22 August 2004

27° g - 22 AGO: Hiva Oa, escursione in auto a Lipona

Affittiamo una 4x4 (13.000f + benzina) per la giornata e partiamo per Puamau, con l'obiettivo di visitare l'importante sito archeologico dei Tiki marchesani. La strada è per la prima metà buona, poi degenera gradualmente fino a divenire francamente pericolosa: completamente scassata, tornanti strettissimi a precipizio sul mare, nessuna protezione sul ciglio, frane e smottamenti, profondi canali lasciati dai veicoli e dal flusso dell’acqua piovana, vere e proprie voragini, ecc. ecc. La percorriamo quasi tutta in 1a e 2a marcia, ci mettiamo tre ore piene a fare 40km circa. Consiglio massima prudenza e magari prendere un autista in caso di brutto tempo, o lasciar perdere.

Il sito di Lipona però ripaga della fatica, impressionante, suggestivo, mistico direi. I tiki li ha descritti bene Ambrogio Borsani nel suo libro Addio Eden. Le isole Marchesi in un viaggio alla ricerca di Melville, Stevenson, Gauguin, London, Brel e altri:  «Le statue dell'isola di Pasqua sono impressionanti per la quantità, ma sono ripetitive. I tiki di Puamau  hanno l'impronta delle forme originali, quelle da cui deriva tutto. Hanno il fascino dell'archetipo.».

Anche la spiaggia di Puamau, con sabbia nera, è piacevole per un bagno ristoratore prima di intraprendere la via del ritorno, un po' meno paurosa dell'andata perché la parte più ripida stavolta è in salita.

Cena da Snack Kaupe (2000 f) in centro, discreto.


No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.