Showing posts with label USSR. Show all posts
Showing posts with label USSR. Show all posts

27 December 2018

My latest book: Beyond the Wall, available on all Amazon sites.


My latest book:

Beyond the Wall:

Adventures of a Volkswagen Beetle

Beyond the Iron Curtain



has just been published and is available on all Amazon sites.



Description:

1980: the Cold War between capitalist West and socialist East is in full swing. Tensions are high but, at the academic level, some channels of useful exchange remain open. The author and two classmates would join one such program linking a leading American university and its counterpart in Poland. They drive to Warsaw in a bright yellow VW Beetle and, in addition to attending classes, travel far and wide within the country as well as to several of the neighbors in the socialist bloc where the Soviet Union called all the shots. They drive across the USSR and visit the Berlin Wall, the symbol of the division of Europe. Throughout, Marco takes detailed notes of what they see and hear.

Almost four decades later, the East-West division of Europe is gone. Marco recently found his diary and decided to publish an expanded version of it. His written notes from 1980 have been enriched with descriptions and analyses of historical events that will help the reader see his personal experience in a more significant cultural, social, political and economic context.

The author hopes this real life story will help younger generations, who did not live through the Cold War, better appreciate the blessing of living in a European continent that is immensely more open, rich and free than it was then.

26 May 2010

Film Review: Katyn, by Andzrej Wajda, *****

Synopsis

KATYN is the story of Polish army officers murdered by the Soviet secret police in the Katyn forest during the Second World War and the families who, unaware of the crime, were still waiting for their husbands, fathers, sons, and brothers to return. It is a film about the continuing struggle over History and memory, and an uncompromising exploration of the Russian cover up of the massacre that prevented the Polish people from commemorating those that had been killed.


29 May 1994

The New East-West Relations in Europe

Prepared for JIIA/IFRI conference on

Building A Global and Regional Framework for Peace and Prosperity: Political and Economic Security in the New World Order

Tokyo, 2-3 June 1994
revised version

Premise

Since the end of the Cold War, the security of Central and Eastern Europe (C&EE) is a necessary (though not sufficient) conditio sine qua non for the security of Europe as a whole. This is not entirely new: already during Cold War, the West had recognized that its security was contingent upon that of the other half of Europe (of course, as perceived by Moscow). This resulted in some degree of hypocrisy on the part of the West. For example, the USSR got its first bout of détente and the start of CSCE negotiations right after the invasion of Czechoslovakia in 1968. Today, there is complementarity in place of hostility in new East-West relations, but Europe is far from "whole and free"—as George Bush, among others, proclaimed it as early as 1990. C&EE is increasingly fragmented and, far from being free, many parts of it are at or near war to preserve their freedom. Paradoxically, after the virtual disappearance of any significant military threat, security is an ever rarer commodity in most of Eastern Europe.

In Western Europe, the disappearance of both the massive Soviet deployments in C&EE and (more importantly) of their even more massive reinforcement capabilities, have not produced the results that were hoped for. The perception of security has not improved. War is being waged in parts of the continents, and tensions are high in others, but the danger of conflagration is not clearly definable or predictable. Therefore, such dangers as they exist are not sufficient to mobilize public opinions, though they are clear and present enough to worry most observers. Increasing or nascent threats from the South of Europe's periphery only make things worse.

Under these circumstances, this paper argues first, that the C&EE states are dangerously reverting to nationalist approach in foreign policy; second, that this approach does not augur well for the continent, as today's Europe vital interests are no longer national interests, and vice versa; and third, that, therefore, international institutions should play a pivotal role if C&EE are to be integrated into a future peaceful order in Europe. While their performance has been less than ideal in recent years, the richer and more influential Western countries have no alternative to their strengthening and revival.


East-West (?) Relations in the New Europe

To the extent that it indicated the confrontation between the blocs, the term "East-West" is now obsolete. The very word "Eastern" Europe is generally considered demeaning; to refer to "Balkan" states or peoples is sometimes even taken as insulting by those who geographically belong to those areas. This is considered terminology from Cold War, reflecting obsolete bipolar concepts. The new commonly accepted term, which will obligingly be used here, is C&EE, but changing their definitions rarely solve problems, and declarations of intent do not change geography.

In fact, the term "East-West", though perhaps impolitic in the current parlance, is still valid in some respects. While there is no longer an adversarial relationship between the two "sides" of the word, European countries are not yet parts of a group of states definable as such except in the purest (and least significant) geographical terms. They do not form a working system, let alone a coherent whole.

Within these new East-West relations, the hope for the future is that cooperation and integration can replace confrontation, most importantly between Russia and the rest of Europe. The lack of a solid cooperative relationship between Russia and the rest of Europe is the most serious threat to the stability of the continent in the years to come. That is why the West, regardless of who is in charge in Moscow, will have to continue to devote special care to the security perceptions and economic condition of this country. The NATO-Russia agreement of 22 June 1994 fails to acknowledge a "special role" for Russia within the Partnership for Peace (within which all partners remain on an equal basis) but the accompanying "Summary of Conclusions" provides for Russia-NATO cooperation "beyond" Partnership for Peace. The relationship with Russia is the single most delicate for the West, but not the only preoccupation of post-Cold War Europe.

A second source of potential instability lies in Central and Eastern Europe itself. In the immediate aftermath of the 1989 revolutions, political euphoria overshadowed economic concerns, but it soon faded away as harsh economic realities became clear. Initial illusions about cure-all capitalism settled in. Five years into democracy, a crucial question in C&EE is whether political enthusiasm will be enough to overcome prolonged economic disappointment and hardship. Alternatively, will economic disappointment undermine political achievements? A race between economics and politics in now going on: it is not yet clear whether the post-1989 political capital still available will suffice to overcome current and future economic hardship.

To make matters worse, new regional cleavages have come to the fore after the fall of the wall. Some new cleavages are actually revived old ones, i.e. from the pre-World War II era. Most seriously, most of C&EE has long been anti-Russian before it became anti-Soviet, and it can now express its anti-Russian feelings again. Other regional and local cleavages include that between Hungary and Romania, Czechs and Slovaks, Serbs and Hungarians, beyond, of course, those within former Yugoslavia. One may add an anti-South of the world prejudice, particularly as competition for Western aid becomes more acute. If economic realities beat political sentiments in the race described above, these cleavages might be ignited beyond the plane of peaceful confrontation into violent conflict, and it would be imprudent to assume that the Western half of the continent would not be engulfed in it.

The best hope to avert such an outcome lies in integrating C&EE in the economic, political and security structure of Western Europe. For four decades C&EE peoples have been forced to look at international integration (and, more in general, at any form of internationalism) as one representation of the division of Europe into two divergently integrating blocs (theirs being under the USSR). The so-called "fraternal" relations within the Warsaw Pact and Comecon, a euphemism for Soviet controlled economic and security planning, has left deep scars. Consequently, there is a strong tendency among C&EE to equate nationalism with freedom and independence.

In light of the above, it is not surprising that C&EE electorates and leaderships have little sympathy (or understanding) for true international interdependence. Nationalism (whether it is real or, as is often the case, it is built-up spuriously around "imagined communi­ties" instead of real nations) has blossomed, and nationalism, historically, is likely to be associat­ed with war. It may be a cause or a consequence of war. Most often, and most dangerously, it is used by political élites as a catalyst for the channeling of military and other resources toward the achievement of war aims. Dangerously, C&EE often look to past rather than to future, longing for a restoration of pre-communism, the Soviet occupation being seen as a historical aberration in their national paths to development.

The only magnet for them was initially the EU, which was seen as a locomotive to pull them up from the doldrums of economic stagnation, mainly through infusions of German funds. Subsequently, this enthusiasm dwindled as it became clear that membership was not in the cards for the short term—see chart 5. A EU widening to C&EE is still in the agenda of Western diplomacies, but the time horizon has been pushed back. Subsequently, a strong interest developed for membership in NATO. These two issues will be further discussed below.


National and Vital Interests in Europe

Like most political paradigms (both domestic and interna­tional) the concept of "national interest" has changed since the Cold War. This is especially true in security affairs. An emerging issue in this context has been how to re-define national and international interests in an increasing interdependent world in which international institutions play a greater role—albeit not always satisfactorily so.

Of course, there are genuine national interests which are perfectly compati­ble with a cooperative multination­al approach to security. These may be economic interests (e.g. milk or steel production capacity; or agricultur­al import quotas in the EU). They may be related to the environ­ment (e.g. the regulation of international transit rights for cargo, or control of pollutants that are not usually very respectful of national borders). National interests may also be political, as country A may jostle for political advantage vis-à-vis country B by establish­ing special bilateral ties with country C, (e.g. to push its export products, to obtain special access to C's economic resources or technologies or to foster the rights of its affiliated ethnic community in country C). Finally, there may even be military-related national security interests, as might be the case in future contingen­cies similar to the Falklands war, the US-Libyan clashes of 1981 and 1986, and the US intervention in Grenada or Panama. But the national interests involved in this type of operations can hardly be described as vital.

These interests are definable and defensible at the national level, but they are not vital. In light of the contradic­tion between the need to look at security problems from an international perspective, and the trend toward reinforced nationalist pressures build, it seems appropriate to refer no longer to "national" interests, but, rather, to "vital" inter­ests in the contempo­rary European land­scape. Which are the vital interests of post-Cold War Europe?

The most fundamental vital interest for post-Cold War European states remains the protection of the physical safety and territorial integrity of nation states against the danger of attack from resurgent, residual or wholly new military threats—including internal threats from within existing states. While the Soviet threat is gone, a variety of actual or potential military threats still exists. Newly independent Russia seeks to become a security partner today, and in some circumstances it has proved that it is able to be one, but it is far from certain that this will be true in the future. While the danger of post-Soviet prolifera­tion is usually exaggerated in the press, other nuclear powers might, in time, emerge from the ashes of the USSR. The proliferation of weapons of mass destruction is a distinct possibility around Europe's southern periphery. Any of these develop­ments could threaten the vital security interests of European states. As for threats from within existing states, the example of Yugoslavia speaks for itself: while not likely to be replicated in the same scale, it might not be the last European state to break-up violently, and the repercussions might yet be felt outside of Yugoslavia itself.

The second vital interest is to at a minimum, maintain our standard of living and economic development. This implies, among other things, the preservation of a free market economy, unimpeded access both to sources of raw materials and to foreign markets, and freedom of navigation over the high seas. Recent events in the Gulf have demonstrated (had there been any doubt) that the defense of this vital interest can not quite be taken for granted even after the end of the Soviet threat to NATO sea-lines of communication.

The final, and most important, vital interest lies in the protection of the Western way of life. Despite all its shortcom­ings, is increasingly accepted as a pan-European model. This translates into the preservation of a pluralist democracy, which in turn means freedom of movement for people and informa­tion (and hence open borders) but also support for the social order of civil society (and hence regulation of migration flows).

Other formulations could be devised, but the above are by and large what the general consensus within the Western civiliza­tion has come to define as "vital interests". But these are not synonymous with "national" interests; none is nationally definable or defensible, by any state, and certainly not by European medium powers. The following paragraphs will discuss why this is true now even more than during the Cold War.

When Europe was divided in two blocs, Western nations had to join up forces to counter the Soviet Union. The possibility always existed, however, that one or more could try to strike a deal with Moscow, in extreme circumstanc­es, for example in order to avoid the escalation of nuclear war on its territory. This possibility applied to the Allies on both sides of the Atlantic: the US at times feared that the Europeans might rather be "red than dead"; the Europeans feared that the US would fight a limited war in Europe but not challenge the Soviets to the point of a reciprocal nuclear exchange. Such fears were based on rational calculations of national interests which took into account the probable behavior of concerned parties, bona fide allies as they might have been. Today, sources of resurgent, residual or new threats (nuclear, conventional, or anything in between, as they might come) are unlikely to be as amenable to the same rational thinking as was the centralized and monolithic Soviet state; hence, it is unlikely that the freedom of "opting out" would still be available to any party in a future continen­tal crisis.

A detailed discussion of increasing international economic interde­pendence is beyond the scope of this paper; suffice it to say that the end of the Cold War has opened far greater opportunities for international economic exchanges—and therefore for growth. As recent vicissi­tudes in the Gulf have demonstrated, however, free access to raw materials must sometimes be guaranteed by collective efforts, including by means of armed force. On a different plane, the GATT negotiations demonstrate how, mutatis mutandis, an equal degree of collective political commitment is necessary to ensure free access to international markets, the other essential ingredient of world economic growth and prosperity.
As for the third of the vital interests considered here, during the Cold War, it was possible, indeed obligatory, to protect democracy in the West while avoiding any determined effort to promote it in the East. Today, without the Iron Curtain, consolidating democracy in the East is increasingly becoming a pre-condition for maintaining it in the West. Indeed, as European borders are wide open to flows of people and information, it would be utopian to think that a privileged island of prosperity and freedom can be maintained only in selected parts of the continent. Again, multilateral effort are indispens­able, for it is unthinkable that any single state, however influential, could pursue such an ambitious goal single-handedly.
The foregoing does not suggest that national interests no longer exist in Europe today; nor does it lead to a prescription of exclusively multilateral solutions. There are interests that can and should be defined at the national level, just as there are other interests that can be defined at the regional, provincial or municipal level. In fact, it is not a coincidence that this time of increasing nationalism is also a time of increasing demand for regional and local autonomy throughout Europe, both East and West.

What is sometimes referred to as the rebirth of "national­ism" in reality is often tribalism, parochialism or fanaticism decorated with a patina of religious fervor. In post-Cold War Europe, the nation-state is in some cases as much in crisis as are international alliances and organizations, if not more so. More Europeans are rediscover­ing the value of local autonomy than are revamping that of national independence. The recent support garnered by Flemish separatists and Northern Italian secessionists are the latest additions to what seemed to be the isolated exceptions of Northern Ireland and the Basque Country. The nineties are more likely to go down in history as a decade of threats to nation-states than as a decade of nation-building.


The Agenda for the West

Eastern requests for integration in Western institutions translate into some degree of Western embarrassment. C&EE states are in a position of demandeur for access to markets, security and political identity. More than anything, they want to join Western institutions, generally seen as the only solution to all three issues. They by and large realize that no single state is equipped to address these new types of problems and help them. They understand that, as the West has often been preaching, the solution to these risks and challenges requires a multinational approach, with contributions from both East and West. This is true in security as well as in economics.

 The answers to the questions posed in the preceding paragraphs carry important implications for Western Europe for its possible repercussions in international relations. If the cleavages discussed above are not resolved, conflict might well spread beyond the region of C&EE. Under these circumstances, the risks to common European security that are coming from this new Europe today can be categorized into four groups. First, there is a danger that local conflicts may lead to region-wide conflagration. As of late 994, this is the case, most seriously, in the Balkans, but to a lesser extent also in the Caucasus.

Second, these conflicts, and the destruction and disorder that they carry along, may provide ammunition to reactionary and/or nostalgic power groups, and thus provoke a backfiring of authoritarianism. This may not be of a communist character, but it may be ultra-nationalistic and perhaps involve the armed forces.
Third, Western Europe may become the target of terrorism, as frustrated extremist groups may seek to attract international attention to this or that ethnic, territorial or "national" cause. Connections with Western European terrorist organizations, such as the IRA or ETA, are to be expected.

Finally, and most seriously, Eastern European conflicts come at a time of delicate transition in the foreign policy relations among Western nations. Cleavages in the East have already provoked diverging attitudes in the West, and may result in a weakening of Western cohesion. The handling of the Yugoslav crisis has already resulted in some damage to the developing process of harmonization of Western European foreign policies.

What can and should the West do to address C&EE's demands, since on the answer that will be given to them depend also our own interests? The West has three instruments for the creation of security conditions around its periphery: wealth, advanced know-how and institutions. Wealth is the least useful one. It can only provide emergency relief, but can not provide economic stability and hence security in the medium-long term. Reforms and time are necessary for this, and too much aid can even be counterproductive if it allows for artificial life-support to be administered to inefficient economic mechanisms. Of course, Western wealth can not buy military security, since all Eastern countries must, on the contrary, reduce their military commitments. As for Western military intervention, in conflicts in Eastern Europe or in the Mediterranean region, the problems there are hardly of a financial nature.

Advanced know-how is potentially more useful than wealth because it helps create an indispensable basis for long-term efficiency and thus social stability. In this respect, managerial know-how will be more relevant than advanced technology. But it, too, does nothing to alleviate immediate political security problems. Much time will be required before organizational restructuring and technology injections will produce appreciable results in the societies of the East.
Institutions remain the only instrument potentially capable of preventing and perhaps repressing European conflicts before they spread too widely. This paper will sketch what three regional institutions (the EU and the WEU, which for the purposes of this paper are considered together; the North Atlantic Treaty Organization; and the Conference on Security and Cooperation in Europe) could contribute toward continental security.

The nature of the questions involved immediately points to the fact that the required approach will be multidimensional: for analytical purposes, the following analysis will be divided in security, economic and political aspects, though the three are clearly interconnected.


Economic Cooperation

Economic interdependence, long established in Western Europe, is difficult to replicate in the continent as a whole. No doubt, such replication will be profitable (and in any case probably inevitable) in the long run if Western Europe is to be competitive with the US and Japan. But, as John M. Keynes put it, in the long run we will all be dead. The economic integration of Eastern Europe in the pan-European (and therefore world) market can not wait so long.

Therefore, when discussing the extension of economic interdependence to C&EE, the question is not whether, but when and how to do it. The widespread argument that Eastern Europe is not yet ready is only partially true, or, rather, it only explains one half of the problem. The other half is that it is Western Europe which fears losing important markets to cheaper Eastern labor. This is true, first and foremost, in those very sectors in which C&EE economies are stronger: textiles, agriculture and steel. On the one hand, to allow C&EE producers into EU markets might spell the end (or at least a drastic down-sizing) of those industries in the EU. On the other hand, it would both make those products available at cheaper prices (and thus boost productivity) and stimulate competition.

Of course, this approach runs directly against the grain of EU subsidization policies. But the dilemma between narrow-minded national protection and opening to the East will once again have to be faced in the near future: the consequences of the choice that will be made are going to have a strong and lasting impact on the economic relationship between Western Europe and C&EE states. In the latter, it will also have profound political and social consequences which the governments of EU member states will do well to consider before giving in to domestic lobbying and pressures for continued protection.

EU membership remains a coveted ambition for C&EE states, not only for economic but also for political and (in perspective) security reasons. It may provide some degree of political reassurance, but certainly the EU does not have the tools for any military-related task. This may change in the future with the realization of a common security policy and a then of a common defense, but the time frame is far too long. For the next several crucial years, most instruments of security policy will remain in the hands of national governments, while the process toward the creation of a common security and foreign policy continues, hopefully, to overcome national and bureaucratic hurdles.

In any case, even when such a common policy exists, caution will be imperative, because for the Union to provide security to third parties would probably mean to grant accession: "extended deterrence" by the Union or the WEU is definitely not in the cards for the foreseeable future. Accession to the Union presents formidable economic and institutional problems, that fall beyond the scope of this paper, but which are probably going to retain a higher degree of priority with respect to security concerns. A common concern, for example, is that enlargement of the Union will jeopardize its "deepening": therefore, extension of security guarantees, to the extent that it might hasten precipitous enlargement, might weaken the very institution that these guarantees should emanate from.
In conclusion, the EU is most useful for cooperation with the C&EE in the economic, and specifically trade, arena. This cooperation would involve short-term costs, but these will be outweighed by long-term benefits for current EU members as well.


Human Rights and Political Stability

Relations with C&EE and post-Soviet states have another, purely political, dimension: human rights. Of the various "categories" of human rights, those of concern here are the so-called "first generation" human rights, i.e. those indisputable rights of the individual such as the personal inviolability and freedom of information and expression and movement of each citizen. These rights are most easily definable, are the same for all states, and juxtapose the individual citizen (as opposed to, for instance, the member of a given nationality) to his/her government. They are inalienable, or, as they are sometimes referred to, "static". Therefore, they can be considered independently of local political factors of diversity which may be specific of a given state.vii During the Cold War, the West had to ignore them.

For a long time, the West sacrificed human rights ideals for the sake of peace and stability: until, that is, in 1989 communist (read Soviet) oppression exhausted its ability to produce stability. While the lack of democracy was a source of stability in Soviet bloc, today, with no overwhelming power to enforce human rights violations, it is a source of instability in post-communist Europe. On the contrary, the political energies which dictatorship had long repressed are now about to explode, create instability and threaten peace. It is for this reason, quite aside from moral considerations, that the protection of human rights is an important factor of security and stability in Europe.

Since the end of the Cold War, most of Europe has accomplished much toward the realization of first category rights, but not enough. The West, and particularly the US, has not always been consistent. It traditionally followed one of three policies in this field. Sometimes, the West has been content with letting its point of view be known, without doing anything about it (this was, for instance, the Nixon approach of pure Realpolitik).

Alternatively, it tried to persuade violators to change their course, but without offending them with public accusation or much fanfare. This approach produced important results, (for example under Carter) when the carrot was used more than the stick. The problem here was that this policy was intermittent and unpredictable.

The third approach has been to accuse violators (or, rather, those who happened to be political adversaries) publicly, to apply diplomatic pressure upon them, to link progress on human rights to other negotiations such as those on arms control or trade (the so-called "linkage" policy). This approach produced little results.
Today, human rights are once again an important factor of foreign policy based on Realpolitik, and as such must be given their just priority. As a former US Secretary of State put it, "human rights must always be on the foreign policy agenda, but never by themselves".viii In this respect, interference in internal affairs becomes justified and necessary, as the UN charter and article 56 stipulate that violations "oblige members to take joint and separate action" to achieve this purpose. While consistent and persistent persuasion will be indispensable to this end, the use of force might at time be required as well. Albeit insufficiently, this has already happened in Yugoslavia. This produces an immediate link between the protection of human rights and military stability and security.


Military Stability and Security

In this field, again, interdependence has been an long established concept, but it is now moving from a confrontational to a cooperative type of interdependence. Europe has shifted its attention from the avoidance of war to the building of peace.

Virtually all of Eastern Europe, including most former Soviet republics, is asking to join NATO. On the one hand, this testifies to the success of NATO. On the other hand, it is a symptom of a widespread illusion that this success would be easily replicated by simply bringing in new members. That is far from being the case. First of all, it would be economically expensive (restructuring of allied commands, re-deployment of forces, additional official languages, harmonization of procedures, etc.) and therefore NATO members would not be likely to accept it. Public opinions would not support such an expansion of responsibility at a time of reduced threat perceptions and declining defense budgets.

More importantly, it might be difficult to establish whom to accept into the Alliance: In other words, who would be defended against whose threat? If this were a way for Central and East Europeans to gain a military security guarantee against Russia, this would signify a perpetuation of the old logic of the two blocs. Some advocated this also in the West, particularly during and immediately after the failed August 1991 coup in Moscow (when authoritative voices were heard urging Western security guarantees to Eastern Europe) but such a stand does not seem to fit into the current status of political relations with the successor states of the USSR.

One could argue that the logic of the blocs is perpetuated by maintaining one the two blocs as a self-contained exclusive entity separated from the now no longer antagonistic remnants of the other bloc. If the Eastern bloc is gone, this logic goes, the Western must offer its umbrella to former enemies who have now embraced its values and goals. A more cogent argument, however, is that the logic of the blocs would be perpetuated by trying to artificially extend one against another that no longer exists. Besides, NATO could not and would not wage war against Russia to save Eastern Europe more than it would have during the Cold War. Russia remains a nuclear state, and for NATO's nuclear powers to provide "extended deterrence" to the Eastern Europeans against Moscow would hardly be credible; it would be more likely a bluff. Let us not forget that even Western Europeans have had this problem of credibility of extended deterrence for forty years; for the new democracies of the East the problem would be much worse.
A second possibility is that NATO should accept all those who might want to accede, Russians included, and offer a security guarantee to all. The question then would be whom to guarantee against whom. If one wanted to guarantee everybody against everybody else, this would probably be a recipe for disaster. It is easy to imagine rather difficult dilemmas emerging from any number of crisis situations. It is also easy to see how false expectations could be created and these could blow on the fire of the nationalist ambitions that were repressed by forty-five years of communism and are now rekindling wildly.

In that context, some argue that NATO might play a moderating role similar to that played between Greece and Turkey, but that bilateral confrontation was easier to deal with than the multilateral situations of Eastern Europe would be. This was because of the common threat that Greeks and Turks both had to face; moreover, the preponderant role of the US in the Greek-Turkish relationship would not be there in Eastern Europe.

As the opinion became more common that NATO should, in one way or another, take on the task of providing security to its former enemies, the organization created the North Atlantic Cooperation Council (NACC). The creation of NACC was the subject of some debate. First, NACC ran the risk of duplicating the confidence-building role of the CSCE. In fact, the exclusion of neutral and non-aligned states makes it less credible than the CSCE for that purpose. The United States argues that CSCE was not sufficient because it lacked the resources; logically, the answer then should have been to give it those resources. But Washington clearly feels it can control NACC better than the CSCE, and has, so far successfully, played a prominent role in the de facto down-playing of the latter organization. Second, NACC is fuelling expectations for full membership. As this is not likely to happen soon, it will create even more frustration than would have resulted from an outright rejection of any membership at this time.
Still, NACC is playing a very useful role. One area where NACC might indeed be useful is in providing military expertise to those nations wishing to restructure their armed forces toward a more defensive model, both to reduce the defense burden and to avoid friction with neighbor states. Eastern European officer corps must be "de-indoctrinated" from Marxism-Leninism. NATO could address all of these concerns through its existing (and expandable) information, scientific and cultural programs, without even addressing the issue of membership.

For this purpose, the launching of the Partnership for Peace (PfP) in January 1994 was essential: it provided an instrument for concrete bilateral cooperation between NATO and individual cooperation partners, each of which can tailor its own "Individual Partnership Program" according to its own wishes, capabilities and needs.

In addition, as offered by NATO itself in 1992, NACC could be used to harmonize NATO forces and infrastructure with those of C&EE states which could then be offered for joint peacekeeping actions under the CSCE auspices. The first joint maneuvers to this end were held in the Summer of 1994. Initiatives along these lines would tap on NATO's comparative advantages, provide support to the current soul-searching effort within the Alliance, and avoid the danger that acrimonies among Eastern Europeans might clog NATO's own operation. NATO could provide the necessary infrastructure and logistical base, as has been offered recently. Non-NATO troops could be employed and be supported by the NATO infrastructure, early warning systems, etc. Even armed forces from non-European states might then be called upon, as been the case already in former Yugoslavia. The old prejudice for which Europeans could serve to keep the peace among non-Europeans, but non-Europeans would not be needed to come and help in "civilized" Europe seems, alas, to be fading away.

From a political point of view, the CSCE might also contribute security for Eastern Europe. So far, however, it has not been given the necessary instruments, either military or political. The Vienna-based Center for the Prevention of Conflicts (CPC) is woefully unprepared to deal with the fermenting European problems, as it is understaffed, underbudgeted and underpowered. It should be strengthened, both financially and in terms of political endorsement by the member states. Its competence should be expanded to include a capability for political action toward crisis prevention, as its very name suggests it should, and not only crisis management.

The growing membership in CSCE dilutes the effectiveness of the decision-making process. The consensus rule is less and less adequate. There is a need to move to majority rule, at least for some kinds of decision, among which perhaps there could be the dispatch of peace-keeping forces to troubled areas. For this purpose, some have proposed the creation of a CSCE Security Council, and to allow it to take operational decisions without waiting all other member states to agree, and if necessary against the wished of some of them.
This body might include the UK, the US, Germany, France, Russia, as permanent members with a veto right. Perhaps Italy, Ukraine, Kazakhstan and Spain could enjoy some kind of semi-permanent status. This Council would eliminate the unpredictability associated with China's behavior in the UN, while at the same time including the absolutely essential role of Germany. Its powers would be rather circumscribed at the start, but it could sanction conflict-prevention initiatives and peace-keeping operations, including those that may involve military force. Its chances of being effective could be encouraging in a time where the end of the East-West division of Europe has created a high degree of convergence in the political goals of the major powers in the continent. However, under no circumstances should the CSCE be allowed to become the overarching umbrella structure with overall coordinating powers that Russia would like it to be.


Conclusions

The solution to the problems of the new geopolitical situation in Europe will require an approach that must be both multilateral and multidimensional. International security institutions are indispensable for an adequate approach to the post-Cold War security problems of Europe. One does not need to be an "idealist of the post-Cold War mend-the-world school"ix to realize that no single state can address, let alone begin to resolve, the complex intricacies of resurgent nationalistic cleavages, civil struggles and potential conflagrations across borders. Nevertheless, because of the new strength gained by old pre-Cold War (rather than new post-Cold War) thinking, multilateralism is still all too often seen as an unaffordable luxury.x But it is Realpoli­tik, not idealism, which calls for a wider and more structured pattern of interna­tional cooperation in order to best serve the vital interests of European democracies (both old and new).xi It would be naïve idealism to presume that those interests can be served through the romantic restoration of the nation-state to its pre-Cold War preroga­tives, cultural, political or moral as they may be.

To pursue this multilateral approach, all countries of Europe (but the principal responsibility inevitably falls upon Western Europe) need to both deepen and widen international cooperation. In this, Europe does not have to start from scratch; much was done during the Cold War which can still be utilized if it is properly built upon. NATO is the obvious place to start to maintain a collective security and collective defense apparatus, the first of the three vital interests considered in this study. The WEU has been revived after the end of Cold War, and there is no question that, in time, it might work as the future European pillar of the transatlantic alliance if the political will is there to make that happen. The member states of these two organizations (together, but not individually) clearly possess the necessary military, technolog­ical and economic resources to face the new risks of the post-Cold War world in which C&EE in no longer an enemy but an increasingly effective security partner.

As of late 1994, however, partnership with the former Eastern adversaries is still fragile. Collective security bridges to Eastern Europe are being built, among others through the NACC and the WEU's Forum for Consultation, but success is not guaranteed. The Partnership for Peace provides for conrete cooperation programs that are specifically tailored to the needs of specific partners. But it is not enough to pile economic, military, and technologi­cal resources, to organize conferences and sign agreements. There is a much deeper need to build up political coherence among states and peoples which have long been suspi­cious of and estranged from one another. This will take time, but there is no reason to think that the successful construction of a collective security system in Western Europe in the 1950s and 1960s could not be replicat­ed, in the late 1990s and beyond, across the whole continent.

The second vital interest has been defined here as the maintenance of unimpeded access to raw materials and the fostering of market economy. Here, too, there are useful precedents that make good examples: the energy sharing schemes of both the International Energy Agency (IEA) and the EU have proven largely successful. The European system of pipelines guarantees that energy security is a preeminently international end, which will require international means to achieve and maintain. They could be further improved to guarantee access to primary sources and provide a safety net in case of emergency.

Here, too, there is a need to expand the multilateral approach to Eastern Europe. Again, there is some degree of similarity to what was done in Western Europe in the 1960s, 1970s and 1980s, when the democracies, threatened by rising prices and the two oil crises, effectively overcame their narrowly defined national interests in order to foster the common good.

The strengthening of democracy, the on-going gradual opening of frontiers to movement of goods, people, and ideas strengthen democracy, the third vital interest considered in this paper is concerned. The CSCE and the Council of Europe have contributed to achieve this, and their further strengthening will be useful to accomplish more. But their action, particularly in the case of the CSCE, will need the backing of adequate military force by other institutions if necessary. The EU, on its part, should accept short-term economic costs (in the form of granting greater market access) for long-term political (stability) and economic (efficiency) gains.

Unlike during the Cold War, when the West had to close its eyes to human rights violations because of overrid­ing security concerns, ignoring violations of those human rights today can be a determinant to political instability. During Cold War, stability was a synonym for preservation of the status quo; today, on the contrary, stability can only be maintained through a careful management of change, and there is a change toward increased democracy; change must be actively assisted.

25 May 1993

Discussione sulla politica internazionale: nazionalismo, realpolitick, stabilità e cambiamento.

Oggi ho avuto una lunga dicussione con CM, un senior della dirigenza dello IAI, istituto dove lavoro come ricercatore. Si è parlato di stabilità e cambiamento negli scenari politici europei nei quali è chiamata a giocare le sue carte l'Italia.

Sonnenfeldt (al centro) con Kissinger
Il senior ragiona ancora con i criteri della guerra fredda. Pensa che la contrapposizione tra stabilità e cambiamento sia ancora un'alternativa. Lo era appunto durante la guerra fredda, ed era facile (anche se un po' egoistico) per noi europei occidentali preferire la stabilità. Pensavo così anche io fino al 1989. Il cambiamento ci avrebbe portato pochi vantaggi, si diceva, e molti rischi. Mentre ovviamente di parere contrario erano quelli che in Europa orientale, satelliti sovietici, che avevano poco da perdere a rischiare il cambiamento.

Insomma la "dottrina Sonnenfeldt" cui molti in Occidente credevano ma pochi lo ammettevano allora e nessuno lo ammetterebbe oggi. Sonnenfeldt non lo ammise mai. Comunque, a torto o a ragione, il suo pensiero è stato così interpretato e da molti condiviso. Una volta lo incontrai ad una conferenza e gli chiesi se lui veramente voleva lasciare l'Europa orientale ai Russi nel nome della stabilità, e lui rispose un po' evasivamente, e poi purtroppo non ci fu tempo di approfondire.

Io penso però che oggi la contrapposizione tra stabilità e mutamento vada superata. Oggi stabilità non vuol dire più mantenimento dello status-quo, ma gestione del cambiamento. In questo contesto, quindi, direi che l'alternativa è piuttosto cambiamento o continuità.

CM pensa ai nazionalisti (in questo periodo va molto di moda parlare, o riparlre dopo tanto tempo, di interessi nazionali)  come i fautori della "realpolitik". La realpolitik è il legittimo perseguire dei propri interessi reali, a differenza di quelli ideali o morali. Bisogna invece dire che la realpolitik italiana oggi richiede che si rafforzi il multilateralismo, perché un approccio unilaterale (cioè nazionalistico) sarebbe velleitario e perdente, soprattutto per un paese del peso dell'Italia.

In altre parole, è il nazionalismo ad essere idealista ed irrealista, mentre il multilateralismo offre le maggiori possibilità di raggiungimento dei reali interessi dello stato italiano.

17 November 1991

Mosca: incontro con E, deputato del Soviet Supremo russo

Mi racconta la sua visione del momento di trasformazione in corso:

Qui da noi la Russia vorrebbe fare società miste con l'Occidente per produrre beni poi esportabili nel Terzo Mondo. Abbiamo buone capacità tecniche ma mancano di conoscenze manageriali, di marketing, di finanza, pubblicità, ...

Presto la Russia toglierà all'URSS il controllo dell'emissione valutaria, Gorbaciov è irresponsabile a stampare moneta 24 ore su 24. La Russia accetterà tutto il debito estero dell'URSS, ma si prenderà anche tutti i crediti e tutte le proprietà all'estero.

I centro-asiatici vogliono restare nell'URSS più di quanto i Russi ce li vogliano tenere. Paura del fondamentalismo islamico, già in forte crescita. Problemi seri con le forti minoranze russe in quelle repubbliche, e specialmente in Kazakhstan, dove più della metà della popolazione è di madrelingua russa. (?)

L'islamismo naturalmente può avere idee democratiche, ma in pratica queste non prevalgono (vedi soprattutto Iran).

Non c'è pieno accordo oggi nel governo russo. Probabilmente sarà necessario un periodo di autoritarismo per governare. Questo sia contro le nazionalità ribelli sia per far accettare le riforme in Russia. Non si può continuare con il populismo che si è fatto finora. La volontà di riformare c'era in agosto, ma i nuovi democratici erano impreparati, non sono stati capaci di fare il loro lavoro. Successivamente è subentrata anche una mancanza di volontà politica, lo stesso Eltsin ha cambiato "cappello" (da comunista a capitalista) ma non la mentalità.

Molti non vogliono la privatizzazione perché preferiscono sfruttare una sorta di "privatizzazione illegale", si sta infatti vedendo come i vecchi direttori di fabbriche, di kolkhoz, ecc., possano ora governare di fatto (visto che manca l'autorità centrale) ma senza assumersi le responsabilità della proprietà che ricadrebbero su di loro in caso di privatizzazione. In pratica è una specie di mafia che sarà difficile spezzare.

15 November 1991

Incontro con O, ancora un politologo russo

Il coup dell'agosto 91 ha colto i democratici di sorpresa. Sono stati catapultati al potere, sono impreparati. Non hanno fatto molto finora, ma non si può semplicemente dire che abbiano perso tempo. C'è voluto tempo perché la gente digerisse gli eventi cataclismatici di agosto. Un po' di euforia è stata necessaria, è servita a far superare il trauma del golpe e a fornire nuova carica per andare avanti; ora però è svanita e bisogna lavorare.

La rivalità personale tra alcuni dei dirigenti Eltsiniani lo danneggia e fa perdere tempo. La sua "vacanza" di ottobre non è stata una buona idea, ma è servita a far maturare la decisione storica di procedere a "chirurgia (non semplice terapia) d'urto", e si dovrà anche fare a meno dell'anestetico!

Il complesso militare-industriale è ancora intatto, continua a consumare le stesse risorse di prima; la sua trasformazione è stata finora solo discussa, niente è stato però attuato.

Le cosa intanto peggiorano. C'è pericolo di un altro colpe? Non crede, non è così semplice. Non risolverebbe niente. Ora aspettiamo questo ultimo, disperato tentativo di implementare le riforme, ma non è sicuro che ci sarà tempo sufficiente. Non è neanche chiaro che ci sarà sufficiente accettazione da parte delle masse, anche se molti continuano a far riferimento alla infinita pazienza dei Russi. Potrebbero assorbire ancora sacrifici, sopportare ancora anche se sembra incradibile che già abbiano sopportato tanto.

Problema speciale per i militari. Il pericolo maggiore è che dalla disgregazione delle forze armate nascano gruppi scoordinati guidati da signori della guerra di tipo cinese.

14 November 1991

Incontro con O, politologo russo

Il centro sovietico è un ostacolo alle riforme. Per esempio, è irresponsabile continuare a stampare moneta 24 ore su 24 solo per finanziare (invece di curare) il deficit di stato, provocherà iperinflazione.

I prodotti agricoli spesso sono disponibili ma non raggiungono il mercato, le autorità locali sono deboli, non riescono a farsi rispettare dai produttori che preferiscono usare le merci per baratti, visto che il denaro è sempre più insignificante.

Oggi è utile solo un aiuto umanitario dall'Occidente, non altro. Il problema è la distribuzione, dovrebbe essere controllata direttamente dai donatori o saranno dispersi. Crediti finanziari sarebbero sprecati, non ci sono ancora le premesse di una efficace riforma economica.

Il centro sovietico potrebbe rimanere, ma con funzionalità minime: armi nucleari strategiche, coordinamento monetario, linee generali di politica economica, e relazioni economiche esterne. Gorbaciov insiste su una vera e propria politica economica interna comune, ma non è possibile, sta perdendo tempo.

Problemi ad una separazione pacifica dell'Ucraina. I confini attuali sono arbitrari, la Russia non li accetterà. L'Occidente deve essere cauto, non è stata una buona idea che la Turchia abbia "riconosciuto" l'Azerbaijan.

A febbraio organizzerà una conferenza internazionale sulla cooperazione tra i nuovi stati sovrani ex-sovietici, e richiederà l'apporto di esperti stranieri; ci farà sapere se ci può invitare come istituto italiano (IAI).

13 November 1991

Mosca: Incontro con P, esperto russo di disarmo

Mi racconta la sua visione della situazione in Europa.

Unione di sicurezza possibile con Ucraina e Belorussia, anche se ostacoli nel breve termine. Non è certo che Eltsin sarà adatto come leader politico, è un buon rivoluzionario ma non uno statista. Anche per Gorbaciov però non sarà possibile avere più che un ruolo simbolico. Più probabile una svolta autoritaria, oggi c'è molta richiesta per una "mano forte", ma non per un pensiero chiaro, che invece sarebbe più necessario.

Ruzkoi, il vice presidente, potrebbe succedere a Eltsin in primavera, Eltsin soffrirà politicamente dell'inverno difficile. Sarebbe stato più facile per lui iniziare le riforme prima, quando la popolarità era alle stelle, ora sarà più difficile.

La Russia e le repubbliche centro-asiatiche avranno difficoltà ad essere alleate nel lungo periodo. Ci sono troppe difficoltà nella visione dello sviluppo futuro nelle rispettive società. In Asia c'è un crecente fondamentalismo islamico, che porterà quelle repubbliche più vicino all'Iran. L'unione economica sarà più facile, gli interessi sono complementari.

La Russia ha ritirato non solo tutte le armi nucleari, ma anche tutto l'equipaggiamento corazzato pesante dal Caucaso. Dall'Ucraina sono state ritirate le testate dagli ICBM mentre si sta procedendo al ritiro delle tattiche che è ancora in corso. Nel Kazakhstan le testate nucleari tattiche sono custodite in zone popolate da russi, se i Kazaki tentassero di prenderne possesso si rischierebbe la spaccatura della repubblica, abitata in prevalenza da russi al nord e da kazaki al sud. I lucchetti di sicurezza esistono su tutte le testate (più o meno moderni), ma potrebbero essere neutalizzati da capaci ingegneri, mentre sarebbero efficaci contro eventuali furti da parte di terroristi o altri fanatici. É convinto che il presidente ucraino Kravchuk si debba mostrare più interessato alle testate nucleari di quanto non sia veramente per motivi politici interni. Difficile che insisterà troppo al di là del diritto di veto.

L'Occidente ha sbagliato a non insistere con i paesi baltici perché firmassero il TNP, e si impegnassero a non superare pro-rata le rispettive sotto-quote di zona per il CFE. Avrebbe costituito un precedente utile per l'Ucraina. Ciononostante la soluzione politica è probabile, perché è nell'interesse di tutti. La somma delle forze armate di tutte le repubbliche indipendenti sarà probabilmente inferiore al totale sovietico nel CFE.

12 November 1991

Incontro con S, politologo russo

Si parla della divisione dei beni sovietici tra le nuove repubbliche avviate all'indipendenza. L'Accademia della Russia (e non dei Russi, o russa), possiede il 95% delle risorse di quella sovietica, è logico che abbia assorbito la vecchia struttura.

Secondo lui Eltsin non è particolarmente interessato alla politica estera, i suoi consiglieri fanno fatica a fargli fare attenzione alla questione. La Russia dovrebe sostituire l'URSS nella maggior parte delle funzioni, ma non è chiaro se ci saranno veramente 15 stati indipendenti, secondo S. è più probabile un'aggregazione con molti di loro.

Quella di oggi in Russia è una vera rivoluzione, pacifica ma non per questo meno tale. Le cose sono destinate a peggiorare prima di migliorare, sia nelle relazioni tra le repubbliche che all'interno di esse. L'elemento determinante è l'Ucraina, ed è pericoloso perché la dirigenza è molto nazionalistica. Anche se potrebbe volere un deterrente nazionale in futuro, per ora Kiev vuole "acchiappare" le testate nucleari solo per avere una merce di scambio nel negoziato sull'indipendenza, e come status symbol. Si tratta in realtà di terrorismo di stato. Eltsin ad agosto aveva detto che avrebe "preso" le testate dislocate in Ucraina (altre fonti avevano detto che avrebbe "accettato" le testate offertegli da Kiev quando questi aveva detto di voler essere uno stato denuclearizzato).

Interessato a intensificare la collaborazione con l'Italia, ma non tramite i vecchi schemi dell'Accademia; si potrebbe invece fare del fund-raising insieme presso le fondazioni internazionali. Disposto anche a fare un'iniziativa multilaterale con Ucraina e Belorussia e magari altri.

Secondo S., se l'Ucraina si stacca uniltaeralmente dall'URSS, è la guerra. Non esiste, in realtà, l'Ucraina come tale, è stata una creazione artificiale dei Bolscevichi. Eltsin probabilmente ha i giorni contati, il suo successore sarà però ancora più debole e parimenti fallirà. Ciò creerà un'opportunità per una rinascita politica per Gorbaciov, visto che non ci sono peronaggi alternativi, e che potrebbe essere questa volta appoggiato dai militari, che vedrebbero in lui l'unica speranza di mantenere un ruolo preminente.

Il ruolo internazionale della Russia/URSS diminuirà, ma continuerà. Le repubbliche guardano alla Comunità europea per aiuti, staranno a sentire se Bruxelles dovesse minacciare sanzioni in caso di guerra. L'influenza che l'Occidente può avere è generalmente sottovalutata. Sta all'Occidente darsi da fare per auto-coinvolgersi di più degli affari interni sovietici.

C'è bisogno di allargare all'area ex-sovietica un sistema di sicurezza collettiva. Allargare la NATO fino agli Urali, anche senza magari integrare le forze sovietiche ed est europee nella struttura militare (á la francese o, meglio, alla spagnola). Altrimenti si dovrebbe irrobustire la Carta di Parigi.

Se il paese si frantuma, l'aiuto occidentale sarà ancora meno utile di oggi, si perderebbe nella inevitabile guerra economica tra le repubbliche. L'Ucraina lo sta capendo, è già più realistica di qualche settimana fa.

11 November 1991

Incontro con V e B, due economisti russi

Le riforme necessarie sono ben descritte nel programma di Eltsin. C'è chi dice che quelle dichiarazioni sono troppo belle per essere realistiche, ma ciò non toglie che siano comunque veritiere. Eltsin ha legato il suo destino politico alla realizzazione delle riforme, ed il fatto che tre mesi dopo il colpo di stato non abbia ancora realizzato un gran ché, e neanche si sia preparata una vera a propria tabella di marcia, potrebbe significare l'inizio della sua fine. La sua popolarità è già in rapido calo. Certo non lo ha aiutato l'aver (incomprensibilmente) pre-annunciato il recente aumento dei prezzi, che ha causato accaparramenti e risentimento. Lo stesso errore era già stato fatto da Rizhkov, ma la lezione non è bastata.

Gli ottimisti dicono che c'è oggi bisogno di una certa dose di autoritarismo per spingere le riforme. Per i pessimisti già è troppo tardi, si è perso tempo e le riforme sono inattuabili, si arriverà al crollo e forse allo stato d'emergenza.
Gli aiuti umanitari saranno molto importanti, ma non subito. Adesso servirebbero solo a rendere possibile ulteriori temporaggiamenti. Devono essere "sincronizzati" con le riforme. Gli investimenti occidentali continuano sotto forma di società miste, ma il loro numero è in diminuzione; inoltre solo un terzo circa sono effettivamente funzionanti, le altre esistono solo su carta.

Per il 1992 potrebbe non esserci più petrolio e prodotti in quantità sufficiente per l'esportazione. L'infrastruttura petrolifera è stata tascurata e danneggiata.
L'Ocidente fa bene a porre condizioni per cooperare in un mondo interdipendente, ma solo se le condizioni sono rilevanti alla cooperazione stessa, (rifiuto di linkage)

Rapporti con Giappone: rimane valida la proposta di Jakovlev, di internazionalizzare le isole e sfrutterne il potenziale economico insieme ai giapponesi: è una questione di creatività, serve salvare la faccia a Mosca (sovietica o russa) per poi dare comunque le isole ai giapponesi.

24 September 1991

Il Dopo Golpe in URSS

Uno strano Golpe

Il colpo di mano non è stato portato avanti con convinzione. Non appare chiaro, neppure in prospettiva, cosa gli otto volessero fare. Molte domande probabilmente resteranno senza risposta. Perché non hanno arrestato Eltsin e gli altri leader progressisti (solo il KGB ha brevemente rapito il capo dei sindacati liberi la mattina del 19 Agosto), ma anzi li hanno lasciati liberi di muoversi ed organiz­zare la resistenza? Perché non hanno disturbato le trasmissioni radio occidentali, che si sono rivelate la fonte più preziosa di informazioni per i moscoviti ed i leningradesi (oltreché per lo stesso Gorba­ciov)? Perché non hanno interrotto le comunicazioni telefoniche nazionali ed internazionali? non hanno chiuso le frontiere? hanno lasciato operare indisturbati i media internazionali? e la lista potrebbe continuare. Pensavano forse, con questa parvenza di legalismo, di guadagnare una qualche legittimità interna o internazionale? Forse sí, e almeno nel secondo caso ci sono andati abbastanza vicino a giudicare dalle reazioni immediate dell'Occiden­te (vedi oltre).

Il golpe in sé però non è stato una completa sorpresa per gli addetti ai lavori. Un colpo di mano dei militari, dell'apparato del PCUS e del KGB era stato paventato da molti studiosi nella let­teratura scientifica da più di un anno, sia in URSS che fuori. Proprio alla luce di questo pericolo, il leitmotif dell'atteggiamento occidentale verso l'URSS era stato di allungare il più possibile il corso politico e la carriera personale di Gorbaciov, cospargendolo di allori. Motivo di ciò il grande coraggio, ed i successi, di Gorbaciov in politica estera. Ad essi si deve anche la distanza presa in Occidente, pur con differenze, dai golpisti; mai in passato i governi e le opinioni pubbliche avevano preso posizione contro un cambio di regime in URSS (o in altri paesi comunisti). Si ricordi il 1964 con la destituzione di Khrushchev, o gli intrighi tra i membri del politbjuro degli anni '50, gli intrighi di palazzo nella Cina del dopo-Mao che lasciavano il resto del mondo indifferente.

Questo atteggiamento occidentale forse è stato anche utile fino all'inverno 1989-1990, cioè fino a quando Gorbaciov, nonostante la crescente impopolarità, poteva farsi forza del fatto, che non si stancava mai di ripetere, che non c'erano alternative proponibili al suo programma "centrista". L'alternativa in realtà c'era, ed era la restaurazione che i più, in URSS e fuori, temevano. Tuttavia, fino alla risurrezione politica di Eltsin nel 1989, la disillusione prodotta dal fallimento delle riforme economiche si traduceva in un diffuso appoggio popolare a chi sosteneva che col vecchio sistema, per quanti problemi ci fossero, almeno c'era stabilità sociale, il paese era (anche se solo apparentemente e forzatamente) unito, e c'era un minimo di sicurezza per il sostentamento (anche se a livelli sempre più bassi). In questa situazione, il sostegno occidentale rafforzava la leva politica interna di Gorbaciov.

Con l'inverno 89-90, però, i successi di politica estera non bas­tavano più a frenare il crollo della popolarità di Gorbaciov, e la perestrojka economica, cioè il tentativo di tenere in vita il meccanismo comunista con iniezioni disordinate di mercato, appariva definitiva­mente fallita. Cresceva la nostalgia delle masse per il minimo garantito dal vecchio sistema agonizzante. Tuttavia si profilava, per la prima volta nella storia russa, un'alternativa alla res­taurazione: l'abbandono del comunismo, propugnato dal leader politico che rapidamente diveniva il più popolare del paese, Boris Eltsin. Nel corso del 1990 e del 1991 lo spazio del centrista Gorbaciov si restringeva di giorno in giorno, ma adesso a vantaggio di Eltsin, dapprima ostracizzato dal PCUS e poi uscitone al 28 Congresso del partito nel 1989, e non più dei restauratori.

Ciononostante, Gorbaciov continuava a trattare i proponitori di riforme più radicali (i vari Abalkin, Shmeliov, ecc.) come temerari, e li frenava. Il Congresso dei Deputati del Popolo, ancora dominato dai conservatori in base alle quote assicurate al PCUS e affiliati nelle elezioni del 1989, li considerava degli irresponsabili, e li bloccava. I pochi imprenditori che si avvantag­giavano degli striminziti meccanismi di mercato introdotti (per esempio le cooperative) erano tacciati di essere avventurieri o, peggio, in russo, "speculatori" cioè una sorta di nuovi sfruttatori del proletariato; le strutture statali li ostacolavano come potevano, amministrativamente e fisicamente.

In questo contesto, il golpe si interpreta come il colpo di coda dei restauratori che sapevano di essere già deboli ma sapevano anche che il fattore tempo giocava contro di loro. Il semplice tornare indietro diveniva, grazie al vaso di Pandora aperto dalla glasnost, che aveva rivelato i lati peggiori del Brezhnevismo, sempre più improponibile. Alternativamente, andare avanti sulla strada di Gorbaciov, ma magari più gradualmente per attutire l'impatto delle inevitabili dislocazioni sociali nel passaggio al capitalismo, non avrebbe risolto alla radice i problemi. Inoltre, non era abbastanza per convincere le masse, e con la glasnost le masse contano più nel 1991 che nel 1917. Infine, la violenza bruta per reprimere gli scontenti non bastava più. Non si sarebbe trattato qui di massacrare qualche centinaio di giovani audaci, come fu per i cinesi a Tiananmen: come dimostrato dai fatti d'agosto, una repressione armata portata avanti con convinzione non sarebbe stata né rapida né facile: si sarebbe scontrata con le masse di tutte le città dell'Unione, e sarebbe probabilmente stata la guerra civile.

Tuttavia, dalle elezioni di Eltsin a presidente del Soviet russo (aprile 90) in poi, era chiaro che c'è un'alternativa praticabile alle mezze riforme della perestrojka: non andare indietro, e neanche rallentare, ma andare avanti a tutto gas, fare il salto nel buio. I rischi erano e rimangono enormi, ma c'era la speranza di un cambiamento reale, di poter migliorare. Era anche chiaro che questa alternativa godeva di larghissimo consenso popolare che aumentava man mano che si continuavano a rimandare i passi decisivi. Oggi, questa speranza è in parte fondata sull'illusione che dalla situazione attuale non si può che migliorare; sull'importanza di questa illusione per il futuro ritornerò in seguito.

Reazioni internazionali

Nel complesso, a parte la patetica euforia espressa per poche ore da Gheddafi, Arafat, Castro e Saddam Hussein, e la malcelata soddisfazione dei cinesi, il golpe non ha raccolto i consensi e neanche l'acquie­scenza che forse gli autori si aspettavano. D'altro canto, non c'è stata neanche l'opposizione decisa che la sua illegalità avrebbe meritato. Nelle prime ore, l'Occidente, con l'eccezione di Gran Bretagna e USA, è stato a guardare, attonito.

Per esempio, si è registrata una certa passività da parte italiana, con De Michelis che la sera del lunedí del golpe, ad una domanda su che posizione avrebbe preso l'Italia, prudentemente rispondeva solo che Roma avrebbe "aspettato una decisione europea", senza peraltro neanche dire quale sarebbe stato il contributo italiano alla formazione di tale decisione. É stato probabilmente alquanto singolare, dal punto di vista degli osservatori stranieri, che siano stati la Presidente della Camera, la (ex-)comunista Iotti, ed il radicale Pannella ad elogiare il presidente (Repubblicano) Bush e il Premier (Conservatore) Major per essere stati i primi a prendere una posizione chiara contro l'inco­stituzionalità del golpe.

Neanche il giorno dopo i ministri degli esteri dei dodici prendevano una posizione netta, limitandosi alla sospensione degli aiuti economici promessi; si sarebbe almeno potuto dire che non si riconosceva la giunta (se questa avesse vinto si sarebbe sempre fatto in tempo a riconoscerla in seguito, così come si è fatto in passato con tanti regimi autoritari altrove). Invece, anche la posizione comunitaria è stata improntata al temporeggiamento. Se non sorprende la non inusuale passività italiana, deludente è stata anche quella tedesca, solo in parte giustificabile dalla necessità per Bonn di continuare, comunque e con chiunque, a far defluire le rimanenti 300.000 truppe sovietiche dal proprio territorio.

Più tempestività da parte americana e inglese, (giustifacata forse da maggiori informazioni sulla debolezza dei golpisti di quante non ne avessero gli altri europei?) che hanno forse contribuito ad indebolire ulteriormente la base di appoggio già traballante dei golpisti. Già poche ore dopo il golpe, Bush e Major sospendevano tutti gli aiuti all'URSS. Circa 24 ore dopo il golpe Washington dichiarava di non riconoscere il nuovo governo in quanto incostituzionale. Informato det­tagliatamente sugli sviluppi interni ed esteri tramite la BBC e Voice of America, il popolo russo è stato incoraggiato a seguire Eltsin in quello che è stato una sorta di contro-golpe, durante e subito dopo il quale il presidente russo si è subito arrogato molti dei poteri lasciati di fatto vacanti dalla prigionia di Gorbaciov.

Il controllo delle forze nucleari

Molto si è detto riguardo al problema del pericolo di un'even­tuale perdita di controllo centrale delle circa 30,000 testate nucleari sovietiche in caso di distacco delle repubbliche o di stravolgimenti al vertice politico del paese. In realtà questo pericolo è stato esagerato nella stampa italiana, mentre dopo un primo momento di smarrimento nei giorni del golpe è stato general­mente ridimensionato in quella internazionale.

Una notizia che forse più di ogni altra ha preoccupato gli Occidentali nelle prime ore del Golpe è stata che i golpisti avevano sottratto a Gorbaciov la valigetta con i codici per l'armamento delle testate nucleari sovietiche. Queste preoccupazioni sono state generalmente esagerate, ed infatti i comandi militari americani, i più interessati e dettagliatamente informati, hanno sempre negato che esistesse motivo di preoccupazione. I paragrafi che seguono vogliono fornire un sintetico inquadramento cronologico su come i sovietici hanno curato la custodia delle armi nucleari.

Il controllo delle testate nucleari sovietiche è stato nelle mani del KGB sin da quando l'URSS iniziò gli studi di fattibilità sulle armi nucleari nel 1943. Il controllo del KGB rimase assoluto fino al 1953. Alcune fonti dicono che sia stato Stalin in persona a volere ciò in quanto non si sarebbe fidato di altri. Nel 54 la produzione delle testate venne devolta al Ministero delle Macchine Utensili, ma il KGB continuava a custodire i prodotti finiti ed a curare il loro trasporto.

L'esclusività della custodia venne solo parzialmente diluita verso la metà degli anni settanta, quando i primi missili intercon­tinentali a combustibile solido furono messi in stato di allerta (e quindi dovettero essere caricati delle testate) 24 ore su 24. Gli ufficiali della Forza Missilistica Strategica (la più prestigiosa delle forze armate sovietiche) operavano i centri di controllo del lancio assieme agli ufficiali del KGB, che mantenevano ciascuno il proprio canale di comunicazione riservato con Mosca. Di norma, 2 ufficiali KGB e 2 della Forza Missilistica controllano ciascun centro di lancio. Fino agli anni settanta nessuna testata nucleare era spiegata fuori dal territorio dell'URSS, poi ne sono state spiegate in Europa orientale, anche se non si sa esattamente da quando.

Già nel 1962 gli USA offrirono ai sovietici i meccanismi di controllo elettronici che erano in via di installazione nelle testate nucleari americane in Europa (i cosiddetti PAL: Permissive Action Links), ma i sovietici rifiutarono. Nel 1965 la Commissione presi­denziale sulla proliferazione (Commissione Gilpatric), suggerì al presidente Johnson che sarebbe stato nell'interesse degli americani insistere che i sovietici adottassero i PAL, ma senza esito. Ancora nel 1971, durante i negoziati sull'Accordo per le Misure per Preveni­re gli Incidenti (Accident Measures Agreement) gli americani of­frirono e i sovietici rifiutarono. In conclusione, gli USA non fornirono mai aiuti tecnologici per i sistemi di controllo nucleare sovietici.

Questo non vuol dire che i sovietici non fossero preoccupati dal pericolo di uso accidentale (non autorizzato o involontario). L'ambasciatore all'ONU Sobolev, già nel 1958 aveva espresso preoc­cupazione che i piloti dei bombardieri nucleari delle due super­potenze (che allora operavano di routine una forza in stato di allerta in volo) potessero fraintendere manovre della parte avversa come preparazioni ad un attacco. Il telefono rosso, installato dopo la crisi di Cuba, avrebbe costituito un primo passo per evitare malintesi a questo riguardo.

I sovietici comunque provvedettero ad installare lucchetti elettronici nelle loro testate. Nel 1984 un articolo del comandante delle Forze Missilistiche V.F. Tolubko e nel 1986 un articolo nelle Izvestiya, indicavano l'esistenza di meccanismi che "assicurano la sicurezza delle operazioni" e "escludono completamente la pos­sibilità di operazioni non autorizzate" tramite "equipaggiamento elettronico e computerizzato" e sistemi di "controllo a distanza automatico" negli ICBM. Lucchetti anche in tutte le armi tattiche assegnate all'esercito, ed anche qui il KGB esercitava controllo fisico e custodia.

I sovietici criticano invece la mancanza di tali strumenti negli SLBM e nelle armi nucleari tattiche navali americane. Il generale Chervov, Capo del Dipartimento Affari Esteri del Ministero della Difesa sovietico, nel 1989 dichiarava a chi scrive che i sottomarini e le navi da guerra sovietici invece i lucchetti li hanno, e che quindi dovrebbero ricevere via radio i codici di lancio (per i sottomarini, questo potrebbe voler significare la necessità di emergere). Anche in marina è stato finora importante il ruolo degli ufficiali politici di bordo nella procedu­ra di lancio, che richiede sempre l'intervento di più individui. L'ufficia­le politico era il respon­sabile con le autorità locali del sot­tomarino che si arenò sulle spiagge svedesi nel 1981.

Il controllo centralizzato del KGB è dunque sempre stato assoluto e centralizzato per tutte le testate. Nessuna possibilità quindi per eventuali truppe ribelli o appartenenti a repub­bliche secessioniste di impadronirsi dei codici. In ogni caso, la armi nucleari tattiche erano già state ritirate da oltre due anni dalle repubbliche caucasiche e baltiche (a seguito dei disordini etnici nel primo caso e della paventata secessione nel secondo).

Diverso il problema di una eventuale usurpazione di potere da parte di autorità golpiste, centralizzate sì, ma non legittime. Bisogna tenere presente che non basta solo sottrarre la valigetta al presidente per ordinare un eventuale lancio di missili. Anche il Capo dello Stato Maggiore Generale dovrebbe essere coinvolto, e così pure tutti i livelli della catena di comando subordinati, fino agli ufficiali di ogni singolo centro di controllo; non ultimi, gli ufficiali addetti alla comunicazione dei codici stessi. Inoltre, tutte le esercitazioni sono basate su procedure che comportano una "generazione" della forza in base a informazioni di avvistamento lontano (early warning), e sarebbe quindi difficile per una qualsiasi autorità, anche legittima, ordinare un'allerta e un lancio nucleare come "un fulmine a ciel sereno": i subordinati probabilmente non eseguirebbero. Tali procedure esistono del resto anche negli USA, e sono state create per prevenire un lancio di missili da parte di un presidente che, pur legittimamente eletto, potrebbe improvvisamente impazzire. Nel caso del golpe sovietico, è apparso subito che le forze armate non erano compatte dietro ai golpisti, e quindi sarebbe stato estremamente improbabile che un eventuale ordine di lancio sarebbe stato eseguito.

Inoltre, per quale motivo avrebbe dovuto l'Occidente preoc­cuparsi in modo speciale di un controllo nucleare da parte di un regime sovietico golpista? Forse che in quanto illegittimo avrebbe più ragioni di usarle o di minacciarne l'uso? E' evidente che in una situazione di stravolgimenti istituzionali che coinvolgono i militari di una potenza nucleare è necessario porre massima atten­zione ad eventuali cambiamenti nel comportamento usuale (stato di allerta, movimenti di testate, approntamento di lanci di prova, comunicazioni, ecc.). Così gli americani (e forse altri) hanno fatto, e non ci sono stati comportamenti anomali che abbiano suscitato motivi di preoccupazione.

Prospettive in URSS

Tratterò qui delle prospettive nel breve e medio termine dell'URSS alla luce degli eventi delle scorse settimane. Per prima affronterò la questione dei nuovi rapporti tra le repubbliche, quindi quella della nuova struttura istituzionale che si sta creando nel paese ed infine il problema delle riforme economiche. L'ordine non è casuale, ma dettato dal rapporto di dipendenza causale che lega le riforme alle istituzioni e queste, a loro volta, ai rapporti di forza tra le repubbliche.

Grande Russia

Nei rapporti di forza e di grandezza tra le repubbliche, qualunque sia l'unità di misura adottata, il predominio della Russia è schiacciante. Si nota anche la forte presenza etnica dei grandi russi anche nelle altre repub­bliche, dove vivono 25 milioni di russi, e segnatamente in Ucraina e Kazakhstan, le due più impor­tanti repubbliche dopo la Russia stessa. Si deve peraltro ricordare come questa superiorità numerica sia in rapidissima diminuzione, visto che i Russi (così come del resto tutte le altre etnie slave, soffrono di una crescita demogra­fica fortemente negativa. Basti ricordare a questo proposito come secondo alcune autorevoli stime, dati i tassi di fertilità indicati nel grafico, entro l'anno 2000 il 30% dei coscritti delle forze armate sovietiche proverranno dall'Asia centrale. Ulteriori studi compiuti dopo le stime ufficiali del 1986 portano quella percentuale fino al 45%-50%.

Sembra dunque che, a meno di una separazione politica dell'A­sia centrale, si vada verso un'URSS più realmente multirazziale e quindi meno russificata, non molto diversa dagli USA dopo le immigrazioni soprattutto dall'America latina (ma anche dall'Asia) che si sono assommate a quelle precedenti dall'Europa e dall'Africa. Gli USA stanno diventando rapidamente uno stato bilingue; la diversità tra le lingue asiatiche sovietiche impedirà la formazione di un equivalente sovietico dello spagnolo in America, ma la derussificazione è già cominciata da qualche anno e subirà un'accelerazione.

Anche le risorse produttive e naturali sono principalmente concentrate in Russia (anche se la rete di trasporto delle medesime attraversa anche Ucraina e Bielorussia). Dal punto di vista del reddito, la Russia è di gran lunga non solo la repubblica più ricca, ma anche la finanziatrice dei consumi di tutte le altre repubbliche (fatta eccezione per la Bielorussia, il cui contributo netto di risorse al resto dell'Unione è però quantitativamente di importanza marginale, e le ex-repubbliche baltiche).

Questa centralità russa si è riflessa anche nell'interesse degli investitori stranieri verso la Russia. Da non sottovalutare a questo proposito la perdita dei baltici, nei quali la quantità di società miste fondate era molto più significativa del loro peso relativo nell'economia dell'URSS.

Rapporti tra le repubbliche

Partendo da questa centralità russa, quali rapporti si potranno instaurare con le altre repubbliche? Una possibilità cui molti hanno dato credito è una struttura multi-bilaterale a ragnatela, che in pratica sarebbe stellare con la Russia al centro, e con i contatti orizzontali tra altre repubbliche ridotti a livello marginale.
Questa sarebbe però estremamente inefficiente e farraginosa per la gestione delle risorse comuni e indivisibili (rete fer­roviaria e gasdotti, oleodotti, centrali nucleari...). Per la divisione dei beni reali, come le riserve auree, i crediti (e i debiti) con l'estero, le flotte aerea e rotabile, le forze armate, ecc. eventuali calcoli di compensazione sarebbero difficilissimi. Inoltre, eventuali divisioni sarebbero fattibili solo al prezzo di enormi inefficienze, sia per la perdita di economie di scala, sia per la necessità che insorgerebbe di duplicare le infrastrutture ed i quadri oggi in comune. Sarebbe problematica anche la "divisione" dei rapporti economici con l'estero.

Il problema si pone innanzitutto con i paesi baltici. Questi rivendicano il diritto ad essere compensati per quanto danno il sistema sovietico ha loro procurato e per quanto hanno esportato verso il resto dell'unione dei loro prodotti di qualità relativa­mente più alta. Mosca controbatte che i baltici hanno usufruito di materie prime a prezzi politici. Ci sarà probabilmente un accordo per cancellare le rispettive rivendicazioni, così come è stato tra l'URSS e gli ex-satelliti del Patto di Varsavia.

In alternativa all'ipotesi multibilaterale, prevarrà probabil­mente la più realistica ipotesi confederativa, verso la quale i più recenti avvenimenti, soprattutto in materia di politica di sicurez­za, sembrano puntare. Di fatto comunque rimarrà un ruolo preponderante per la Russia.

Nell'immediato futuro, inevitabilmente fluido, molto dipende dall'atteggiamento di Eltsin: sin dai primi momenti del dopo-golpe, la sua scelta è stata tra il rimanere come capo del più forte stato di una confederazione, che potrebbe forse dominare in virtù di accordi bilaterali che non potrebbero mai essere paritari. In alternativa, egli potrebbe aspirare, forte della nuova statura pansovietica ed internazionale conquistata durante il golpe, a diventare il nuovo Capo dell'URSS. Alcuni suoi atti fanno sembrare che preferisca rimanere capo della Russia (vuole una guardia nazionale, ha "nazionalizzato" alla repubblica russa le fabbriche nel territorio, la Pravda, ha "acce­ttato" le armi nucleari dislocate sul territorio dell'Ucraina, ecc. tutti atti dettati dall'emotività del momento e di dubbia legittimità.

Più probabile che prevalga il realismo e quindi l'ipotesi con­federativa, d'accordo con Gorbaciov. Lo Eltsin statista, al contrario dello Eltsin rivoluzionario, non è ancora formato, non può reggere il peso dell'unione da solo, e probabilmente neanche il peso internazionale del post-URSS. Ha quindi bisogno di Gorbaciov.

Ma anche Gorbaciov ha bisogno del carisma e del sostegno popolare di Eltsin, che lui non ha più in quantità sufficiente. Eltsin potrebbe inoltre servirgli anche da capro espiatorio quando si tratterà, fra molto poco, di mettere da parte le bandiere ed i cartelloni e rimboccarsi le maniche. Ci si deve chiedere infatti, se potrà l'entusiasmo della rivoluzione di agosto reggere sufficiente­mente a lungo per far sopportare non tanto lo smembramento del paese, quanto le dislocazioni sociali ed i sacrifici che, ancora una volta, i popoli sovietici sono inevitabilmente chiamati a soppor­tare?

Futuro ruolo delle istituzioni

Al fallimento del golpe è corrisposta una svalutazione immediata degli organi di stato creati da Gorbaciov negli ultimi anni, senza libere elezioni ed ancora dominati dal PCUS. Primo fra tutti il Congresso dei Deputati del Popolo, che pure aveva significato un notevole passo avanti in termini di rappresentatività popolare politica, ma che aveva rivelato i suoi limiti: in primo luogo perché non era stato capace di legiferare le riforme, e poi perché non ha né evitato e neanche condannato il golpe. Anzi, il presidente Lukyanov lo aveva quantomeno favoreggiato. Alla diminutio politica Gorbaciov corrispondeva anche il declino degli organi da lui preposti a coadiuvarlo alla presidenza (Consiglio di Sicurezza e Consiglio della Federazione).

Tre nuovi organi provvisori sono stati creati, che dovrebbero governare fino all'elezione diretta della prossima legislatura, che questa volta sarà su liste multiple e senza quote prefissate per nessuno. Il Consiglio di Stato, presieduto dal Presidente dell'URSS e comprendente i 10 presidenti delle repubbliche che hanno accettato di farvi parte (tranne i Baltici, Moldavia e Georgia), che dovrà governare gli affari inter-repubblicani. Il Comitato Economico Inter-repubblicano, costituito da rappresentanti delle repubbliche per la gestione delle riforme economiche. Il nuovo Soviet Supremo, bicamerale, formato da un consiglio delle repubbliche (20 rappresentanti per repubblica) e da un Consiglio dell'Unione (membri eletti da distretti di pari popolazione su tutto il territorio dell'Unione) che fungerà da legislatore.

I prossimi mesi diranno se queste istituzioni si consolideranno o se seguiranno il destino delle molte altre inaugurate negli ultimi due-tre anni ma poi arenate e disciolte sulle secche dell'inerzia burocratica prima di poter sortire effetto alcuno (e prima delle elezioni libere).

Il partito è stato stroncato, ma è probabile una qualche forma di partito socialista si riformerà presto, soprattutto tra i "perdenti" della ristrutturazione che potranno presto contare sull'appoggio di almeno una parte di quanti soffriranno delle dislocazioni inevitabili con le riforme.

Diminuito anche il ruolo politico delle Forze Armate, che si appoggiavano al partito, con cui erano tutt'uno. Il complesso militare-industriale (forze armate e industrie della difesa) rimane comunque un importante centro di potere, anche perché dovrà co-gestire la riconversione industriale. Il prestigio popolare coltivato per decenni sulla gloria della Grande Guerra Patriottica non si è eroso con la mezza complicità nel golpe; anzi ci si rende conto che è stato proprio grazie ai militari che non si sono associati al golpe che questo è fallito. Inoltre per l'URSS (o Russia o cos'altro) rimangono potenziali minacce militari concrete. Oltre alla potenza dei paesi NATO, rimane la Cina (cui si potrebbe risvegliare l'appetito riguardo alla Mongolia), potenzialmente l'Iran (specialmente se vanno in ebollizione i popoli centro-asiatici) ed in prospettiva il Giappone. Con l'inevitabile fine dell'accesso privilegiato alle risorse, è probabile una gestione più pragmatica e meno settaria delle forze armate. Dovrebbe essere imminente la nomina di un civile a ministro della difesa.

Anche nel caso del KGB la simbiosi con il partito era la sorgente del potere. A differenza del partito, tuttavia, è però ovvio che un servizio segreto dovrà pur riformarsi in tempi rapidi, anche se sarà diviso e quindi più debole. Già decisa la divisione tra responsabilità interne ed internazionali (all'occidentale), il KGB è stato anche già privato delle forze armate autonome (che erano ufficialmente truppe di frontiera ma potevano essere usate anche per scopi diversi). Gli sarà anche tolto il controllo delle testate nucleari, che passerà, anche qui secondo quanto avviene nelle potenze nucleari occidentali, alle Forza Armate interessate e sottoposte al comando dell'autorità civile.

Implicazioni per l'Occidente

Aiuti occidentali all'URSS

È necessario distinguere tra aiuti d'emergenza, per superare la possibile carestia di quest'inverno, e aiuti strategici, per aiutare il paese a porre le basi per una crescita duratura. Quanto ai primi si parla essenzialmente di aiuti alimentari (difficile pensare di dover aiutare il maggior produttore mondiale di energia a superare un inverno freddo, e neanche si può pensare, nell'immediato, di aiutarli a portare i gasolio dalle raffinerie alle case!). Questi saranno utili forse come palliativo nel breve termine, ma certamente non decisivi. Oltre un certo limite, che non è facile definire, potrebbero addirittura essere controproducenti, per esempio se porteranno ad una diminuzione del reddito del settore agricolo, che dovrà essere il motore principale della ripresa sovietica. Accanto ai sacchi di grano, sarebbe forse più utile inviare strutture di trasportatori e tecnici specialisti agroalimentari per aiutare i sovietici a raccogliere, trasportate, conservare e non far deperire i raccolti. E' cosa nota che di norma in URSS si spreca fino al 30% circa dei raccolti, più di quanto non se ne importi dall'estero. Per esempio, la produzione di grano dovrebbe essere quest'anno intorno alle 250 milioni di tonnellate, ma si stima che meno di 200 milioni saranno effettivamente utiliz­zabili; le stime delle importazioni sono nell'ordine delle 40 milioni di tonnellate, ma destinate ad aumentare a causa dell'accaparramento generalizzato che si sta verificando in tutto il paese.

L'idea di Delors, appoggiata dalla Francia, di finanziare acquisti sovietici di grano dall'Europa orientale potrebbe essere buona, ma chiarendo che si tratterebbe di una una tantum eccezionale per quest'anno, altrimenti si rischierebbe di dover istituzionalizzare i sussidi all'agricoltura dell'ex-Comecon, anche qui con pericolo di inibirne la ristrut­turazione.

Per quanto concerne gli aiuti "strategici" le cose stanno diversamente. In molti in occidente, e tra questi il nostro ministro degli esteri De Michelis, dicono che il golpe prova due cose: in primo luogo, che gli occidentali sono stati troppo cauti negli aiuti in passato, e che per questo motivo l'URSS è andata vicino alla catastrofe. I paesi in­dustrializzati dell'Occidente dovrebbero ora avere imparato la lezione ed essere più pronti a spendere e a rischiare. Questa asserzione si basa sul postulato, difficile da dimostrare, che maggiori aiuti, per esempio dal G7 di Londra, avrebbero impedito il golpe, che era stato invece preparato da molto tempo e per motivi ben più fondamentali che non la mancanza di aiuti occidentali.

Secondo, De Michelis sostiene che la perestrojka sia ormai irreversibile e che quindi bisogna iniettare risorse nell'economia sovietica e rischiare insieme a loro (fare cioè una "joint-venture come avventura comune" ha detto traducendo liberamente dall'inglese il ministro), altrimenti sarebbe troppo facile arrivare dopo, quando le riforme sono già consolidate, solo a raccogliere i frutti. Questa posizione si fonda sull'assunto che gli occidentali debbano in qualche modo "meritarsi" oggi l'accesso all'Eldorado che l'URSS rap­presenterà quando le riforme avranno sortito il loro effetto. Ma sarà proprio allora che i sovietici avranno maggiore bisogno delle risorse occidentali, che potranno mettere a buon frutto, non prima. Questo momento potrebbe essere, col crollo dei cardini del sistema pianificato, molto più vicino di quanto non potesse sembrare due mesi fa. Si può anzi sostenere che fino ad ora quegli aiuti che sono arrivati hanno contribuito a mantenere artificialmente in vita il vecchio sistema malato e quindi a ritardare le riforme.

In ogni caso, più che di risorse l'URSS ha bisogno di conos­cenze tecnologiche e soprattutto organizzative e manageriali, delle quali manca completamente. Anche i pochi settori dove la tecnologia sovietica è all'avanguardia (per esempio nello sfruttamento dello spazio, che gli occidentali potrebbero usare a fini commerciali nel breve termine) non sono stati sfruttati economicamente come potreb­bero per mancanza di imprenditorialità.

L'URSS (a differenza degli altri paesi ex-comunisti o di quelli in via di sviluppo del terzo mondo) dispone di ricchezze nazionali in abbondanza. Molti economisti sovietici lo ripetono da anni. Queste ricchezze sono immediatamente disponibili alla dirigen­za del Cremlino (russa o sovietica che sia) e a quelle delle repubbliche in varie forme. Prima di tutto come risorse naturali petrolio, gas, la cui produzione è in calo ma sempre elevata e che potrà aumentare rapidamente appena si creeranno le condizioni legislative per favorire il coinvolgimento delle industrie occidentali nell'esplorazione e nell'estrazione. Il risparmio energetico, tramite una più realistica politica dei prezzi, potrebbe inoltre far diminuire l'intensità energetica della macchina sovietica, rendendo maggiori quantità di idrocarburi disponibili per l'esportazione.

In retrospettiva, gli sviluppi nell'industria dell'energia rivelano come sia stata giusta la scelta europea, contro le obiezioni americane, di favorire l'allargamento della rete internazionale di idrocarburi provenienti dall'URSS come strumento per spingere il paese verso l'interdipendenza economica. Oggi l'URSS non può, qualunque sia il suo regime, fare a meno di vendere idrocarburi all'Occidente, e l'ipotesi americana di un ricatto politico con la minaccia di chiudere i rubinetti fa solo sorridere. In generale, gli europei rimangono i più forti investitori anche se ora, con la probabile definizione della disputa sulle Curili, verranno fuori i giapponesi.

In secondo luogo, l'URSS dispone di ricchezze sotto forma di beni di proprietà dello stato che sono sottoutilizzati da decenni (prima di tutti la terra nel settore produttivo e le case in quello privato) che potrebbero essere venduti ai privati, sia stranieri che locali (in quest'ultimo caso si otterrebbe anche il risultato di ridurre l'attuale eccesso di liquidità e quindi la pressione inflazionistica nel paese). Non è possibile stimare con esattezza gli introiti che deriverebbero da una massiccia vendita di tali beni, ma sarebbero sicuramente enormi.

Infine l'URSS potrà attingere risorse dalla riconversione dell'industria bellica, anche se non nel breve termine. La conver­sione è nella maggior parte dei casi costosa e quindi economicamente inefficiente, può essere infatti più costosa della costruzione di impianti civili da zero. Inoltre è costosa anche in termini sociali (dislocazione del corpo ufficiali e immissione sul mercato del lavoro dei coscritti, necessità di costruire abitazioni, ecc.). Con il ritiro dall'Europa orientale, le riduzioni negoziate nel CFE e quelle unilaterali, la probabile riduzione della ferma di leva, si possono stimare almeno 300.000 ufficiali (con annessi 600.000 familiari) e forse 1 milione di soldati.

Anche privatizzare l'industria "militare" (cioè sotto il controllo dei ministeri militari) che rimarrà (oggi occupa il 35% della manodopera) potrebbe portare a maggiori efficienze, anche se bisogna considerare che già oggi il 40% della produzione controllata dai ministeri dell'industria bellica è destinata al mercato civile (secondo i piani questa percentuale dovrebbe salire al 60% entro il 1995): dunque il cambiamento sarà importante ma non decisivo.

Dare troppo peso alla potenzialità della riconversione equivale a dare credito alla politica reaganiana di mettere l'URSS alle corde. Invece l'URSS ha cominciato a cambiare dopo che Reagan, a partire dal 1985, aveva assunto un atteggiamento più conciliante. Nel 1985 anche Gorbaciov al potere, ma è difficile dimostrare che avrebbe potuto far passare la sua politica estera distensiva se Reagan avesse continuato a parlare dell'URSS come "l'impero del male".

Riassumendo, a parte gli aiuti d'emergenza alimentari, gli aiuti occidentali devono essere di carattere più strategico e devono consistere più nel trasferimento di conoscenze tecnologiche e manageriali che non di risorse economiche e finanziarie. Un ulteriore allentamento dei controlli COCOM sembra indispensabile, anche se non sarebbe utile esagerare con l'ebbrezza da tecnologia che spesso ha colto paesi di rapida industrializzazione che hanno sperperato risorse per comprare tecnologie che poi non sapevano assorbire, duplicare o disseminare internamente. Comunque, sarebbe sbagliato aumentare gli aiuti senza insistere nelle riforme, unica garanzia del risanamento dell'economia e quindi di stabilità futura. La volontà politica di farle c'è, ma non sarà facile, e bisognerà vedere se il prestigio politico di Eltsin e l'entusiasmo generato dalla nuova garanzia di libertà saranno sufficientemente duraturi da far sopportare i duri e protratti sacrifici.

In conclusione, l'Occidente negli ultimi anni ha pensato che fosse più importante un'URSS accomodante sul piano internazionale con la quale fare accordi di disarmo e risolvere conflitti nel terzo mondo che un'URSS economicamente riformata e decisamente avviata sulla strada della democrazia al proprio interno.

Da qui la conces­sione di crediti governativi in misura sempre crescente (vedi Figura 9) anche se Gorbaciov, ai grandi accordi internazionali, non poneva le premesse per una riforma efficace. Questi soldi sono stati quindi sprecati, e hanno anzi probabilmente contribuito a prolungare l'agonia del sistema stalinista. Lo stesso non hanno fatto i privati, che a partire dal 1990 hanno ridotto drasticamente gli investimenti.

Invece, da quando è apparso chiaramente che a)la ristrut­turazione economica aveva fallito lo scopo di far funzionare il sistema socialista (1989-1990) e b) c'era un'alternativa al comunis­mo (già forse dal 1989 con Eltsin eletto al Congresso col 90% dei voti, ma certamente dal 1990 quando è stato eletto alla presidenza del Soviet supremo russo contro il parere ed il candidato del partito comunista, e platealmente dall'aprile 1991 quando è stato eletto liberamente e direttamente dal popolo a presidente della Russia), alcuni hanno sostenuto che Gorbaciov avesse compiuto il ciclo della sua opera storica e che l'Occidente democratico avrebbe dovuto sostenere i democratici in URSS.

Infatti, un'URSS conciliante sul piano internazionale ma destabilizzata all'interno può essere più pericolosa per la sicurezza internazionale di un'URSS più forte internazionalmente ma stabile internamente. Questo perché nel primo caso più facilmente potrebbe coinvolgere l'Occidente, e soprattutto l'Europa, in un conflitto che magari potrebbe cominciare come guerra civile o inter-etnica.

Sicurezza europea

Nel campo del controllo degli armamenti, ora è il momento di insistere nel processo cominciato degli anni passati, anche se l'argomento sembra marginale. Bisogna creare una gabbia dalla quale l'URSS, la Russia e quali altri successori potessero crearsi (ma anche gli altri paesi ex-satelliti) non saranno più in grado di uscire. In primo luogo, è necessario far pressione affinché tutti gli stati neo-indipendenti aderiscano al Trattato di Nonproliferazione Nucleare. Questa gabbia avrebbe anche l'effetto, collaterale ma non secondario, di contenere anche eventuali future tentazioni nazionalistiche da parte delle superpotenze emergenti dell'Occidente, ed in primo luogo la Germania ed il Giappone.

Allo stesso tempo, occorre evitare facili entusiasmi sulla scomparsa della minaccia. Non si tratta di avere o meno fiducia nelle inten­zioni pacifiche dell'attuale dirigenza sovietica (o russa), ma di cautelarsi verso possibili cambiamenti di dirigenze future che avranno comunque a loro disposizione opportunità e capacità militari enormi. Inoltre, in caso di successo delle riforme, in 15-20 anni l'URSS (o la Russia) potrebbe essere anche una nuova superpotenza economica, quindi con accresciute capacità di influenzare la politica internazionale. Quindi è necessario continuare con il rafforzamento delle strutture politiche di sicurezza europea (CSCE, integrazione della difesa europea occidentale) in parallelo al procedere degli accordi di disarmo.

Garanzie di sicurezza all'Est europeo

La questione non è accademica, potrebbero ripresentarsi pericoli da contrasti locali, per questioni di confine o di minoranze. Non abbiamo dato garanzie agli europei dell'Est per 45 anni perché sapevamo sarebbe stato un bluff; sono stati irresponsabili quelli che lo hanno detto o fatto capire (come gli USA nel 56 al tempo di Nagy in Ungheria). Non sarebbe diverso molto oggi, non possiamo fare la guerra con l'URSS se, per ipotesi probabilmente assurda, dovesse invadere nuovamente gli ex-satelliti. Sarebbe un "bluff" pericoloso e controproducente, e potrebbe instigare a destabilizzanti rivendicazioni nazionali, territoriali e non.
Inoltre, in un'ipotesi di garanzia estesa, per esempio da parte della NATO, bisognerebbe proteggere tutti contro tutti, e non solo tutti contro i sovietici. Il compito si complicherebbe: cosa fare in caso di scontri tra Ungheria e Romania? Tra Ucraina e Romania? Tra Ucraina e Cecoslovacchia? Tra Polonia e Lituania? La lista potrebbe continuare.

A questo proposito sarebbe meglio essere chiari subito, magari discretamente e privatamente, perché molti stati dell'Europa dell'Est (che si vogliono in qualche modo eufemisticamente promuovere di classe chiamando la regione "Europa centro-orientale", compresi i Baltici) probabil­mente prima o poi lo chiederanno.
Bisogna invece insistere nella CSCE, che include l'URSS stessa e includerebbe i suoi successori (o almeno quelli europei): prima dell'Europa orientale, sono infatti proprio i popoli ex-sovietici che bisogna pensare di difendere da un ancora possibile ritorno di fiamma repressivo.