18 September 2009

Recensione: Taqiyya, Alla Scoperta dell'Iran, di Alessandro Pellegatta, ****

Sinossi
Nella tradizione islamica taqiyya significa "paura, stare in guardia, circospezione, ambiguità o dissimulazione" e ha indicato storicamente la possibilità per gli sciiti di rinnegare esteriormente la fede per sfuggire alla persecuzione sunnita. E da qui che parte questo viaggio in Iran, un Paese sospeso tra passato e presente, crocevia di culture e luogo d'origine di imperi millenari, ritenuto un Paese poco sicuro e troppo integralista.

Ma quando la taqiyya si dissolve, riemerge il vissuto profondo, il ricchissimo patrimonio artistico, culturale, umano ed etnografico di un paese unico al mondo, che l'Occidente non può continuare ad ignorare, mostrando i pregiudizi e le false prospettive dell'oggi. Il libro è un reportage sulla Persia che guida il lettore attraverso un'esperienza di viaggio in un mondo affascinante, dove cultura, arte, architettura e archeologia rappresentano una miscela stimolante.

Recensione
Pellegatta ci racconta il suo viaggio in Iran nel 2008. Ma ci racconta molto più che il suo viaggio, la narrazione del quale comincia solo a pagina 52! L'autore infatti fornisce con dovizia di particolari informazioni sulla politica, la storia, la società del paese. Uno dei pochi libri di viaggio su questo paese, almeno in italiano, che si preoccupi di arricchire il bagaglio culturale del lettore per metterlo meglio in condizione di capire il paese.

Tutto questo Pellegatta lo fa con passione anche se non con sufficiente sistematicità. A volte si è un po' sballottolati da un paragrafo politologico ad un racconto di una passegiata, entrambi interessanti ma non sempre ben abbinati.

Anche se la situazione nel paese è in movimento, ed il libro si ferma agli eventi del 2009, lo consiglio vivamente a chi vuole andare un po' al di là degli stereotipi giornalistici su questo paese abitato da un popolo straordinario.

Utili le appendici, fattuali e di facile consultazione, e la bibliografia per chi abbia voglia di andare oltre.

No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.