22 March 2009

Le mante di Donkalo, atollo di Ari, Maldive

Questa mattina ci svegliamo prima dell'alba, siamo tutti subacquei e, per sfruttare al meglio i pochi giorni a disposizione, buttiamo giù il primo caffè all'alba e poi subito in acqua per la prima di quattro immersioni della giornata. Siamo su una delle pass di Ari, i canaloni sommersi dove, con le maree, l'acqua entra ed esce dall'atollo all'oceano, apportando ossigeno e nutrimento e asportando detriti e scorie. Le mante approfittano delle fortissime correnti che le maree generano nelle pass per attendere al varco i piccoli organismi che costituiscono il loro nutrimento.

L'entrata in acqua oggi si presenta complicata, dopo il tuffo la marea ci farebbe allontanare immediatamente dalla barca d'appoggio e quindi bisogna saltare con macchine fotografiche e torce in mano, non c'è possibilità di farsele porgere come al solito dall’equipaggio. Saltiamo giù dalla barca in rapida successione, con il giubbetto completamente sgonfio per minimizzare il galleggiamento. Ci buttiamo in acqua con Luca con un «passo del gigante», in pratica un ampio passo in avanti effettuato con le gambe tese, direttamente dalla murata della barca. Una tecnica di entrata in acqua che si usa quando non è possibile praticare la classica capovolta all’indietro dal bordo di una piccola barca o di un gommone. Imitiamo un po’ i lanci dei paracadutisti da un aereo, e via subito giù immersione rapida per guadagnare nel minor tempo possibile il fondo della pass, in una lunga fila indiana di silhouette nere nell'acqua che si fa rapidamente scura, fino a venticinque metri di profondità, senza farsi portar via dalla corrente. Ovviamente abbiamo aspettato la marea entrante, ricca di nutrimento, che attira le mante. Ed inoltre più sicura, infatti se si viene portati via comunque si finisce dentro l'atollo e non in oceano aperto, dove il recupero sarebbe molto più problematico.

Bisogna pinneggiare poderosamente per contrastare la corrente e raggiungere nel punto prestabilito il fondo di sabbia bianchissima, quindi trovare un macigno dove fermarsi ed attendere le mante, agganciandoci con lo speciale uncino che abbiamo legato al giubbetto idrostatico, per formare una specie di trapezio e restare sospesi come aquiloni, senza sforzo, nella corrente.

Oppure semplicemente incastrando le pinne tra un masso e l’altro. Passano i minuti e stiamo lì a guardare in avanti verso il blu, fermi. Solo le colonne di bolle d'aria movimentano la scena. Non c'è che da aspettare, con l’occhio che salta dal manometro delle bombole, con l'ago che comincia a scendere, al computer, con i limiti di permanenza che si avvicinano.

Fortunatamente, in questa situazione piuttosto precaria e faticosa, non dobbiamo aspettare molto. Dopo qualche minuto ecco le mante! A piccoli gruppi di una mezza dozzina di esemplari, arrivano controcorrente, scivolando immobili, senza il minimo sforzo apparente, a qualche metro di altezza dal fondo. Hanno la bocca aperta a dismisura per catturare i piccoli animaletti che nuotano in corrente, si vedono chiaramente la gola e i due grandi rastrelloni di branchie in fondo alla cavità orale. Sicurissime di sé, evidentemente non si sentono minacciate e si avvicinano fino a sfiorarmi la testa. Faccio fatica ad inquadrare con la macchina fotografica, anche con un grandangolare spinto le grandi ali escono dall'inquadratura. Non c'è niente di peggio di una foto di un animale con le estremità tagliate fuori dal fotogramma.

Cerco di spostarmi per mettermi in posizione migliore per fotografare ma è difficilissimo con questa corrente. Devo reggere con una mano sola la macchina fotografica, già appesantita dalla scafandratura, e resa ancora più goffa e ingombrante dal grande flash esterno appeso alle staffe, mentre l'altra mano cerca di restare aggrappata alla roccia sul fondo. Inquadrare questi simpatici animali in movimento e sistemare zoom, apertura del diaframma, velocità dell'otturatore ed angolazione e potenza del flash richiede ripetute acrobazie e non poche goffaggini, ma alla fine riesco a produrre qualche scatto azzeccato. Tutto in modalità manuale. Infatti anche nell'era digitale sott'acqua ci sono valutazioni che si fanno meglio ad occhio che con gli strumenti. I movimenti delle mante sono abbastanza imprevedibili, quindi meglio trovare un buon punto ed aspettare che si avvicinino loro, il che succede abbastanza facilmente, sono bestiole curiose e modelle collaborative, anche se non possono immaginare che finiranno in un album fotografico a far bella mostra di sé in qualche salotto o appese al muro in una cornice, o ancora sul mio sito in internet ed in questo libro. Una guida sub maldiviana ha scoperto che alle mante piace il solletico delle bolle d'aria sulla pancia. Quando una bestia gli passa sulla testa si toglie l'erogatore e le scarica addosso una colonna di bolle...

Guarda qui un video sulle mante delle Maldive di Ron Lagerof



Questo post è un estratto del mio libro sulle Maldive. Per comprare il libro formato ebook kindle o cartaceo su Amazon clicca qui.


No comments:

Post a Comment

Click here to leave your comment. All comments are welcome and will be published asap, but offensive language will be removed.