Showing posts with label China. Show all posts
Showing posts with label China. Show all posts

28 July 2021

Film review: A Thousand Pieces of Gold, (1991) by Nancy kelly ****

Synopsys


Lalu (Rosalind Chao) is a young Chinese woman who is sold by her impoverished family and transported against her will to the American West in 1880. Upon her arrival in California, she meets Jim (Dennis Dun), a Chinese "wife trader" who sells her to Hong King (Michael Paul Chan), a successful Chinese merchant who lives in an Idaho mining town. The two set off on the long journey to Idaho and eventually strike up a friendship along the way.

When they finally arrive in the rough, isolated town, she is distraught to discover that she is not going to be Hong King's wife. Instead, she is to work in his saloon as his newest prostitute under a new name, "China Polly". She is further dismayed when Jim abruptly disappears, leaving her to fend for herself.

The following night, when Hong King tries to sell her virtue to the highest bidder, Lalu violently refuses to submit to her would-be suitors and successfully avoids becoming a prostitute, thanks in part to the intervention of a kind stranger, Charlie Bemis (Chris Cooper), who turns out to be Hong King's Caucasian partner. She placates a furious Hong King and convinces him to allow her to be his servant and saloon maid in order to repay the cost of her purchase. Hong King agrees to let her buy her freedom for the impossible sum of a thousand pieces of gold.

Polly, as Lalu comes to be known, endures great hardship. At one point, she is sexually assaulted by Hong King. However, she refuses to give up. She works hard and makes friends with the local townspeople. She also grows closer to Charlie, who begins to fall deeply in love with her. Meanwhile, Hong King is beset with financial problems and decides to sell Polly to the highest bidder. In a rare stroke of luck, Charlie wins her in a game of poker. She moves in with him but insists they remain platonic and keep separate quarters.

Jim comes back and wants her to be with him but he then leaves her again when he finds out that she is living with Charlie. The "white demons" begin to run out the Chinese people from their town so it will be a purely white town and the Chinese will stop getting all of the gold.

Polly works in many jobs and saves money to go back to China and her family, but ultimately ends up falling in love with Charlie. She marries him and lives the rest of her life with him in a different area so she will not be harassed by the white demons anymore. (Wikipedia)


Review

A brilliant film set up as a love story but in fact a telling history of racism in America. Right after the end of the Civil War, when blacks became free, it was the Chinese who were discriminated against in California, where many had come in search of fortune.

The film in itself is not the best structured one you will ever see, but it is a most interesting historical novel about a part of American history many forgot.

Read my other reviews of books about China here in this blog.

03 May 2021

明日歌 The Song of Tomorrow, Chinese idiom - La canzone del domani, proverbio cinese


明日歌
Míng rì gē
The Song of Tomorrow
La Canzone del Domani


明日复明日,

Míng rì,fù míng rì

Tomorrow, again tomorrow

Domani, ancora domani

----------

明日何其多 

míng rì hé qí duō

there are so many tomorrows

ci sono tanti domani

----------

我生待明日

wǒ shēng dài míng ri

my life is waiting for tomorrow

la mia vita aspetta il domani

----------

万事成蹉跎。

wàn shì chéng cuō tuó。

everything is in vain.

e tutto è invano.

02 April 2021

A conversation about China

- Hi I am from Indochina. I'd like to think what you think of China.

- Hi I'm from Europe, I'd be interested in your views too, wanna start? 

- China has traded with Indochina for thousands of years. Several times over those centuries, it was the world’s most powerful empire. Never once they sent troops to take our land. Admiral Zhenghe came to Malacca five times, in gigantic fleets, and a flagship eight times the size of Christopher Columbus’ flagship, Santa Maria. He could have seized Malacca easily, but he did not. 

- True he did not, but not because he was an especially nice guy, it was not his order from the emperor. He was to explore. Many Chinese emperors did not want much contact with the outside world. They wanted isolation.

- In 1511, the Portuguese came. In 1642, the Dutch came. In the 18th century, the British came. We were colonized by each, one after another. When China wanted spices from India, it traded with the Indians. When they wanted gems, they traded with the Persians. They didn’t take lands. 

- True they didn't invade India or Persia but they did at various times invade parts of Siberia (later lost to Russia), Korea, Vietnam, Turkish central Asia, and of course Tibet. The last two they are still holding on to. 

- The only time China expanded beyond its current borders was during the Yuan dynasty, when Genghis and his descendants Ogedei Khan, Guyuk Khan & Kublai Khan conquered China, Mid Asia and Eastern Europe. But Yuan Dynasty, although being based in China, was actually a part of the Mongol Empire. 

- I'm glad you brought up Mongolia. Here either you argue Mongolians are really Chinese, then "China" invaded central Asia and eastern Europe. Or you argue Mongolians are not Chinese, then China is now occupying half the country, which explains why the other half (the independent Republic of Mongolia, called in China "outer Mongolia") is always staunchly pro Russian, whether it's the Soviet Union or capitalist Russia. They want Russian protection against a potential Chinese threat. You can't have your Mongolian cake and eat it too! 

You also forget that The Chinese empire under the Mongols tried to conquer Japan, but failed because their fleet was destroyed by typhoons, the "kamikaze" or divine winds. That saved Japan, but China did try to invade, a couple of times actually.

And now China is slowly occupying the South China Sea on no internationally recognized legal basis. 

- Then came the "Century of Humiliation". Britain smuggled opium into China to dope the population, a strategy to turn the trade deficit around after the British could not find enough silver to pay the Qing Dynasty in their tea and porcelain trades. After the opium warehouses were burned down and ports were closed by the Chinese in ordered to curb opium, the British started the Opium War I, which China lost. Hong Kong was forced to be surrendered to the British in a peace talk (Nanjing Treaty in 1842). The British owned 90% of the opium market in China, during that time, Queen Victoria was the world’s biggest drug baron. The remaining 10% was owned by American merchants from Boston. Many of Boston’s institutions were built with profit from opium. 

- I agree with you on this point completely. The British conquest of Hong Kong and its opium trade was disgraceful and ought to be remembered as such. 

- Eighteen years after the Nanjing Treaty, in 1860, the West started getting really really greedy. The British expected the Qing government: 1. To open the borders of China to allow goods coming in and out freely, and tax-free. 2. To make opium legal in China.

Insane requests, the Qing government said no. The British and French, started Opium War II with China, which again, China lost. The Anglo-French military threatened to burn down the Imperial Palace, the Qing government was forced to pay with ports, free business zones, 300,000 kilograms of silver, and Kowloon was taken. Since then, China’s resources flowed out freely through these business zones and ports. In the subsequent amendment to the treaties, Chinese people were sold overseas to serve as labor. 

- Sadly this is true as well, shame on the French as well as on the British. 

- In 1900, China suffered attacks by the 8-National Alliance(Japan, Russia, Britain, France, USA, Germany, Italy, Austria-Hungary). Innocent Chinese civilians in Peking (Beijing now) were murdered, buildings were destroyed & women were raped. The Imperial Palace was raided, and treasures ended up in museums like the British Museum in London and the Louvre in Paris. 

- Again I agree and am ashamed my country was part of this shameful attack. 

- In the late 1930s China was occupied by the Japanese. Millions of Chinese died during the occupation. 300,000 Chinese died in Nanjing Massacre alone. 

- Japan's horrific occupation is well known and should be remembered as such. The Nanjing massacre too, though the numbers you mention are probably too high. One sad problem is that Mao and Chiang were too busy fighting each other instead of joining forces against Japan. 

- Mao brought China together again from the shambles. There were peace and unity for some time. But Mao’s later reign saw sufferings and deaths from famine and power struggles. 

- Be serious: yes Mao won the civil war, but then he brought unprecedented misery to China. More innocent people died at his hand than did in Nazi camps and Soviet gulags combined. Mao destroyed the economy, the cultural revolution destroyed more of the country's cultural heritage than all foreign invasions. Luckily Chiang, for all his crimes and corruption, took Some 7000 crates of artifacts to Taiwan, now preserved in a museum in Taipei. 

- Then came Deng Xiaoping and his famous “black-cat and white-cat” story. His preference for pragmatism over ideology has transformed China. This thinking allowed China to evolve all the time to adapt to the actual needs in the country, instead of rigidly bound to ideologies. It also signified the death of Communism in actual practice in China. The current Socialism + Meritocracy + Market Economy model fits the Chinese like gloves, and it propels the rise of China.

- There is no socialism in China except for one-party rule. Education is not free nor is housing or health care. As for meritocracy, yes there are many opportunities for capable people to emerge, but still, China is very corrupted, ask any Chinese in private (they won't say it in public or post it online). 

- Singapore has a similar model and has been arguably more successful than Hong Kong because Hong Kong is the gateway to China, was riding on the economic boom in China, while Singapore had no one to gain from.

- To compare Hong Kong and Singapore is difficult, too many differences. Both have been successful, but Singapore has been free for half a century, Hong Kong was never free: not under the British, not under China. 

A comparison of China and Singapore is even more of a far-fetched proposition. There is minimal corruption in Singapore and much more meritocracy. Hong Kong was successful because of its market economy and free trade, both of which are now in question. 

- In just 30 years, the CCP has moved 800 million people out of poverty. The rate of growth is unprecedented in human history. They have built the biggest mobile network, by far the biggest high-speed rail network in the world, and they have become a behemoth in infrastructure.

- Indeed, when China jettisoned socialism in all but name and embraced capitalism the economy predictably took off. 

- They made a fishing village called Shenzhen into the world’s second-largest technological center after the Silicon Valley. They are growing into a technological powerhouse. It has the most elaborate e-commerce and cashless payment system in the world. They have launched exploration to Mars. 

- Indeed huge progress in all of this, though Shenzhen was more than a fishing village, and I am not sure about the second-in-the-world, still, it is now an amazing XXI century city. 

- The Chinese are living a good life and China has become one of the safest countries in the world. The level of patriotism in the country has reached an unprecedented height.

- Sadly not all Chinese have a good life, far from it, much the countryside is still poor, inequalities are huge and many workers have no holidays, no pension plan, no insurance, in other words: no rights. 

- For all of the achievements, the West has nothing good to say about it. China suffers from intense anti-China propaganda from the West. Western Media used the keyword “Communist” to instill fear and hatred towards China. Everything China does is negatively reported. 

- Obviously, there are different views about China in the west, this is the nature of democracies. Many, like me, admire China's achievements and think we can all learn from them, but that does not hide its faults and shortcomings. 

- Westerners claimed China used slave labor in making iPhones. The truth was, Apple was the most profitable company in the world, it took most of the profit, leaving some to Foxconn (a Taiwanese company) and little for the workers. 

- Indeed it is not difficult to find many western companies which profited from China's labor laws, which give little protection to workers. That western companies make money in China does not make these laws good. I believe things are changing, as Chinese workers claim more rights, the way their colleagues in the west did decades ago.

They claimed China was inhuman with the one-child policy. At the same time, they accused China of polluting the earth with its huge population. The fact is the Chinese consume just 30% of energy per capita compared to the US. 

- The one-child policy was Deng Xiaoping's overreacting response to Mao's push to have as many children as possible. Both policies were wrong. Now China has a demographic time bomb waiting to go off as not enough young people will be there to support an aging population.

- Western countries claim China underwent ethnic cleansing in Xinjiang. The fact is China has a policy that prioritizes ethnic minorities. For a long time, the ethnic minorities were allowed to have two children and the majority Han only allowed one. The minorities are allowed a lower score for university intakes. 

- True indeed that minorities have enjoyed some privileges for a long time, but again that does not mean they are not repressing the Xingjian culture. Some in the West claim it is genocide, which it is not, but it is still a massive form of human rights violation.

- There are 39,000 mosques in China, and 2100 in the US. China has about 3 times more mosques per Muslim than the US. 

- I don't know where you got that number. The point is that in China all religions must submit to the central government, which is why the Vatican still does not recognize Beijing. China argues that its minorities are Chinese and is working to sinify them. 

- When terrorist attacks happened in Xinjiang, China had two choices: 1. Re-educate the Uighur extremists before they turned terrorists. 2. Let them be, after they launch attacks and killed innocent people, bomb their homes. China chose 1 to solve problem from the root and not to do killing. How the US solve terrorism? Fire missiles from battleships, drop bombs from the sky. 

- I agree the American response to Islamic fundamentalism has long been flawed and has failed. But China is trying to erase Turkic culture, not just Islamic extremism. 

- During the pandemic, when China took extreme measures to lock down the people, they were accused of being inhuman. When China recovered swiftly because of the extreme measures, they were accused of lying about the actual numbers. When China’s cases became so low that they could provide medical support to other countries, they were accused of politically motivated. 

- China initially denied there was a virus and repressed whistle-blowing doctors who flagged the problem back in late 2019. Time was lost and the problem got worse before they started doing something about it. 

- Western Media always have reasons to bash China. 

-I agree with you, it is always easier to blame others for one own mistakes. 

- Just like any country, there are irresponsible individuals from China who do bad and dirty things, but the China government overall has done very well. But I hear this comment over and over by people from the West: I like Chinese people, but the CCP is evil. What they really want is the Chinese to change the government, because the current one is too good. 

Fortunately, China is not a multi-party democratic country, otherwise, the opposition party in China will be supported by notorious NGOs (Non-Government Organization) of the USA, like the NED (National Endowment for Democracy), to topple the ruling party. The US and the British couldn’t crack Mainland China, so they work in Hong Kong. Of all the ex-British colonial countries, only the Hong Kongers were offered BNOs by the British. 

 Indeed it is hypocritical of the British to offer BNO just to Hong Kong, but any county is free to offer its citizenship to whoever they want. 

Because the UK would like the Hong Kongers to think they are British citizens, not Chinese. A divide-and-conquer strategy, which they often used in Color Revolutions around the world. 

They resort to low dirty tricks like detaining Huawei’s CFO & banning Huawei. They raised a silly trade war which benefits no one. Trade deficit always exist between a developing and a developed country. USA is like a luxury car seller who asks a farmer: why am I always buying your vegetables and you haven’t bought any of my cars? 

-I agree China is beating the old capitalist world at its own game though there are serious issues with intellectual property theft, cheating on licences, fakes etc. On the other hand I sympathize with China when it is requesting technology transfer from investors. Too many times in the past western multinationals made money in the developing world by localizing only cheap labor-intensive activities there while keeping all the high-tech for themselves.

When the Chinese were making socks for the world 30 years ago, the world let it be. But when the Chinese started to make high technology products, like Huawei and DJI, it caused red-alert. Because when Western and Japanese products are equal to Chinese in technologies, they could never match the Chinese in prices. First-world countries want China to continue in making socks. Instead of stepping up themselves, they want to pull China down. 

The recent movement by the US against China has a very important background. When Libya, Iran, and China decided to ditch the US dollar in oil trades, Gaddafi was killed by the US, Iran was being sanctioned by the US, and now it’s China’s turn. The US has been printing money out of nothing. The only reason why the US Dollar is still widely accepted is that it’s the only currency with which oil is allowed to be traded with. Without the petrol-dollar status, the US dollars will sink, and America will fall. China will soon use a gold-backed crypto-currency, the alarm in the White House go off like mad.

- China is playing this game as I understand it it is the largest holder of USD bonds in the world. Gold-backed cryptocurrency is a joke. But they could make the Renminbi convertible, it would be a strong currency, but the government in Beijing would lose control which is likely not acceptable.  Also, China is developing electronic money, not cryptocurrency, just e-Renminbi, this is a good model for others.

China’s achievement has been by hard work. Not by raiding other countries. 

- I would agree with you and admire post-Mao China a lot because of this.

I have deep sympathy for China for all the suffering, but now I feel happy for them. China is not rising, they are going back to where they belong. Good luck China.

- Yes China was a world leader several times in the past and it looks poised to become one again soon. Indeed good luck to China, it's going to need it. And the world needs a strong stable China integrated into the world economy.

27 January 2021

Recensione: Mekong Story. Lungo il cuore d'acqua del Sud-Est asiatico (2006) di Massimo Morello,

Sinossi

Giornalista e viaggiatore, Massimo Morello presenta questo diario di viaggio nel Sud-Est asiatico lungo il Mekong: dal delta, sul Mar della Cina, sin quasi alle sorgenti, in un monastero buddhista nell'altopiano himalayano della remota regione del Qinghai. 

L'autore narra un percorso sul fiume e dintorni attraverso Vietnam, Cambogia, Thailandia, Birmania, Los, Cina e Tibet, tra foreste, montagne, paludi e valli incantate, piste polverose, sentieri di fango e superstrade, villaggi e metropoli, hotel di superlusso e locande malfamate. Un viaggio che l'autore ha compiuto da solo, in battello, bus, auto, a piedi, in un susseguirsi di avventure e disavventure che gli hanno permesso di osservare più da vicino quella che viene definita la nuova Asia.

Recensione

Un viaggio di sei mesi lungo un fiume lunghissimo. Anzi un meta-viaggio, dato che il percorso Morello lo ha fatto a varie riprese. Osservatore informato, ci racconta le sue esperienze rendendole rilevanti ed interessanti perché ci aiutano a capire i paesi che visita. Un libro di viaggio ma anche di storia e di politica, di costume e di gastronomia. Un ottimo compagno per chi vuol viaggiare in quelle terre, o lungo quel fiume.

Leggi qui altre mie recensioni di libri sull'Indocina.

19 January 2021

Recensione libro: Italiani a Shanghai (2010) by Achille Rastelli, *****

Sinossi

Alla fine del XIX secolo il grande impero cinese era oggetto di un vero e proprio assalto coloniale da parte di Francia, Gran Bretagna, Germania e Giappone. Anche l'Italia decise di partecipare alla corsa per accaparrarsi zone d'influenza in quel lontano mondo, cercando di ottenere concessioni e trattati commerciali a lei favorevoli. 

 Adempimento che i marinai pagarono a duro prezzo, perché furono poi abbandonati dal sistema politico e militare italiano, in totale disfacimento. Un libro che cerca di tracciare la storia dell'evanescente penetrazione italiana in Cina, ma anche una narrazione mossa dal desiderio di restituire la dignità a centinaia di ragazzi italiani che furono lasciati soli, in balia di una storia più grande di loro.


Recensione

Come sempre, Rastelli è meticoloso nella sua ricerca e spesso avvincente nella sua narrazione. Racconta della marina militare italiana in estremo oriente, dalle prime avventure, poco dopo l'unità d'Italia, alla tragedia della seconda guerra mondiale.

Leggiamo dei primi timidi contatti diplomatici e militari in Cina e Giappone - una volta le due ambasciate erano unificate, con sede a Tokyo! Poi delle presuntuose aggressioni degli italiani, assieme a molti paesi occidentali, Russia e Giappone, contro la Cina in disfacimento del tardo impero Qing. Ma erano tempi diversi, l'aggressione imperialista era in auge.

Infine passiamo gli anni della guerra con i nostri marinai, lontani dalla patria e, con l’8 settembre, lasciati alla loro sorte dal nuovo governo di Roma e spesso dai loro stessi ufficiali.

Una storia triste, sarebbe bello se Rastelli ci raccontasse il seguito, più incoraggiante, con le missioni amichevoli delle navi italiane in oriente presso gli stessi porti cinesi e giapponesi. E magari dell'intervento delle nostre navi per salvare i "boat people" scappati dal Vietnam dopo la riunificazione violenta del paese.


28 December 2020

Recensione libro: Caduti dal Muro (2009) di Paolo Ciampi e Tito Barbini, *****

Sinossi 

C'era una volta il Muro e sembrava dovesse esarci per sempre. Poi però il Muro si sbriciolò e con esso crollò un impero che da Berlino arrivava al Pacifico. Di colpo tramontò il "sole dell'avvenire", sparirono mappe geografiche, bandiere, nomenclature. Ma cosa ne è stato di quei paesi? Per capirlo serve un viaggio lento, zaino in spalla e treno attraverso due continenti, dall'Europa orientale alla Russia, dalla Cina al Vietnam, dalla Cambogia ai Tibet. Un viaggio e un dialogo tra due scrittori divisi dall'anagrafe e dalle parabole della politica ma uniti dalla leggerezza e dalla fame di nuovi orizzonti. 


Recensione 

Riflessioni di viaggio (di Tito) e di storia (di entrambi) nelle terre che erano governate da regimi comunisti fino alla fine degli anni 80 del XX secolo. Il viaggio di Tito è occasione di ricordare un mondo che non esiste più, un mondo nel quale gli autori avevano creduto, assieme a milioni di idealisti in occidente che non avevano visto quello che veramente succedeva al di là del muro. Si impara molto leggendo questo libro, soprattutto chi non è stato in quei luoghi, in quei tempi. Prosa fluida, in certi punti del libro sembra di essere con loro, sia nel luoghi, sia nei tempi storici richiamati alla memoria. Unica piccola pecca: se abbondano le critiche a quei comunisti che hanno perso (URSS, Europa orientale) manca una critica dei crimini commessi da quei comunisti che hanno "vinto"specialmente in Vietnam. Per esempio durante la guerra contro l'invasore americano. Se i crimini americani sono giustamente evidenziati, non altrettanto lo sono quelli commessi dai nord vietnamiti e Viet Cong.

02 May 2020

Book review: Cixi (2013) by Jung Chang, ***

Synopsys

In this groundbreaking biography, Jung Chang vividly describes how Empress Dowager Cixi - the most important woman in Chinese history - brought a medieval empire into the modern age. Under her, the ancient country attained virtually all the attributes of a modern state and it was she who abolished gruesome punishments like 'death by a thousand cuts' and put an end to foot-binding. Jung Chang comprehensively overturns the conventional view of Cixi as a diehard conservative and cruel despot and also takes the reader into the depths of her splendid Summer Palace and the harem of Beijing's Forbidden City, where she lived surrounded by eunuchs - with one of whom she fell in love, with tragic consequences.

Packed with drama, fast-paced and gripping, it is both a panoramic depiction of the birth of modern China and an intimate portrait of a woman: as the concubine to a monarch, as the absolute ruler of a third of the world's population, and as a unique stateswoman. (inside flap of the book)



Review

Lots of information here, as usual for Chang. She digs deeper than anyone in Chinese sources and is very meticulous in her writing. One learns not only about Cixi but also about much of the troubled history that surrounded her long reign. Often the reader is led by the hand through the lives of the many characters depicted, and one has the impression of living in the Forbidden City or the Summer Palace. A real light on the life of late imperial China.

The major problem of the book is that the author is in love with her protagonist. This produces a hagiography rather than a biography. Cixi is praised for much, too much, and hardly ever criticized. When she is criticized, then immediately follows an excuse for her mistakes (of which there were many) or her shortsightedness.



Cixi did a lot of good, but also a lot of evil, and only the former is described in this book. Perhaps this is because Chang seems to be in love with female figures of Chinese history. Her Wild Swans remains my favorite and I am looking forward to reading her new book on the Soong sisters, hoping that it will be more impartial than this one.

Have a look at my list of books on China reviewed in this blog.


31 December 2019

Film review: The Farewell (2019) by Lulu Wang, *****


Synopsis

In this funny, uplifting tale based on an actual lie, Chinese-born, U.S.-raised Billi (Awkwafina) reluctantly returns to Changchun to find that, although the whole family knows their beloved matriarch, Nai-Nai, has been given mere weeks to live, everyone has decided not to tell Nai Nai herself.

To assure her happiness, they gather under the joyful guise of an expedited wedding, uniting family members scattered among new homes abroad. As Billi navigates a minefield of family expectations and proprieties, she finds there’s a lot to celebrate: a chance to rediscover the country she left as a child, her grandmother’s wondrous spirit, and the ties that keep on binding even when so much goes unspoken. 

With The Farewell, writer/director Lulu Wang has created a heartfelt celebration of both the way we perform family and the way we live it, masterfully interweaving a gently humorous depiction of the good lie in action with a richly moving story of how the family can unite and strengthen us, often in spite of ourselves.

Review

A deep insight into traditional Chinese values and emotions. Definitely uplifting especially considering that it is liberally based on a true story. When do you tell the truth to someone who is about to die? In China, as in Italy, often the answer is never. In the US it is right away. One can argue for and against each way of doing it.


12 November 2019

Magnolia, a Chinese Poem


作者:睦石 (Author: Mu Shi)
朝代:明朝 (Dynasty: Ming Dynasty)

玉兰原文:Original Magnolia

霓裳片片晚妆新,束素亭亭玉殿春。
已向丹霞生浅晕,故将清露作芳尘。

Pinyin:
ní shang piàn piàn wǎn zhuāng xīn ,shù sù tíng tíng yù diàn chūn 。
yǐ xiàng dān xiá shēng qiǎn yūn ,gù jiāng qīng lù zuò fāng chén 。


一片片花瓣犹如飘拂轻柔的舞衣,
颜色像新装扮的晚宴妆容,
细细的枝桠像女子纤细的腰肢。
花瓣的颜色由浅至深,
已近凋落,
落花上沾染了清晨的露水。


Magnolia

Your petals pretty and light
Like the evening makeup fresh and bright

Your twigs and branches slim and slender
Like girls waists graceful and tender

Your pink petals of various shades
falling and drifting at its own pace

Hugged and kissed by morning dew
Like Spring embracing you

Poetic translation by Lifang Yan

11 November 2019

Chenzhou west railway station

Want to talk about water?
Time to catch a train back to Hong Kong and return to Europe. The station at Chenzou is impressive as ever.

Or maybe it is normal for a city of 4 million to have a modern railway station with fast trains and proper facilities.

Like wifi. There is free wifi everywhere in the station, though it is not super fast and at times a bit erratic.

Several shops sell food, drinks, small stuff.

Everything is payable electronically with Wechat or Alipay. I am, again, one of the few, maybe the only, customer using cash. Oh wait, this really old man is another one I feel less lonely! Not that I did not try.

Vacuum packed duck meat
But I have not been able to use WeChat pay as I do not have a Chinese credit card. The app allowed me to register a European Mastercard, but when I try to use it to pay it tells me I have no funds. When I try to add funds, for example, my wife tried to send me money from her Wechat, I get a message I am not allowed to receive funds either. So I am stuck, though I can still use the app to communicate with my friends!

As for paying, I am resigned to always be the only one using cash in the supermarket, in the farmer's market, restaurant, everywhere really, though my Mao portraits banknotes have never been rejected. At the station's toilet dispenser I was saved as I had paper tissues in my handbag!

Something which is advertised here though you can not just buy it on the spot and take it away is a Japanese style WC, with all the bell and whistles they come with. All kinds of buttons, to wash, dry and even a "lady function" as the ad says (in English), who knows perhaps it is a front-toward-the-back water jet? Arab toilets have it the other way, back-to-front, to wash the rear of either gender. This is new to me. I am convinced that the first person to import bidets to China will get rich quickly. This high-tech gadget is manufactured in Italy by a company called Faenza.

Strangely empty station in Chenzhou
The fast trains come and go every 6-10 minutes. They are marked white on a large electronic board when they are still far away, then become green when it is time to board, usually 10 minutes or so before they arrive at the platform. This way only passengers for the next departing train can be on the platform at any given time. The train numbers become red when boarding is closed! It's my turn soon, got to gather my stuff and get ready to sprint!

Siedo accanto a due signore che parlano cantonese, non capisco una parola ma riconosco l'accento, che subito tirano fuori pezzi di frutta esotica che non riconosco e uova sode.

Buona parte dei passeggeri mangia roba che si è portata da casa. Mi ricorda i treni che prendevo da bambino in Italia, dove le mamme avevano sempre panini pronti, di solito con prosciutto o salame, prima di tutto per i bambini e per se stesse pure

Filiamo via sui lucidi binari lisci come velluto e arriviamo puntualissimi dopo due ore e mezzo a 300 kmh. Controllo passaporti (ancora necessario per accedere al territorio di Hong Kong dalla Cina) e dogana e poi attraverso ancora una volta la larga striscia gialla che indica il "confine" tra quella che convenzionalmente tutti chiamano "mainland" e la "regione autonoma speciale" che è Hong Kong.

Arrivo a Hong Kong in una splendida giornata di sole, e dopo aver fatto chek-in alla Finnair a Kowloon (a Hong Kong si fa check-in in città e si mollano i bagagli prima di andare in aeroporto) mi accingo a fare un giro per la città quando noto televisori della MTR la metropolitana) che avvisano di disturbi al servizio dovuti a dimostrazioni degli attivisti pro-democrazia.

Rapido controllo sul mio telefono (finalmente posso accedere a tutti i siti e il wifi gratuito dell'aeroporto è velocissimo) e apprendo che ci sono sommosse significative un po’ dappertutto, con anche un ferito grave colpito dalla polizia. È la terza volta che si spara da giugno. Decido che forse il giro in città lo farò un'altra volta.



09 November 2019

Gita intorno a Guiyang

Gran bella giornata di sole oggi. Decidiamo di portare Cindy a fare una passeggiata in campagna intorno a Guiyang.

Prendiamo un Didi (la compagnia concorrente di Uber, di cui ora Uber è uno dei principali azionisti dopo aver venduto loro le operazioni in Cina) e andiamo in un parco ad una quindicina di chilometri. Siccome siamo  in periferia l'autista chiede 5 rmb extra rispetto al tassametro, perché probabilmente dovrà tornare indietro vuoto. Non so se è consentito dalle regole, ma non vogliamo perdere tempo e la cifra  non è eccessiva, quindi accettiamo.

Prima cosa che ci si presenta in quello che doveva essere un parco fiorito? Una porcilaia in disuso! Però, interessante. Si avvicina un signore vuole che vuole farsi una foto con me, sono chiaramente lo spettacolo del giorno oggi!



Bel giro, Cindy è felice, scorrazza in lungo e in largo, non ne poteva più di stare nell'appartamento di Guiyang tutto il tempo con questo sole!

Dopo un po’ abbiamo fame e ci avviamo verso una costruzione con su scritto "Ristorante". Solo che non c'è nessuno, né personale né avventori. Stagione finita. Dopo qualche minuto esce una simpatica ragazza che dice di non poterci cucinare nulla ma se vogliamo cogliere dei mandarini nel loro campo siamo benvenuti.

Cosa che facciamo con grande divertimento, i mandarini sono buonissimi, ne buttiamo giù un bel po' durante la raccolta (con il permesso, anzi l'incoraggiamento dei padroni di casa!). Alla fine ne compriamo 3 chili. Anzi 6 jin come si dice qui, un jn è circa mezzo chilo. Dunque il prezzo è sempre proposto in jin: 4 rmb al jin.

(Tradizionalmente un jin era uguale a 604.79 grammi, non so perché, ed era diviso in 16 liang. Poi c'erano anche altri jin di vario peso a secondo del materiale che si voleva pesare! Oggi però la Cina ha adottato il sistema metrico e un jin vale 500 grammi, meno male che ci semplifica la vita!)

Continuiamo la scampagnata in un campo di fiori. In stagione si paga il biglietto per entrare, ma adesso siamo alla fine e si entra gratis. Fortunatamente ci sono ancora un sacco di fiori per il nostro godimento e le nostre fotografie!


In un laghetto adiacente una contadina o raccoglie molluschi dal fango, sono delle conchigliette a spirale tipo lumachine, di color grigio molto scuro, e sono ottime!



Infine prima di tornare a casa passiamo per una foresta di acacie, un'attrazione turistica della zona. Arrivano gruppi per vedere le foglie che diventano rosse ma in realtà sono ancora verdi, o quasi, sui rami. Lifang mi riferisce di signore dal Guandong che parlano cantonese che sono un pochino deluse. Non so perché, è una bella foresta di acacie, se vai a visitare una foresta di acacie che ti aspetti se non molti alberi di acacia? Qui ce ne sono a migliaia.

Cindy corre irrefrenabile in tutte le direzioni, vuole che la prenda e la faccia roteare in aria senza fine.

Facciamo fatica a trovare un Didi per tornare a casa, siamo abbastanza fuori. Ci preoccupiamo un po' perché comincia a far buio e anche un po' freschetto, non tanto per noi ma la bambina non è abituata ad avventure!

Poi troviamo un parcheggio e  vediamo un'auto con una coppia che sta per partire, ci avviciniamo e chiediamo un passaggio che gentilmente ci concedono. Due giovani simpatici, non parlano inglese ma ci scambiamo un po’ di convenevoli tramite Lifang. Avevamo chiesto di portarci ai margini della città per continuare a piedi, anche perché loro vanno da un'altra parte, ma gentilmente ci portano fino a casa.

Cena al nostro preferito ristorantino di quartiere, il "claypot rice" che serve solo riso cucinato in cocci su fornelli alimentati a mattoncini cilindrici di carbone sulla strada. Semplice e genuino, vera cucina locale.


08 November 2019

Vecchio denaro in contanti e nonnine al Parco della Cultura

Al supermercato da solo, per fare la mia solita spesuccia personale di insalata che fa un po’ sorridere i miei suoceri: mi dicono che loro questa roba cruda la danno da mangiare ai maiali, non capiscono come faccia un essere umano a preferirla al cibo cotto. 

Ma dopo tanto mangiare cinese (che pur continuo ad amare moltissimo) per settimane e settimane, un'insalata verde a pranzo, cruda, croccante, possibilmente fresca di frigorifero (altra cosa che ho rinunciato a spiegare), con olio di oliva crudo, e pomodorini pure crudi, sale e pepe... ci vuole.

Oggi vedo una cosa che non c'era prima, o almeno non l'avevo notata: un bancone con un mucchio di mucchio di anatre affumicate, intere. Faccio in tempo a fare una foto poi si avvicina un'inserviente che mi dice non essere consentito fotografare le anatre. Tutto il resto della roba in vendita al supermercato sì, animali vivi compresi, ma anatre affumicate no. Inutile cercare di  capire il perché.

Compro la mia lattuga e pomodorini pachino (tipo) per la mia quasi quotidiana insalata ormai vado in automatico come un locale solo che sono sempre l'unico a pagare in contanti e non con il telefono come fanno tutti, ma dico tutti gli altri clienti. Mi sono anche iscritto a WeChat, la piattaforma di chat su telefono cellulare che consente anche di pagare, una specie di WhatsApp e GooglePay tutto in uno. Ho anche registrato la mia carta di credito acconsentendo all'uso dei miei dati personali secondo le leggi in vigore nella Repubblica Popolare Cinese (speriamo bene) ma non mi autorizza a pagare, è richiesta una carta di credito emessa da banca cinese.

Dovrò continuare a pagare con i soldi.

Pomeriggio a passeggiare per il Parco della Cultura. C'è poca gente, un lieve venticello autunnale mi accompagna mentre seguo il lungolago fino ad una pagoda dove mi siedo a leggere il mio kindle.

Qualche ragazzino si avvicina a osservarmi in dettaglio, ancora dopo tre anni che vengo a Guiyang, con vari mesi di permanenza accumulata, non ho visto uno straniero in giro, salvo un paio di amici italiani che ci sono venuti a trovare lo scorso febbraio.

Molte nonne con nipotini li sorvegliano attentamente. Anche alcune madri, poche per la verità, la maggior parte sono al lavoro. mentre le nonne però sono attente ai ragazzini, le madri (giovani e tecnologizzate) hanno gli occhi fissi sui telefonini, messaggiando amici o guardando video.

06 November 2019

Centro d'incontro per anziani

Oggi seguo mia suocera al suo incontro giornaliero con presso un circolo pubblico dove si organizzano attività collettive, soprattutto per anziani. Sono un paio di grandi locali a margine viale Ouyanghai, al piano terra.

All'ingresso ci sono macchinette per massaggio automatico ai piedi e al collo, sembra molto piacevole!



Ci soprattutto signore, direi tutte o quasi oltre i 60 anni, forse un paio di gentlemen nella sala che è strapiena e contiene un centinaio di persone.

Mentre tutti prendono posto, due schermi proiettano immagini di Mao Zedong su sottofondo musica esaltante, tra una marcia e un inno alla vittoria direi, ma non esageratamente marziale.


I partecipanti si accomodano su sedie di plastica a forma di uovo schiacciato in testa, sono bianche e viola di con riscaldamento aromatizzato incorporato. Molto piacevole data la temperatura sul freschetto, arriva l'inverno ed il clima continentale del Hunan non perdona!

Mi siedo ma mano mano che la sala si riempie mi rendo conto che ho preso la sedia di un arzillo vecchietto. Mi alzo subito per cedergli il suo legittimo posto e andare in fondo alla sala, oppure stare in piedi, ma il direttore ed il vecchietto mi fanno cenno di restare dove sono, si trova lui un altro posto, Molto gentili!

All'1.30 in punto comincia il programma di attività, proprio mentre il giovane direttore mi porta un bicchiere di plastica pieno d'acqua bollente che faccio fatica a tenerlo in mano tanto scotta! L'acqua in Cina è di solito servita calda, a meno di non chiederla specificatamente fredda.

Cantano battono le mani a ritmo con vari video di scene di danza e qualche paesaggio bucolico. Per qualche secondo appare un grande ritratto di Xi Jinping ma non mi pare ci sia un tema politico. All'immagine del leader segue quella di un pollo infilzato con siringhe e circondato da immagini di prodotti chimici. Mi spiegherà poi mia suocera che il tema di oggi era il mangiare in modo salutare, una bio-pubblicità insomma.

Una presentatrice con microfono dirige tutti, cantano, battono le mani a ritmo della musica e fanno una leggera ginnastica con le braccia. Mi pare un'ottima iniziativa per tenere questi anziani attivi fisicamente e socialmente.

Dopo un po' mi bolle il deretano, il caldo emesso dalla mia sedia ha raggiunto livelli oltre il comfort iniziale. La sala tutta è sui 28-30 gradi e infatti hanno acceso sei ventilatori che sono appesi al soffitto.

Alla fine mi si avvicina il direttore del centro e mi chiede a gesti se possiamo farci una fotografia insieme. Sono onorato e acconsento senz'altro, accomodandomi davanti al grande cartellone all'ingresso con posa un po’ pavoneggiante.

04 November 2019

Ci qo kou, "città vecchia" di Chongqing

Piccola zona di Chongqing, preservata più o meno come era prima della modernizzazione della Cina, una specie di museo a cielo aperto.

Non c'è moltissimo, se non un piacevole passeggio con tanti turisti cinesi e un sacco di leccornie da mangiare, cucinate e servite in banconi e ristorantini lungo la strada.

Quasi tutti i cuochi dimostrano dal vivo come si preparano le specialità che hanno da offrire.

Mi piacciono molto i torroni con arachidi e tè verde.

Si vendono anche strani (per me!) impasti piccanti che servono per condire la cucina del Sichuan, nota per essere tra le più piccanti di tutta la Cina.



Tè di tutti i colori letteralmente!

Spezie in polvere macinate al momento da graziose ragazze.



Qualche negozio vende peperoncino, che qui si consuma in quantità industriali, e lo preparano davanti a tutti in enormi wok in cui lo girano usando delle vanghe da giardino al posto dei mestoli!



Mi incuriosisce una piccola libreria di fumetti dell'epoca maoista, molti sono di storie della guerra contro i giapponesi, ne compro qualcuno.

Nel negozio anche molte illustrazioni di Mao, manifesti, riviste un po' dovunque, compro un manifesto con Mao e il Dalai Lama, quando si parlavano, in effetti sono immagini di quando erano molto giovani, ne è passato di tempo...

Moltissima gente in giro anche se oggi è giorno lavorativo, non posso pensare ad un fine settimana.

C'è anche un tempio buddhista, si salgono un bel po’ di scale per arrivarci, ma non c'è quasi nessuno. Molte sale di preghiera, c'è sempre un monaco o monaca in attesa di offerte o comunque a far da guardia alle sale del tempio.

Stranamente ci sono cartelli di divieto di fotografare un po' ovunque. Facciamo qualche piccolo voto e lasciamo delle offerte.

In cima alla collinetta del tempio c'è una sala da tè con un bel terrazzo, ci sediamo a idratarci con un tè verde e uno rosso, fermentato?, noccioline e semi di girasole. Difficili da mangiare, bisogna sbucciarli con i denti e far cadere il seme in bocca per poi buttar via la buccia. Lifang ha cercato di insegnarmi tante volte ma non ci riesco, quindi me li mangio interi, con tutta la buccia, non è male soprattutto quando è speziata.

Ci sono molte zanzare e la barista ci porta uno zampirone, che ci permette di restare un po’ a goderci il tè e il panorama senza essere massacrati dagli insetti.

01 November 2019

Apple maps of the world

This is an Apple map of the world I saw on my Macbook while in China. Interesting that there are no names of countries, except for China. For all other countries, you can only see the names of the capital cities. In the South China Sea, the Nine-Dash Line is clearly visible.



And this is the Apple map of the world I could see on my same Macbook while in Europe. You can read the names of all countries and territories as well as their capital cities.




31 October 2019

Condominio a Chongqing

Oggi passa da casa la nostra donna delle pulizie, una ragazza semplice e gentile. Non è proprio una specialista, anzi abbastanza approssimativa nelle pulizie, specialmente bagno e cucina, ma per un mese va bene così. Mentre lavora non si fa scrupolo di scatarrare e sputazzare. Io sto lavorando nel salotto, la sento ma non la vedo, immagino sputi nel cesso o almeno nel lavandino, chissà. Occhio non vede...

Esco a fare una passeggiata, il quartiere non è il massimo del fascino ma mi piace immergermi nella megalopoli cinese come un locale e non come un turista.

Al piano terra c'è una guardia per la sicurezza del condominio, cosa abbastanza comune qui, ma non fa nulla. Non chiede documenti a chi entra e chi esce, non chiede neanche dove vanno. Però ha una bella uniforme blu compreso cappello con visiera. È molto preso nel suo ruolo.

Nell'ascensore c'è una TV ma trasmette solo pubblicità. Le pareti sono tappezzate di manifestini pubblicitari dei ristoranti del vicinato. Mai perdere un'opportunità per fare soldi!

Cerco sempre un contatto visivo con chi capita in ascensore, così per scambiarsi un sorriso, oppure per provare qualche parola del mio cinese, ma guardano sempre fissi il telefonino o per terra, chiaramente evitano la comunicazione. Un po’ come capitava in Italia nel palazzo dove abitavo con i miei a Roma, quando il lentissimo ascensore ci metteva 40 secondi (senza soste) a fare i sette piani. Se capitava qualcuno non si parlava mai, si schiacciavano i bottoni dei rispettivi piani e poi guardavano tutto il soffitto. Io guardavo loro, specialmente da bambino.

Nei corridoi ai piani le luci sono normalmente spente, si accendono con il rumore, per cui si sentono tutto il giorno le persone che arrivano o escono di casa che urlano o sbattono i piedi per terra per accendere! Lo faccio anche io, funziona! E si risparmia corrente.

Le porte degli appartamenti non hanno chiave ma solo lucchetti elettronici a combinazione. Così il proprietario la può cambiare ogni volta anche a distanza con una app sul telefonino. utilissimo per dare codice temporaneo ad amici, donna pulizie, inquilini, che poi viene disattivato e cambiato quando vanno via.

Subito fuori dal palazzo c'è il giardinetto di una scuola con bambini che giocano, la mattina scandiscono un uno-due-tre senza pausa per varie ore, un po’ monotono, non so cosa contino, forse è una specie di marcia anche se sono fermi in fila al loro posto.

Accanto all'entrata ci sono grandi cassette di sicurezza, anch'esse con lucchetto a combinazione, che servono per le consegne degli acquisti online. Il postino inserisce i pacchi e chiude. Poi la sera quando il compratore torna a casa scansiona il codice a barre della cassetta che gli è stata comunicata via una speciale app e lo sportello si apre. Il compratore ritira il pacco e richiude, e la cassetta è pronta a ricevere il prossimo pacco. Ingegnoso.

Poi però, forse non bastano i loculi, c'è anche negozietto buio e un po’ sudicio con consegna dei pacchi a mano. Anche qui si arriva con un codice a barre e l'impiegata trova il pacco tra i mille accatastati solo apparentemente alla rinfusa e lo consegna. C'è sempre anche un cane che scodinzola qui e lì, credo sia dell'impiegata. C'è sempre anche un bambino che gioca con il cane, forse il figlio. Pare che gli asili siano costosi a Chongqing, e non sempre è facile trovare posto.


27 October 2019

Cucinare a Chongqing

Appartamento con una camera da letto e salotto in un palazzo curvilineo che fa piacere guardare in mezzo a tanti casermoni grigi tutti uguali e squadrati. C'è anche un balcone con un tavolino e due sedie, dove mi sono goduto qualche bel sigaro durante tiepidi pomeriggi di settembre, quando Lifang era al lavoro. Si vedono tutto intorno 4 edifici simili al nostro (noi siamo il numero 3) identici.

Tutti usano i balconi per asciugare i panni (abbiamo cominciato anche noi) e per deposito di roba ingombrante, tipo valigie. C'è anche un lavandino per fare il bucato a mano, attività alla quale mi sono dedicato questo mese per la prima volta nella mia vita per i capi delicati di mia moglie!

Cucinino con attrezzatura tipica cinese: rice-maker, che non può mai mancare. Un wok, di ferro, solido e pesante, che è l'unica pentola in uso nelle cucine cinesi. Un coltello, più simile ad una mannaia, ma molto affilata, anche qui spesso unica lama per i cuochi cinesi. Qualche ciotola e due cucchiai da zuppa in ceramica. Ovviamente tanti bastoncini per mangiare.

Poi ci sono anche, forse per far piacere a qualche inquilino occidentale che potrebbe capitare di tanto in tanto, una-forchetta-una, un-cucchiaio-uno ed un-coltellino-uno da tavola" con manico di plastica.

Ho imparato a cucinare un po’ di tutto nel wok, per esempio a fare frittate, che vengono fuori un po' bombate ma buone. Mangiare le frittate con i bastoncini ha richiesto un po' di allenamento ma niente problema.

Tra le dotazioni della cucina una serie di salse di soia, ottime, e anche aceti che non mi hanno stuzzicato particolarmente. Invece mi ha entusiasmato un olio al pepe del Sichuan. Il Sichuan, di cui Chongqing fa parte culturalmente anche se ne è stata distaccata amministrativamente, è famoso per il pepe. Questo olio aggiunge un sapore pungente, titillante per le papille. La prima volta ne ho messo un po’ troppo in una frittata e il risultato è stato un po’ troppo aggressivo. Ma usato con parsimonia serve perfettamente a dar vitalità a piatti di ogni tipo.

Per colazione sempre fagioli di varie dimensioni, colori e consistenza. Preparati nel rice-maker, facile e durano anche vari giorni.

25 October 2019

Caffè a Chongqing

Proprio sotto casa c'è un bar, si chiama Lukin Coffee, dove servono cappuccini, moka e latte macchiato. Detta così sembra una banalità, e se fossimo in Italia lo sarebbe, ma a Chongqing è una sorpresa.

Si sa che i cinesi sono bevitori di tè, nonché di infusioni diversissime, di fiori, frutta ecc., ma generalmente non amano il caffè. Tutte le volte che provo ad offrirne ai miei parenti mi dicono che puzza di bruciato.

Dunque mi fa piacere trovare Lukin Coffee e oggi ho deciso di provarlo. Del resto non sono da solo Lukin ha aperto oltre 4000 negozi in Cina dal 2017 quando ha inaugurato il primo, a Pechino. Oggi ne ha più di Starbucks.

Ordino un Mocha, qui interpretato così: caffè, latte caldo e sciroppo di cioccolato, con polvere di cacao in cima e un po’ di panna. L'indaffaratissima barista mi dice, in inglese, di aspettare un momento perché ha molto da fare. Vedo infatti che le sono arrivati molti ordini via internet, e dopo qualche minuto cominciano a manifestarsi i fattorini che ritirano gli ordini.

In un quarto d'ora circa che sono stato nel locale nessun altro ha consumato sul posto. Un paio di persone hanno ritirato il caffè ordinato in precedenza (e che li aspettava da chissà quanto tempo, bisognerà che capiscano che il cappuccino va bevuto caldo) e vanno via. Tutti gli altri sono ordini da consegnare nelle case del circondario.

Lei ha preparato ogni ordine etichettando i bicchieri e mettendoli, ben chiusi, in buste di carta con attaccato lo scontrino. Quando arrivano a ritirare, pagano (ovviamente con il telefono e codice a barre, io sono l'unico obsoleto occidentale ad usare banconote) acchiappano la busta e filano via.

La ragazza lavora velocissima, sa usare la macchina con disinvoltura, qualche volta sembra incepparsi ma qualche schiaffetto e riparte. Dopo qualche minuto ricarica il serbatoio scaricandogli dentro un bustone di caffè in grani. Poi arriva un altro barista maschietto a darle una mano, anche se lui è decisamente più lento.

Dopo una decina di minuti mi prepara il mio (ottimo!) mocha, pago e vado via dopo aver scambiato qualche saluto in cinese, così tanto per far pratica. Costo dello scherzetto: 27 Rmb, 3 euro e mezzo! Caro il mio mocha, forse più che a Piazza di Spagna a Roma. Domani torno per un cappuccino, mi manca troppo, pagherò!

19 October 2019

Arte ed ostriche a Chongqing

Visita al monumento della liberazione, una grande stele che commemora le vittime della guerra contro il Giappone. Chongqing era la capitale cinese provvisoria durante la guerra.

SI trova a Times Square, con un grattacielo copia molto approssimativa del Chrysler Building di New York! Ovunque Cartelloni elettronici di pubblicità come nella Time Square originale.

Marche superbrands, Giorgio Armani, Longines, Rolex di fronte al negozio un tipo si avvicina e mi chiede con grande naturalezza se sono interessato a comprare dei Rolex finti a prezzi molto convenienti.

Pranzo in un food court non so come tradurre, ma è una zona che assomiglia ad un mercato coperto con molti ristoranti che servono pietanze cotte al momento da piccole cucine. Per mangiare ci si sistema su tavolate comuni a tutti i ristoranti, spesso condividendo tavola e sedie con perfetti sconosciuti.

Anche un negozio di Apple computers è praticamente una fotocopia di quello di New York, solo che qui sta accanto ad una grande fioriera che commemora i 70 anni della fondazione della Repubblica Popolare Cinese, con tanto di bandiera rossa e stellette, che a New York mancano!

Mangiamo ottimo pollo con ortaggi e riso. Poi Lifang trova una specialità: ostriche grigliate in salsetta piccante (dopo tutto siamo in Sichuan!) che dopo aver superato una prima ritrosia si sono rivelate squisite.

Museo delle Belle Arti, edificio rosso molto moderno, circondato da giardini on famiglie che giocano e un paio di signori di mezza età che corrono. Panchine di pietra, Lifang si fa una siesta mentre io guardo il mondo che mi passa davanti.

Nel museo, gratuito, due piani di quadri di autori di Chongqing e di Taiwan. Chissà perché questo gemellaggio, fra l'altro in un momento politicamente delicato per i rapporti "tra le due parti dello stretto" come si dice in termini diplomatici. Misto di quadri moderni, anche astratti, e soggetti più classici e politici, come soldati comunisti che liberano il paese.

Andiamo a piedi verso Hongyadong, non ci orientiamo e il mio navigatore Google Maps sul telefono non funziona perché Google è censurata in Cina. Il navigatore di Lifang non ci indica la strada giusta ma ogni volta che chiediamo indicazioni cercano di venderti qualcosa, un tour organizzato, un pranzo, persino un guardia della sicurezza stradale!

Ci arriviamo dopo un po’ di tentativi, troppa gente, troppo commerciale, ha perso il fascino che aveva una volta. Comunque restano alcuni scorci interessanti, soprattutto la sera quando si accendono le luci gialle sui tetti, che creano un'atmosfera antica.

Strapaghiamo un cocktail in un bar che però offre una vista strepitosa sullo Yangtse dalla terrazza di legno.



Il bar ha anche un utilissimo bagno, le due porte del quale (uomini e donne) sono indicate da un segnale speciale: una pipa per gli uomini e due orecchini per le donne. A ognuno il suo.

Ancora due passi dopo il bar. Lungo una scalinata che si arrampica su per il ripido pendio sulla riva destra del fiume vedo molti pezzi di carta attaccati al muro, con una descrizione e numero di telefono per contatto. Mi spiega Lifang che si tratta di annunci matrimoniali, attaccati dai genitori di celibi e nubili, che decantano le qualità della prole e specificano le caratteristiche ricercate per eventuali futuri coniugi.

Noto un curioso cartello lungo la stessa scalinata, vicino ad un idrante: "In caso di incendio non usare l'equipaggiamento anti-incendio". Mmmmhhh...

Torniamo a casa in metropolitana, pulita, veloce e con frequenti treni che portano in tutta la città. Accanto alla stazione di Shapingba vicino casa un Carrefour ed un supermercato cinese, si chiama Bravo, che mi ripropongo di andare a visitare.

15 October 2019

Rientro a Chongqing

Volo Cathay da Singapore, via Hong Kong, dove trovo un aeroporto molto tranquillo, anche troppo. Con le manifestazioni di protesta che continuano in città, anzi aumentano, moltissime le cancellazioni di voli per la "Città mondiale dell'Asia".

Durante il volo per Chongqing il capitano, un bianco anglofono, come tanti che comandano gli aerei della Cathay, annuncia che stiamo per atterrare a Ciongking, ma dico neanche impari il nome della città dove vai?

Curiosità al controllo passaporti: ci sono due file, una per cittadini cinesi ed una per "foreigners", stranieri. Entrambe con una discreta fila di persone che aspetta il proprio turno. Davanti a me un gruppo di turisti di Kong Kong va verso la fila per cittadini cinesi. È quello che la dirigenza di Pechino continua a ripetere: Hong Kong è Cina. L'ufficiale di turno però li manda alla fila per stranieri, dove sto io!

Immagino perché i cittadini di Hong Kong hanno un passaporto diverso dagli altri cinesi, un passaporto blu che gli permette di viaggiare per gran parte del mondo senza visti. Noto che quando arriva il loro turno parlano prima in cinese con l'addetto al controllo passaporti ma poi (forse perché non si capiscono tra mandarino e cantonese) passano all'inglese. In effetti c'è un motivo perché stanno nella mia stessa fila.

In realtà c'è una terza fila, con un cartello che dice che è riservata ai paesi del "Belt and Road Initiative", il progetto di mega infrastrutture che dovrebbe collegare la Cina all'Europa. Ma non ci va nessuno. Il poliziotto si annoia da solo. In effetti avrei dovuto provare ad andarci, l'Italia ha firmato un accordo recentemente per partecipare. Ma non mi viene in mente, e poi avrei probabilmente solo perso il mio posto in fila.