16 June 2013

Film review/recensione: Vicky Cristina Barcelona (2008), by Woody Allen, *****

testo italiano di seguito

Synopsis

Woody Allen writes and directs this romantic comedy drama, his fourth consecutive film to be shot outside the United States. When two young American friends, Vicky (Rebecca Hall) and Cristina (Scarlett Johansson), spend a summer in Barcelona, they both become infatuated with flamboyant artist Juan Antonio (Javier Bardem). Things are further complicated when Juan's emotionally unstable ex-wife Maria Elena (Penelope Cruz, in an Oscar-winning performance) reappears on the scene, and chaos soon reigns as the characters become amorously entangled to varying degrees.


Review

This is a great movie in the long string of Allen productions on the meaning of life (or lack thereof) and soul searching. In my view the main point can be summarized as follows: can only unfulfilled love be romantic? Is complete, fulfilling love destined to inevitable demise? Intriguing if somewhat disconcerting. We all look for love, and there is inescapable tension in the process. That is what produces romance. Once we get there, things start to turn routine, normal, and the spark is killed. That was not the plan of course, but what was the plan? What is is that we want from life? Do we need to know? Does it matter? Not really, Allen seems to suggest. "Whatever works", the title of a previous great movie, is good for us. Better to take advantage of what life has to offer and go for it. Avoid falling into easy comfortable traps, like money and an established, conformist lifestyle, because that makes for a boring life.

In the UK buy it here


In the US and worldwide




recensione italiana

Sinossi

Vicky e Cristina sono buone amiche anche se hanno visioni completamente differenti dell'amore. Vicky è fedele all'uomo che sta per sposare e ancorata ai propri principi. Cristina invece è disinibita e continuamente alla ricerca di una passione amorosa che la sconvolga. Vicky riceve da due amici di famiglia l'offerta di trascorrere una vacanza in casa loro a Barcellona durante l'estate e propone a Cristina di accompagnarla...Ma un uomo interviene ed interferisce con i loro piani.


Recensione

Gran bel film nella lunga serie di lavori di Allen sul significato della vita (o sulla mancanza dello stesso) and sulla ricerca interiore. Per me il punto centrale del film può essere sintetizzato come segue: possibile che solo l'amore non completamente appagato possa essere romantico? L'amore pieno è destinato inevitabilmente alla decadenza? Interssante anche se decisamente sconcertante.

Tutti cerchiamo l'amore, e c'è una tensione inevitabile nel processo. Questo è ciò che produce il romanticismo. Appena otteniamo quello che cerchiamo però, le cose cominciano a cambiare, a diventare normali, routinarie, e la scintilla iniziale muore. Non è quello che ci aspettiamo naturalmente, ma ci possiamo fare qualcosa? Cosa vogliamo allora dalla vita? Che importanza ha volere qualcosa di chiaro e definito, sapere che obiettivi porsi nelle relazioni con le persone care? Allen sembra suggerire che non ha molta importanza. "Basta che funzioni", come dal titolo di un altro gran bel film del regista. Meglio approfittare di quello che la vita offre ed evitare di cadere nella trappola del perbenismo, degli standard prefabbricati, e seguire il nostro istinto. Questo è l'unico modo di rimanere vivi ed evitare la noia.


No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.