22 December 2002

5° g - 22 DIC: da Agra a Orchha

Partenza per Orchha, da qui e per tutto il resto del viaggio la strada va via via peggiorando e le medie scendono. Sosta a Gwalior, con molteplici spunti di interesse architettonico. Anche qui difficile vedere tutto, noi abbiamo girato con calma il palazzo e i templi in cime alla collina e non siamo andati in città.

Avendo qualche giorno in più a disposizione consiglio certamente di passare tutto il giorno qui, restare a dormire e ripartire per Orchha l’indomani. Breve deviazione dalla strada statale ed ulteriore sosta al complesso di templi di Sonagir, dove non incontriamo i monaci Jain “vestiti d’aria” che pare si ritrovino qui solo a Marzo. Il complesso di templi è comunque interessantissimo. Qui, eccezione che conferma la regola, Lakhan Rajak (tel 262523) è un ragazzo “guida” che ci ha raccontato un po’ di frottole ma per 100 Rupie per tutto il gruppo almeno ci ha fatto risparmiare tempo indicandoci la strada tra i meandri dell’ashram delle vedove e su e giù per i templi. Si può comunque fare da soli.

Scelta limitatissima di Hotel, noi siamo stati al Betwa Cottages, statale, solo sufficiente nonostante gli sforzi del giovane gestore. Avvertendolo per tempo e non arrivando tardi organizza un fuoco in giardino dove passare qualche bella ora dopo cena. Abbiamo cenato bene, ma senza alcolici, in albergo. Attenzione, non accetta dollari o carte di credito.

Volendo spendere qualcosa in più si potrebbe dormire nel palazzo di Jahangir nell’Hotel Sheesh Mahal, camere a partire da 590 Rp (13 dollari), circa il doppio di dove stavamo noi, ma secondo me ne vale la pena, dormire nel palazzo storico del Grand Moghul!! Io non ne ero informato o lo avrei proposto.

No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.