14 November 1991

Incontro con O, politologo russo

Il centro sovietico è un ostacolo alle riforme. Per esempio, è irresponsabile continuare a stampare moneta 24 ore su 24 solo per finanziare (invece di curare) il deficit di stato, provocherà iperinflazione.

I prodotti agricoli spesso sono disponibili ma non raggiungono il mercato, le autorità locali sono deboli, non riescono a farsi rispettare dai produttori che preferiscono usare le merci per baratti, visto che il denaro è sempre più insignificante.

Oggi è utile solo un aiuto umanitario dall'Occidente, non altro. Il problema è la distribuzione, dovrebbe essere controllata direttamente dai donatori o saranno dispersi. Crediti finanziari sarebbero sprecati, non ci sono ancora le premesse di una efficace riforma economica.

Il centro sovietico potrebbe rimanere, ma con funzionalità minime: armi nucleari strategiche, coordinamento monetario, linee generali di politica economica, e relazioni economiche esterne. Gorbaciov insiste su una vera e propria politica economica interna comune, ma non è possibile, sta perdendo tempo.

Problemi ad una separazione pacifica dell'Ucraina. I confini attuali sono arbitrari, la Russia non li accetterà. L'Occidente deve essere cauto, non è stata una buona idea che la Turchia abbia "riconosciuto" l'Azerbaijan.

A febbraio organizzerà una conferenza internazionale sulla cooperazione tra i nuovi stati sovrani ex-sovietici, e richiederà l'apporto di esperti stranieri; ci farà sapere se ci può invitare come istituto italiano (IAI).

No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.