazione, tranquilla, è chiaro che una mezza dozzina di esseri ricoperti di gomma che fanno un sacco di bolle d'aria non sono la sua preda abituale. Riesco a posizionarmi per fare ancora qualche scatto, senza flash per non spaventarlo. Profilo grigio su sfondo cobalto, poi lo squalo si gira e si inabissa, sparendo definitivamente nel blu. Sono contento come un bambino, è la prima volta che fotografo un martello! Ma non c'è più tempo per indugiare nella speranza che torni, sono passati già una trentina di minuti da quando siamo qui a oltre trenta metri sott'acqua, la lancetta del manometro mi avverte che ho consumato la metà dell'aria della mia bombola ed è tempo di cominciare la lenta risalita...

Questo post è un estratto del mio libro sulle Maldive. Per comprare il libro formato kindle su Amazon clicca qui.


22 March 2009

Le mante di Donkalo, atollo di Ari, Maldive

Questa mattina ci svegliamo prima dell'alba, siamo tutti subacquei e, per sfruttare al meglio i pochi giorni a disposizione, buttiamo giù il primo caffè all'alba e poi subito in acqua per la prima di quattro immersioni della giornata. Siamo su una delle pass di Ari, i canaloni sommersi dove, con le maree, l'acqua entra ed esce dall'atollo all'oceano, apportando ossigeno e nutrimento e asportando detriti e scorie. Le mante approfittano delle fortissime correnti che le maree generano nelle pass per attendere al varco i piccoli organismi che costituiscono il loro nutrimento.

L'entrata in acqua oggi si presenta complicata, dopo il tuffo la marea ci farebbe allontanare immediatamente dalla barca d'appoggio e quindi bisogna saltare con macchine fotografiche e torce in mano, non c'è possibilità di farsele porgere come al solito dall’equipaggio. Saltiamo giù dalla barca in rapida successione, con il giubbetto completamente sgonfio per minimizzare il galleggiamento. Ci buttiamo in acqua con Luca con un «passo del gigante», in pratica un ampio passo in avanti effettuato con le gambe tese, direttamente dalla murata della barca. Una tecnica di entrata in acqua che si usa quando non è possibile praticare la classica capovolta all’indietro dal bordo di una piccola barca o di un gommone. Imitiamo un po’ i lanci dei paracadutisti da un aereo, e via subito giù immersione rapida per guadagnare nel minor tempo possibile il fondo della pass, in una lunga fila indiana di silhouette nere nell'acqua che si fa rapidamente scura, fino a venticinque metri di profondità, senza farsi portar via dalla corrente. Ovviamente abbiamo aspettato la marea entrante, ricca di nutrimento, che attira le mante. Ed inoltre più sicura, infatti se si viene portati via comunque si finisce dentro l'atollo e non in oceano aperto, dove il recupero sarebbe molto più problematico.

Bisogna pinneggiare poderosamente per contrastare la corrente e raggiungere nel punto prestabilito il fondo di sabbia bianchissima, quindi trovare un macigno dove fermarsi ed attendere le mante, agganciandoci con lo speciale uncino che abbiamo legato al giubbetto idrostatico, per formare una specie di trapezio e restare sospesi come aquiloni, senza sforzo, nella corrente.

Oppure semplicemente incastrando le pinne tra un masso e l’altro. Passano i minuti e stiamo lì a guardare in avanti verso il blu, fermi. Solo le colonne di bolle d'aria movimentano la scena. Non c'è che da aspettare, con l’occhio che salta dal manometro delle bombole, con l'ago che comincia a scendere, al computer, con i limiti di permanenza che si avvicinano.

Fortunatamente, in questa situazione piuttosto precaria e faticosa, non dobbiamo aspettare molto. Dopo qualche minuto ecco le mante! A piccoli gruppi di una mezza dozzina di esemplari, arrivano controcorrente, scivolando immobili, senza il minimo sforzo apparente, a qualche metro di altezza dal fondo. Hanno la bocca aperta a dismisura per catturare i piccoli animaletti che nuotano in corrente, si vedono chiaramente la gola e i due grandi rastrelloni di branchie in fondo alla cavità orale. Sicurissime di sé, evidentemente non si sentono minacciate e si avvicinano fino a sfiorarmi la testa. Faccio fatica ad inquadrare con la macchina fotografica, anche con un grandangolare spinto le grandi ali escono dall'inquadratura. Non c'è niente di peggio di una foto di un animale con le estremità tagliate fuori dal fotogramma.

Cerco di spostarmi per mettermi in posizione migliore per fotografare ma è difficilissimo con questa corrente. Devo reggere con una mano sola la macchina fotografica, già appesantita dalla scafandratura, e resa ancora più goffa e ingombrante dal grande flash esterno appeso alle staffe, mentre l'altra mano cerca di restare aggrappata alla roccia sul fondo. Inquadrare questi simpatici animali in movimento e sistemare zoom, apertura del diaframma, velocità dell'otturatore ed angolazione e potenza del flash richiede ripetute acrobazie e non poche goffaggini, ma alla fine riesco a produrre qualche scatto azzeccato. Tutto in modalità manuale. Infatti anche nell'era digitale sott'acqua ci sono valutazioni che si fanno meglio ad occhio che con gli strumenti. I movimenti delle mante sono abbastanza imprevedibili, quindi meglio trovare un buon punto ed aspettare che si avvicinino loro, il che succede abbastanza facilmente, sono bestiole curiose e modelle collaborative, anche se non possono immaginare che finiranno in un album fotografico a far bella mostra di sé in qualche salotto o appese al muro in una cornice, o ancora sul mio sito in internet ed in questo libro. Una guida sub maldiviana ha scoperto che alle mante piace il solletico delle bolle d'aria sulla pancia. Quando una bestia gli passa sulla testa si toglie l'erogatore e le scarica addosso una colonna di bolle...


Questo post è un estratto del mio libro sulle Maldive. Per comprare il libro formato ebook kindle o cartaceo su Amazon clicca qui.


21 March 2009

Nuotata con lo squalo balena alle Maldive

Lo squalo balena che ho fotografato ad Ari
Finalmente incontro uno squalo balena. Sono anni che cerco di farci un’immersione insieme, ma solo adesso ci riesco. Siamo all’estremità meridionale dell’atollo di Ari, in un punto dove spesso questi giganti del mare vengono a nutrirsi, o forse a riscaldarsi nell’acqua calda e poco profonda, ma ai confini con l’oceano aperto, cui possono facilmente ritornare senza doversi preoccupare di passaggi obbligati tra i banchi corallini. Impossibile saperlo con certezza, di loro sappiamo ancora molto poco. Comunque con loro si nuota solo in superficie, con maschera e boccaglio, niente bombole. Per non disturbarli troppo, si rischierebbe di infastidirli e sconvolgerne le abitudini. Finirebbe magari che sparirebbero dalla zona. E comunque trovarlo non è stato facile. La zona che bisogna battere è estesa per molti chilometri ed ovviamente non è possibile prevedere con precisione le abitudini di animali selvatici.

Le barche dei subacquei pattugliano lentamente su e giù per la costa dell’atollo, cercando di scorgere la caratteristica forma dello squalo che qui nuota a pelo d’acqua. Sulle isole si nota il cantiere dove stanno costruento un nuovo aeroporto regionale. Servirà a portare più rapidamente i turisti ai resort di Ari, senza dover ricorrere alle barche o ai microscopici aerotaxi idrovolanti. Per costruire la pista, che sarà completata nel 2011, sono state necessarie 37.000 tonnellate di sabbia. Il governo assicura che l’impatto ambientale sarà minimo e non deturperà l’ambiente sottomarino. Speriamo che gli squali balena che nuotano proprio qui accanto siano d’accordo.

Quando ne vedono uno, di solito i capitani delle barche se lo segnalano a vicenda, e si aiutano l’un l’altro a portarci i rispettivi clienti. Dopo ore di paziente attesa, ad un certo punto arriva la chiamata da un’altra barca e ci dirigiamo velocemente sul punto segnalatoci. Non c'è competizione in questo caso ma collaborazione, con il risultato che alla fine siamo in quattro barche a scaricare sul bestione una trentina di scalmanati alla ricerca di un incontro ravvicinato davvero speciale con il pesce più grande del mondo. Il quale se ne sta, beato ed incurante, a 4-5 metri di profondità, assorbendo i raggi del sole di mezzogiorno. Sarà lungo circa otto metri, un cucciolo per un animale che può facilmente raggiungere più del doppio della lunghezza. Procede lentamente, muovendo appena la coda con movimento sinuoso che sembra alla moviola. La parola «lentamente» per un grande squalo, però, non vuol dire la stessa cosa per un umano, ed infatti fatico moltissimo per cercare di nuotargli dietro, in superficie, con maschera, pinne, boccaglio e macchina fotografica, nella speranza di poter fare qualche fotografia da vicino. Alla fine ci riesco ma con grande affanno, e mi sento un po' ridicolo mentre lui, praticamente immobile, sgonfia la vescica natatoria e scivola verso l'abisso.

Questo post è un estratto del mio libro sulle Maldive. Per comprare il libro formato kindle su Amazon clicca qui.

23 August 2007

19° g - 23 AGO: Foa, immersioni e bicicletta

Oggi in ordine sparso, io vado con Glenn ed il suo catamarano a fare immersioni sub, i fondali sono ricchi di vita anche se non i migliori del Pacifico. Comunque due belle immersioni entrambe sui 25 metri al largo di Ha ‘ano. Bei giardini di corallo, ma poco pesce. Qualche nudibranco...

11 August 2007

7° g - 11 AGO: Vava’u – Foe’ata, immersioni, supercena!

Escursione con JJ e Antonio con Ricky, un neozelandese che col suo barchino con fuoribordo Yamaha da 40HP ci porta a fare un paio di immersioni in giro per la laguna. Tra un'immerisone e l'altra ci ha preparato panini e qualcosa da bere. Il tempo non è un granché, il cielo è coperto e ci sono un po' di onde, ma le immersioni sono comunque piacevoli, se non proprio indimenticabili. Certo con questo barchino non si può andare lontano. Gli altri restano a Blue Lagoon, attività marittime varie, letture, riposo.

17 December 2005

Book Review: Neutral Buoyancy: Adventures in a Liquid World, by Tim Ecott, *****

Synopsis
A brilliant mix of vivid reportage, history and science. Historical diving bells, greek sponge divers, world war two frogmen and record-setting breath hold divers compete for space with misunderstood sharks, weeping turtles, smiling dolphins and erotically shaped sea slugs. From Ireland to Florida, Papua New Guinea to Vienna and the Bahamas to Seychelles, Neutral Buoyancy is travel writing of the most fascinating, readable kind; providing a window - or a view from a glass bottomed boat - on a rich, unfamiliar and unique destination. Travel writing of this quality makes Neutral Buoyancy a must for all armchair travellers, not just divers.