Showing posts with label archeo. Show all posts
Showing posts with label archeo. Show all posts

21 May 2018

Giant's Causeway at Cobh, Northern Ireland




Stop at the Giant's Causeway, Northern Ireland's only Unesco WHS. Rainy day but fun to see this unusual site and waves crashing on the shore!

23 December 2012

Mithraeum of Santa Prisca in Rome

Today I have visited a small secret of ancient Rome. I strongly recommend it to anyone interested in exploring off the beaten track ancient Rome.


Una descrizione in italiano e istruzioni per la visita sono presenti su questo sito. Consiglio anche un sito completo su Roma antica sotterranea.


Description

In 1934 the Augustinian Fathers accidentally discovered a Mithreum, a place of cult consecrated to the God Mithra, under the Church of Santa Prisca. The Mithreum was built using the walls of a house dating back to the first century A.D. and of a building of the second century with two naves on which the church was built later.

There is a niche in the rear wall bearing an inscription in the vault that proves the Mithreum was already in use in the year 202 A.D.. The statue of the cult representing Mithra killing a bull and a Saturn lying down built with fragments of amphorae covered with stucco are placed in the niche. The Mithreum was destroyed violently around 400 A.D., probably by the Christians before the Church of Santa Prisca was built. (From Romacapitale)

The Mithraeum later became a Christian church


My visit

Very appropriately I visited on 23rd December, which is when the Romans celebrated the cult of the sun god venerated in Mithraism. We were a small group of six and were led into the chamber by our tour guide and a custodian.

Statue of Coates symbolizing the dawn of the sun
It is possible to take photographs in the Mithaeum but without a flash.

29 July 2012

Film review: Egypt, Rediscovering a Lost World (2006), BBC, ****

Synopsis

Focusing on three of the most important discoveries from the world of the ancient Egyptians, this series journeys back in time to explore Howard Carter's discovery of the tomb of Tutankhamun, the Great Giovanni Belzoni's finds from the reign of Ramesses II and Jean-François Champollion's deciphering of the hieroglyphs. Join Carter, Belzoni and Champollion as they overcome immense obstacles to unlock the secrets of an as-yet undiscovered world and reveal their seminal finds. Then travel even further back, to the amazing period of Egyptian history unveiled by their astounding work.




Disc 1:
Episode 1 and 2 : Carter and Tutankhamon
Episode 3: Belzoni and Ramses, first part

Disc 2:
Episode 4: Belzoni and Ramses, second part
Episode 5 and 6: Champollion and the hieroglyphs

Disc 3:
The making of the pyramids
Extras: trailers, photo gallery, fact files, visual effects


Review

Tut Ankh Amun funeral mask, Cairo Museum
This is a fictional rendering of the life and work of the three most important discoverers of ancient Egypt. It is a comprehensive work, at least as much as can fit into three DVDs packed with action. The idea of a fictional narration instead of a pure documentary is a good one in this case, as it helps bring the characters to life. The three stories of research and discovery are interlaced with the personal lives of the three men, their strengths and weaknesses, and it all makes for an entertaining as well as instructive narration.

I am not sure why the authors chose this particular order of the episodes, in that Belzoni should come first, as his discoveries preceded the work of the two others. Carter's episodes should be the last: not only did he work a century after Belzoni and Champollion, but his subject, Tutankhamun, lived a thousand years after Ramses and the inventors of the hieroglyphs. The viewer might want to watch episodes 3 and 4 first, then 5 and 6, and finally 1 and 2.


Abu Simbel before restoration
Acting is not going to win any Oscars but that's not why one buys this set. The third "bonus" DVD on the pyramids is the worst of the three. The CGI are rather poor (more like 1990s than 2010) and the narrator's voice tries to be solemn but is just boring.

You can read my review of the book on Giovanni Belzoni by Marco Zatterin (in Italian) here on this blog.

Buy the European DVD set here:




In the US you can buy it here:

10 August 2011

Book Review: Maldives Mistery, by Thor Heyerdahl, ***

From the museum of Malè, 2009
Synopsis

When the Maldive Islanders converted to Islam in the 12th century, they discarded or destroyed all traces of earlier cultures, thus denying their past. Recent archeological discoveries prompted the government to invite Heyerdahl to examine the artifacts and attempt a reconstruction of pre-Islamic history.

Located in the Indian Ocean southwest of India and west of Sri Lanka, the Maldives encompass two broad, reefless sea passages ("One-and-Half" and Equatorial Channels) well-known to ancient mariners. Heyerdahl, an authority on primitive sea travel (Kon-Tiki, The Ra Expeditions, unravels a mystery that reaches into the vanished civilizations of Sumer and the Indus Valley. The Maldivan artifacts showed that temples were built around A.D. 550; that the original settlers had been sun-worshipers. (Reed Business, 1986).


30 August 2010

Book Review: Buddhist Monasteries of Himachal Pradesh, by O.C. Handa, *****

Review
This book is a priceless resource for anyone interested in a concise account of all Buddhist monasteries in the Indian state of Himachal. There are several introductory chapters on geography, the cultural background of the region, che concept of monasticism and the arrival of Buddhism in Himachal from Tibet.

The main body of the book is a catalog of all major and most minor monasteries and other votive structures. Further chapters deal with the architectural and artistic features of these buildings.

Finally, some photographs and drawings provide a pictorial complement to the text. A reference work not to be missed by anyone interested in the region.

28 February 2009

Recensione: Il Gigante del Nilo, di Marco Zatterin, ****

Sinossi
Era un omone di quasi due metri, e aveva un curriculum di studi non propriamente impeccabile: aveva fatto il barbiere, il fenomeno da baraccone e l'attore. Ma il padovano Giovanni Battista Belzoni (1778-1823) è diventato una figura leggendaria, l'avventuroso pioniere che all'inizio dell'Ottocento ha dato il primo grande impulso alla scoperta dell'antico Egitto e dei suoi monumenti. Il "Grande Belzoni" ha legato il suo nome al dissabbiamento del tempio di Abu Simbel, alla soluzione dell'enigma della piramide di Chefrem, in cui fu il primo ad entrare, e a una quantità di scoperte ed esplorazioni che lo rendono ai nostri occhi una specie di Indiana Jones dell'egittologia. Sulla base di ricerche approfondite e originali, anche su documenti sinora sconosciuti, Zatterin ha ricostruito con precisione e passione la vita e le avventure del Grande Belzoni in una biografia.

07 September 2008

Visita a Aidone e Morgantina, Sicilia

Giornata in visita ai siti archeologici della zona.

Arriviamo con la mia amica L. a Piazza Armerina per ammirare i famosi mosaici della villa romana. Qui sono testimone del fatto che i mosaici delle sale accessibili erano resi quasi invisibili dalla polvere: i colori vivissimi delle tessere erano tutti di un beige smunto ed uniforme. Le guide autorizzate, alla testa di plotoni di giapponesi e altri turisti stranieri, si adoperavano come potevano per far venire fuori questi colori, per esempio gettandovi dall'alto dei camminamenti acqua minerale dalle loro bottiglie. Cadendo l'acqua umidificava, a chiazze irregolari, le maioliche, evidenziandone per alcuni secondi i colori... Uno spettacolo patetico.

24 August 2007

20° g - 24 AGO: trasferimento a Tongatapu e visite archeo

In mattinata Jürgen ci porta in aeroporto e dopo un po’ di ritardo si parte. Non aveva chiamato l’aeroporto per assicurarsi che il volo fosse in orario come gli avevo chiesto (tanto, diceva, siete metà dei passeggeri e se fa ritardo il direttore della torre che è mio amico mi chiama perché sa che state qui) ma una volta arrivati lì ci dicono che l’aereo è rotto e fermo a Tongatapu. Non si sa quando potrà venire a prenderci. Ora rischiamo di perdere la giornata in aeroporto senza poter fare nulla. Stavolta la precisione tedesca fa cilecca...

21 August 2007

17° g - 21 AGO: kayak a Nukunamo, giro a cavallo

Mattinata in kayak, ce ne sono di singoli e di doppi, fino a Nukunamo, dove c’è un sito archeologico. Jürgen viene con noi, a 70 anni pagaia come un furetto, e ci spiega tutto. Visitiamo una piattaforma cerimoniale, una grande piramide mozzata di una cinquanina di metri di lato dove banchettavano i capi tribali per negoziare accordi tra le tribù delle varie isole. Il tutto è abbastanza trascurato, pieno di erbacce, non c’è nessuna manutenzione. Jürgen dice che sta cercando di convincere le autorità a fare un po’ di pulizia e valorizzare il sito, ma finora senza successo.

04 January 2006

8° g - 4 GEN: gita a Bosra, (280km 4 ore) museo di Damasco

Teatro romano a Bosra
Si parte alle 7.30 per Bosra, un’ora e mezza di ottima strada. Teatro fantastico, perfettamente preservato, ci passiamo molto tempo. Sicuramente la rovina romana meglio conservata che io abbia mai visto in vita mia. Anzi non si può neanche veramente considerarla una “rovina” tanto è in buono stato di conservazione. Anche la città antica vale una bella passeggiata.

Romani al museo di Damasco

Torniamo a Damasco nel PM, tutti liberi. Alcuni di noi vanno vado al Museo Nazionale, è veramente molto ricco e completa a dovere il viaggio. Fa sempre piacere trovare importanti reperti dei Romani e qui ce ne sono di eccezionali. Dopo Bosra, si può dire sia stata una giornata all'insegna dell'antica Roma.

Cena con Rick, mio collega canadese dei tempi della NATO, al ristorante Baituna, £500, ottimo, vale la spesa.

02 January 2006

6° g - 2 GEN: Ebla - Apamea - Sejilla - Hama, 190km, 5 ore

Partenza molto presto da Aleppo. L’albergatore fa storie sulla tariffa dell’albergo, vuole 16,5$ invece dei 14 pattuiti con l’agenzia. Dopo qualche discussione lascio perdere, il corrispondente non risponde neanche al telefono, è presto. È sconcertante come buona parte degli operatori del turismo che incontriamo siano così miopi da alienare la clientela, sapendo che altri verranno dopo di noi, per qualche spicciolo in più. Hashim è totalmente inutile anche in questa occasione.


Mosaici Maarat en Numan
Prima visita ad Ebla, di difficile interpretazione senza una buona spegazione, non molto spettacolare per i non addetti ai lavori. Poi interessante visita ai mosaici di Maarat-en-Numan.

Finita la visita ce ne andiamo in giro per le strade adiacenti, spiluccando spiedini, e terminando un pranzetto itinerante con dolci ottimi.

Le guide spesso vogliono portare i gruppi via da qui per infilarli nei ristoranti turistici più cari dove prendono la loro solita percentuale. Consiglio invece una bella pausa in questa piacevole strada antistante i mosaici. Cibi da strada e succhi di frutta freschi.

Infine Sejilla, città morta bizantina, bel tempo, passeggiata piacevolissima tra le case e le chiese abbandonate. Molte sono in discreto stato di conservazione.
Sejilla

La giornata molto intensa si conclude con un bel tramonto ad Apamea, il cui cardo romano di 1800 metri, in buona parte restaurato, per me è stato il punto culmine del viaggio.

Apamea


La notte stiamo all’Hotel Riad, sulla Kouatli. Abdullah, il gestore, è molto gentile. Consigliato. A cena al ristorante Al Atlal, £250 ottimo e porzioni abbondanti, 1 basta per due persone. Mi è stato consigliato dal gestore dell’albergo.

31 December 2005

4° g - 31 DIC: Palmyra - Sergiopolis - Aleppo, 420km, 7 ore

Partenza presto per Sergiopolis. Ci fermiamo lungo la strada in un anonimo villaggio a comprare un po’ di frutta, e veniamo coinvolti un po’ nella vita locale dalla gente molto accogliente. Visitiamo una macelleria, dove hanno appena finito la macellazione di un agnello, la cui carcassa se ne sta appesa ancora sgocciolante, sopra ad un catino pieno di sangue. Un ragazzo di una quindicina d’anni gioca innocentemente con un altro agnellino, chissà se fra poco toccherà anche a questa bestiola passare sotto i coltelli del macellaio halal?

Ci invitano anche in qualche casa a prendere il tè. Una giovane mamma ci mostra il suo figlioletto con orgoglio ed è fiera di farlo fotografare. Lui sembra un po’ sorpreso ma molto curioso. Purtroppo non abbiamo tempo per approfondire un po' queste fugaci conoscenze di percorso.

Continuando verso Sergiopolis ci fermiamo in uno dei vari mercati itineranti che incontriamo, bancarelle di vestiti, scarpe, incontri casuali ma cordiali. Ne vale la pena.
Sergiopolis

Anche qui H. non voleva farci scendere, diceva che era pericoloso, ma voleva solo tirar dritto, non aveva voglia. O forse non voleva avere a che fare con i nomadi. Boh! Atteggiamento viscido e stupido il suo.

Arriviamo la sera ad Aleppo, una passeggiata per il centro e poi alcuni vanno ad un cenone di capodanno al ristorante Sissi, elgiato sulle guide, con spettacolino, che però poi mi diranno si rivelerà una “sòla”.

Io e Celina ce ne andiamo più tranquillamente in una trattoriola locale, dove con £150 mangiamo ottimo pollo e melanzane in mezzo alla clientela locale, ambiente accogliente anche se un po’ fatiscente, quasi solo uomini in giro la sera. Poi a letto presto, niente festeggiamenti di capodanno.

30 December 2005

3° g - 30 DIC: Damasco – Palmyra, 240 km, 4 ore

Partenza per Palmyra alle 8. Sosta sulla strada che conduce in Irak ad un “Baghdad Cafe". Nel bel mezzo del deserto ua struttura molto conveniente per il viaggiatore assetato. Proseguiamo quindi per Palmyra, e visitiamo con calma il sito, che da solo vale il viaggio.

teatro romano a Palmira

Scopro qui come il natale sia diventato festa a Roma prima del cristianesimo: era la festa del Sol Invictus, il sole invitto degli abitanti di Homs (Emesa), che fornirono ai Romani un aiuto decisivo nella vittoria contro la regina Zenobia Palmyra.

Secondo alcune fonti l’imperatore Aureliano, in segno di riconoscimento, adottò la festività degli alleati per tutto l’impero, innestandola in qualche modo nel precedente culto romano del sole a cui Eliogabalo aveva già dedicato un tempio cinquanta anni prima. Una delle tante varianti per cui in tante civiltà del mondo si festeggia il sole che rinasce, invincibile, a fine dicembre, quando le giornate cominciano ad allungarsi!



Torniamo a Palmyra la sera tardi, al buio, lo consiglio fortemente, per vedere il colonnato illuminato, cambia completamente l’impressione che se ne ha rispetto al giorno. Aria fredda pungente, fortissima escursione termica rispetto alle ore diurne.

C’è qualche negozietto vicino all’alergo, compro saponette di Aleppo. Un rigattiere mi vende una baionetta turca, ricordo un po’ lugubre del lungo periodo di occupazione ottomana. Starà bene insieme allo schioppo ottomano che ho comprato in Yemen.

Discussione più lunga del necessario in serata con la guida che non vuole andare a Sergiopolis il giorno dopo, ma tirare dritto per Aleppo; chissà perché, forse per fregare sul carburante d’accordo con l’autista, o solo per pigrizia. Gli dico che è nel programma, ma è necessario chiamare il corrispondente per chiarire tutto. Irritante.

22 August 2004

27° g - 22 AGO: Hiva Oa, escursione in auto a Lipona

Affittiamo una 4x4 (13.000f + benzina) per la giornata e partiamo per Puamau, con l'obiettivo di visitare l'importante sito archeologico dei Tiki marchesani. La strada è per la prima metà buona, poi degenera gradualmente fino a divenire francamente pericolosa: completamente scassata, tornanti strettissimi a precipizio sul mare, nessuna protezione sul ciglio, frane e smottamenti, profondi canali lasciati dai veicoli e dal flusso dell’acqua piovana, vere e proprie voragini, ecc. ecc. La percorriamo quasi tutta in 1a e 2a marcia, ci mettiamo tre ore piene a fare 40km circa. Consiglio massima prudenza e magari prendere un autista in caso di brutto tempo, o lasciar perdere.

Il sito di Lipona però ripaga della fatica, impressionante, suggestivo, mistico direi. I tiki li ha descritti bene Ambrogio Borsani nel suo libro Addio Eden. Le isole Marchesi in un viaggio alla ricerca di Melville, Stevenson, Gauguin, London, Brel e altri:  «Le statue dell'isola di Pasqua sono impressionanti per la quantità, ma sono ripetitive. I tiki di Puamau  hanno l'impronta delle forme originali, quelle da cui deriva tutto. Hanno il fascino dell'archetipo.».

Anche la spiaggia di Puamau, con sabbia nera, è piacevole per un bagno ristoratore prima di intraprendere la via del ritorno, un po' meno paurosa dell'andata perché la parte più ripida stavolta è in salita.

Cena da Snack Kaupe (2000 f) in centro, discreto.


01 January 2004

9° g - 1 GEN: WADI MUSA – MAR MORTO – UM-AR-RASAS – AMMAN 300KM ORE 5

In mattinata partenza per Amman e sosta lungo il percorso per fare il bagno al Mar Morto, dove alcuni fanno il classico bagno nell’acqua salatissima, nella quale si galleggia molto di più che nell'acqua di mare.

Passiamo poi a Um Rasas, sito notevole ma di solito trascurato, siamo i soli visitatori. Magnifici mosaici. [Nel 2004, pochi mesi dopo la nostra visita, Um Rasas sarà designato patrimonio mondiale dell'umanità dell'UNESCO.] Consiglio senz’altro la sosta. In serata alcuni vanno a fare qualche acquisto per Amman, qualcuno torna ai bagni turchi, sempre molto piacevoli. Nella vasca faccio due chiacchiere con un rotondo palestinese cittadino di Israele, chiaramente molto benestante. Mi dice che naturalmente vorrebbe uno stato palestinese ma in Israele ci sta bene, può lavorare senza problemi, ha una piccola impresa e fa affari con tutti.

31 December 2003

8° g - 31 DIC: VISITA DI PETRA

Giornata intera di visita a Petra, meglio arrivare presto la mattina per vedere la luce del sole che piano piano si estende sul “Tesoro”.

Mi è piaciuto visitare Petra da solo, o con uno o due compagni di viaggio al massimo, soffermandosi a contemplare i mille scorci che offre questa incredibile sistemazione urbanistica, ad assaporarne i colori ed a meditare sulla sua sfortunata storia.

Inutile affannarsi a vedere ogni tomba ed ogni pietruzza (servirebbero settimane) meglio concentrarsi su una selezione si siti e goderseli a fondo, respirando l’atmosfera del passato, immaginandosi come i Nabatei abbiano potuto vivere in questi spazi mistici.

30 December 2003

7° g - 30 DIC: WADI MUSA – PICCOLA PETRA 10KM ORE 0,50

In bus fino a Piccola Petra, minicaricatura e brutta copia della vera Petra, la cosa più interessante è la panoramica camminata che da lì si fa per andare appunto a Petra. Tre ore circa andando piano e si arriva al “monastero” da cui poi si scende verso gli altri siti.

Ho scelto questo itinerario per “arrivare” a Petra in crescendo, come ci sono arrivati tanti nell’antichità. Però poi, ripensandoci, penso sarebbe stato meglio tralasciare ed allungare il tempo di permanenza a Petra stessa, che necessita di molte ore per essere assaporata appropriatamente. Pomeriggio in giro per Petra, ci disperdiamo a fare foto, arrampicarsi sulle rocce ecc ecc.

29 December 2003

6° g - 29 DIC Wadi Rum, Petra by Night – 100KM ORE 2

All’alba, prima di colazione, passeggiata per le dune intorno al campo, la luce del primo mattino rende la sabbia e le rocce particolarmente fotogeniche. Poi si parte con i due pick-up per un giro di 5 ore nel deserto del Wadi Rum, con varie soste, scalate di dune colossali, arrampicate su rocce multiformi e coloratissime. Pranzetto al sacco con i nostri salumi e formaggi portati dall’Italia.

Peccato che i pick-up siano abbastanza scassati, ci fanno perdere molto tempo per continue riparazioni improvvisate e precarie, ma in fondo siamo in pieno deserto e anche queste pause forzate fanno parte del viaggio.

Alle 4 del pm siamo di nuovo al campo e ripartiamo per Wadi Rum dove puntuale ci viene a prendere il bus dell’albergo di Petra. Dopo 4 ore siamo a Wadi Musa, il paesino adiacente a Petra. Cena buffet in albergo e uscita (12 JD, no TLF) per Petra by night, che consiglio, ma attenzione perché non c’è tutti i giorni. Per arrivarci c’è la navetta gratuita dell’hotel. AL ALAMBATI, niente ci ché, anonimo e FREDDO!! Io mi sono preso un brutto raffreddore perché la camera non era riscaldata, lo stesso era successo ad altri gruppi, esigete dal proprietario che accenda bene il riscaldamento, prima che voi arriviate in albergo. Altrimenti lui l’accende solo quando arrivate, e ci vogliono ore prima che la stanza sia calda! A parte questo, si sta bene, e il buffet è soddisfacente.

26 December 2003

3° g - 26 DIC: AMMAN – CASTELLI DESERTO – AMMAN, 300KM ORE 5

Giro di tutta la giornata ai castelli dei crociati. Tutto sommato deludente, i siti non sono niente di speciale e neanche il deserto circostante è particolarmente suggestivo.

Rientriamo in tempo per visitare il teatro romano di Amman, molto ben preservato, il sito più importante della città, e la cittadella in cima alla collina. Girando vediamo anche alcune chiese, non ci sono problemi in questo paese per la comunità cristiana.

In serata andiamo a fare sauna e massaggi da “Al Pasha Turkish Bath” 15 JD per il trattamento completo, fantastico, rilassante, molto piacevole ed è anche interessante l’ambiente (un vero Hammam turco!) e gli incontri che ci si possono fare. Uomini e donne separati ma possono andare insieme se siete un gruppo consistente e prenotate tutto il locale, mettersi d’accordo con Ammar e riconfermare le prenotazioni.

25 December 2003

2° g - 25 DIC: AMMAN – UMM QUAIS – JERASH – AJLUN – AMMAN, 300KM ORE 5

Partenza in alle 7:30, la strada è buona, in 1h30 siamo a Umm Quais, che merita una visita con calma.

Proseguiamo per Jerash, dove restiamo varie ore (attenzione cercheranno di appiopparvi una guida “obbligatoria” ma in realtà non c’è obbligo dunque prendetela solo se la volete). Rimane sempre un motivo di malcelato orgoglio vedere ricchezza culturale romana in giro per il mondo, anche per me che non sopportu più Roma e non ci voglio più tornare a vivere. Ma i Romani che hanno portato la romanità per tutto il mediterraneo non sono i romani di oggi.

Pranzetto lungo la strada in un ristorantino consigliato dall’autista, niente male.

Ultima visita della giornata ad Ajlun, molto suggestivo! Rientriamo per le 7.

Cena di Natale al ristorante Fakr El Din, ottimo, molte portate di assaggi diversi di carne, pesce, ortaggi, frutta, anche un vinello giordano tutto sommato bevibile; consiglio fortemente, vale i suoi 15JD. E’ interessante anche per come è frequentato: la Amman benestante, i borghesi cosmopoliti che non vediamo in televisione durante le manifestazioni... donne a capo scoperto, e non solo quello... Bellina soprattutto la sala da tè.