15 September 2018

Suzhou colazione, seta e perle

Al nostro albergo scendiamo per colazione ed un bel tavolo accanto ad una luminosissima finestra sul giardino è libero. Facciamo per prendere posto ma arriva un cameriere che ci dice che il tavolo è riservato, così come un altro tavolo accanto. Sono i due più bei tavoli del ristorante. Io/ mi sarei pure accomodato altrove, ma naturalmente Lifang non accetta la spiegazione, insiste e alla fine il manager cede e ci fa accomodare al tavolo.

Mentre facciamo colazione noto che almeno una dozzina di altri clienti dell'albergo provano a sedersi al tavolo con vista n.2, accanto al nostro, ma vengono tutti cortesemente allontanati dal manager. Nessuno osa contraddirlo come ha fatto Lifang. Sono fortunato ad averla come moglie, per tanti motivi, cui oggi si aggiunge quello di poter fare colazione al miglior tavolo dell'albergo! E comunque, durante l'ora abbondante in cui ci siamo gustati l'ottima colazione al buffet, nessun cliente con la "prenotazione" si è presentato al tavolo accanto al nostro, che è rimasto vuoto. E nessuno, manco a dirlo, ha reclamato una prenotazione per il nostro, di tavolo! Chiaramente era una finzione, non c'erano prenotazioni.

Probabilmente il manager tiene i due migliori tavoli liberi senza prenotazione, in caso si presentasse qualche cliente notabile, qualche suo superiore, oppure, verosimilmente, un dirigente del partito comunista. Non ho prove di questo, ma so che succedeva spesso nei paesi comunisti dell'Europa orientale. Ai ristoranti come al teatro, qualche posto veniva tenuto libero per i grandi capi, just in case...

Solo vero la fine dell'orario di colazione, mi pare fossero le 10.30, quando il buffet stava per chiudere, ad una coppia di tedeschi ritardatari fu acconsentito di sedersi all'agognato tavolo con vista vicino alla finestra!

Oggi saliamo su un piccolo bus per fare un giro guidato della città. Non è il mio modo preferito di viaggiare ma abbiamo poco tempo e per una prima infarinata della città si può fare.

Prima fermata al "Lingering Garden". Giardino tradizionale cinese ben curato e preservato con strutture in legno e sculture in bronzo di notevole interesse.



Ripartiamo per il fiume e sul bus la guida parla ininterrottamente per 45 minuti. Nessuno lo ascolta, tutto sono presi a chiacchierare o guardare i loro telefonini, ma pare qui sia usanza - mi è capitato varie volte -  che la guida comunque parli senza pause, soprattutto per fare pubblicità a prodotti commerciali. Ogni tanto fa qualche osservazione sulla vita di coppia (mi traduce Lifang) si come vivere serenamente insieme per tanti anni. Non so come faccia, quasi non respira, parla velocissimo senza pause per tre quarti d'ora.

Anche sulla barca, stessa cosa. Una guida che accende la bocca e non la spegne per tutto il tragitto, cercando di vendere qualche cartolina o souvenir che fa vedere e poi lanciando qua e là alcuni patetici aneddoti sulla città, che Lifang mi traduce ma che risparmio al lettore! Qualche volta fa una risatina per le sue proprie battutine, ma nessuno dei passeggeri reagisce in alcun modo.

Mentre scendiamo un funzionario della compagnia di navigazione, con tanto di mostrina che legge, a scanso di equivoci in inglese, "Chinese Crew", come se qualcuno potesse avere dubbi, cerca di venderci mazzi di carte da poker. Vai a capire.

Ci fermiamo per pranzo in un ristorante sulla strada. Un grande locale pieno di locali e turisti cinesi, mentre non si vedono stranieri. A giudicare dai profumi che provengono dalle cucine dovremmo mangiar bene. Ordiniamo un menù completo da 35 Rmb, ma la cameriera ci dice che non c'è più, esaurito. Invece ce ne propone un altro da 108 Rmb. Lifang naturalmente sente puzza di bruciato, ci sono quintali di cibo ti tutti i tipi che escono dai pentoloni, stanno solo cercando di farci spendere di più, e ce ne andiamo. A pochi passi c'è un altro ristorante, simile, e qui prendiamo un menù da 35 Rmb. Infatti i cibi sono identici al precedente, forse sono la stessa azienda. Riso con ortaggi vari ripassati al wok e un pezzo di maiale all'osso in salsa appena piccante, ottimi!

Il "museo" della seta in realtà, manco a dirlo, è un meganegozio. Ci fanno una dimostrazione di alcuni minuti su come si coltivano i bachi e su come si tesse la seta, e  poi via al negozio a cercare di vendere. Bellissimi Copri-piumino, lenzuola e federe per cuscino in seta liscissima, molto invitanti, tra i 4.000 e gli 8.000 Rmb. Se compri il copri-piumino ti regalano il piumino!

I prezzi non sarebbero male se confrontati all'Europa, ma Lifang decide di non comprare. Potremo acquistare online, sui siti per grossisti, risparmiando e con consegna a casa nostra! Il commercio online ha decollato alla grande in Cina, anche se i siti sono spesso solo in cinese d dunque non ancora mirati ad una clientela straniera.

Stessa cosa alla vicina "fabbrica" di perle. Cinque minuti di presentazione dell'allevamento delle ostriche perlifere e della loro lavorazione e poi via ai banchi dell'immenso negozio, che si sviluppa su vari piani.

Perle per gioielli di colore bianco, grigio e persino oro. Poi creme di perla per la pelle, maschere facciali per rendere liscia la pelle a base di perla, polvere di perla (non mi ricordo a che serviva) e per finire... dentifricio di pasta di perla! Con la madreperla invece tanti oggetti, quello che più mi ha colpito è un cucchiaio per massaggiare.

No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.